PRODOTTI

5 consigli per scegliere il tuo ombrellone da giardino

July 10 2018
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Ombrelloni da giardino, ombrelloni per ristorante, ombrelloni per bar, come scegliere la soluzione più adatta alle nostre esigenze? Dall'esperienza dei nostri artigiani, ecco alcuni utili suggerimenti.

Ombrelloni da giardino, ombrelloni per ristorante, ombrelloni per bar, come scegliere la soluzione più adatta alle nostre esigenze?
Dall’esperienza decennale dei nostri artigiani, ecco alcuni utili suggerimenti.

1. Ombrelloni da Giardino, quanto spazio a disposizione?
Nella scelta dell’ombrellone da esterno, la prima cosa da valutare è sicuramente lo spazio a disposizione. Abbiamo un angolo del nostro giardino che vogliamo valorizzare? Una zona particolarmente esposta al sole che vogliamo ombreggiare? In questo caso, la soluzione migliore è un ombrellone con palo centrale. Tra i vantaggi dell‘ombrellone con palo centrale c’è sicuramente la praticità, l’ingombro ridotto al minimo e la facilità di posizionarlo e spostarlo dove si vuole. Un ombrellone rotondo, ad esempio, è la soluzione migliore per un giardino rustico o nel centro storico.

Per linee più moderne, consigliamo un modello rettangolare o quadrato. Geometricamente, un ombrellone rettangolare, come l’ombrellone quadrato, offre la possibilità di giocare con le linee e gli spazi soprattutto in plateatici molto ampi che permettono di ospitare più ombrelloni vicini. Chi, invece, non ha la necessità di spostare o muovere spesso l’ombrellone può scegliere sicuramente un ombrellone decentrato. Soprattutto se non ha bisogno di ottimizzare lo spazio il più possibile. Se da un lato l’ombrellone con braccio laterale lascia sgombra tutta la superficie in ombra, dall'altro ha una struttura molto importante. Adatta a terrazze e dehors molto spaziosi, la struttura dell’ombrellone con braccio laterale ha bisogno di molto spazio. Solo così l’ombrellone garantisce l’effetto di eleganza e prestigio che richiede chi sceglie un ombrellone a sospensione. Un investimento più importante per chi preferisce l’estetica alla praticità. O semplicemente per chi deciderà di arredare con dormeuse, lettini o chaise longue il proprio spazio outdoor.

2. Ombrelloni da Giardino con Balza o Senza Balza?
Il dibattito è aperto: c’è chi ne fa una questione estetica e quindi la scelta diventa molto personale. Ma, oltre alla funzione puramente estetica, qual è la funzione della balza? Detta anche mantovana, con il termine “balza” s’intende quella parte del telo che scende lateralmente sul perimetro del telo. Noi abbiamo scelto una balza da 20 centimetri, che secondo la nostra esperienza è il miglior compromesso tra design e funzionalità. Se da una parte riduce l’aerodinamicità dell’ombrellone (e per questo motivo ci sentiamo di sconsigliarla negli ombrelloni a sospensione), dall’altra assicura qualche minuto di ombra in più. Il sole scende, l’angolo di luce cambia e all’improvviso ci troviamo colpiti dai raggi di sole. Anche se il fastidio è minimo, perché in quella posizione il sole probabilmente sta già tramontando, la balza ci consente di godere dell’ombra ancora per un po’.
Avete deciso se preferite farvi sorprendere dal sole o godervi indisturbati il vostro relax riparati dal tessuto traspirante e antivento dei nostri ombrelloni?

Ora che sai quale modello fa per te, vediamo quali sono le caratteristiche che ogni ombrellone da esterno dovrebbe avere.

3. Che sia per la casa o per il ristorante, deve essere antivento!
Ombrelloni da esterno antivento. Sempre. Con la sicurezza non si scherza. Che sia destinato al giardino di casa o al pubblico più vasto di un dehors commerciale, non acquistate un ombrellone che rischia di strapparsi, o peggio, rovesciarsi per il vento. Anche se la zona non fosse particolarmente esposta, le condizioni meteo non sono mai prevedibili. Una raffica di vento, un temporale improvviso e l’ombrellone, soprattutto se un ombrellone grande, può rovesciarsi e diventare pericoloso. Metti al primo posto la sicurezza dei tuoi cari o dei tuoi clienti. Assicurati che l’ombrellone che stai acquistando abbia un camino antivento. Il camino è una particolare capotta che permette alle raffiche di filtrare attraverso determinate sporgenze, evitando il rigonfiamento che porta al sollevamento della copertura e, nelle situazioni peggiori, dell’ombrellone stesso.
Ovviamente anche la base ha il suo ruolo, ecco perché consigliamo almeno 4 marmette per gli ombrelloni decentrati e basi di peso inferiore ai 50 chili, nemmeno per gli ombrelloni più leggeri con palo centrale.

Adesso che sai quasi tutto sugli ombrelloni da giardino, affrontiamo una questione più tecnica. Non tutti gli ombrelloni da giardino sono uguali. Avrai notato soprattutto la differenza di prezzo tra le varie offerte del mercato. Modelli economici e modelli di lusso. Ma una volta che ho scelto un ombrellone sicuro, bello e adatto ai miei spazi, cos’altro devo valutare?
Noi non abbiamo dubbi. Nel vastissimo mondo degli ombrelloni da giardino, la differenza è data dalla qualità dei materiali scelti e dalle caratteristiche tecniche di produzione. E nel prossimo punto, ti spieghiamo perché non è necessario rinunciare a materiali pregiati, nemmeno se si ha a disposizione un budget ridotto.

4. I dettagli che fanno la differenza
Abbiamo visto l’importanza di un basamento stabile e sicuro, ci siamo soffermati sull’importanza di un telo antivento ma come si riconosce una buona struttura? Perché alcuni ombrelloni da giardino costano così poco ed altri così tanto anche se da fuori sembrano identici? La differenza è certamente nei materiali, ma non solo.

– i materiali
Per assicurare un prodotto che duri nel tempo, è bene scegliere un legno altamente stabile e soprattutto resistente a flessioni e deformazioni come il legno iroko. Noto per la sua resinosità, il legno iroko è molto resistente all’acqua e all’umidità. Ecco perché non sempre un palo in alluminio è l'unico a garantirti una struttura resistente. Il vantaggio del legno, infatti, non è solo estetico. Oltre ad una maggiore elasticità, caratteristica fondamentale soprattutto per gli ombrelloni decentrati, il pregio del legno è la capacità di tornare come nuovo con poca manutenzione. Per gli ombrelloni con palo centrale, che hanno una struttura più semplice, abbiamo selezionato il faggio e un diametro molto importante, purché lo spessore dei pali sia adeguato.

– la struttura
Il palo centrale degli ombrelloni da giardino deve avere almeno un diametro di 60 mm. Il palo quadrato degli ombrelloni a braccio laterale superiore ai 90 mm per lato. Dimensioni decisamente notevoli per assicurarti una struttura robusta e resistente. Tutte le stecche dovrebbero essere intercambiabili. E potremmo descriverti la peculiarità del sistema a doppia carrucola. Dell’attenzione maniacale nella scelta dell’arganello a manovella. O del trattamento del legno con vernici ad acqua, ma siamo sicuri che ormai hai un’idea chiara della qualità che devono avere dei materiali.

5. Facilità di Manutenzione e Garanzie
Come ogni acquisto online, l’affidabilità del venditore è imprescindibile. Questo vale per gli ombrelloni da esterno come per qualsiasi altro prodotto. Spesso per risparmiare ci si affida a rivenditori che per quanto professionali difficilmente riescono a rispondere tempestivamente quando c’è un problema. Una stecca da riparare, un telo che si è strappato, un palo da carteggiare e non c’è nessuno che possa risolvere il problema. "Abbiamo risparmiato e adesso bisogna comprare un nuovo ombrellone". Oppure ci si affida ad artigiani e produttori, spendendo forse qualche euro in più, ma con la garanzia di un artigiano a propria disposizione. Prima e dopo l’acquisto. Un buon ombrellone da giardino è un investimento che deve durare nel tempo. Con dei piccoli accorgimenti è facile prendersi cura del proprio ombrellone, mentre per riparazioni più importanti, affidati ad un servizio professionale.

Ma prima di arrivare a questo punto, un buon ombrellone si conserva senza problemi anche per molti anni se segui questa routine:

- Spolverare ogni sera con una scopa di saggina;
- strofinare (ma non troppo forte) con sapone di marsiglia e spazzola morbida per eventuali macchie;
- a fine stagione, una spennella un impregnante sulle parti in legno e un antiruggine su quelle metalliche.

Ora che hai davvero tutti gli elementi per creare la tua zona relax all'aperto, non resta che uscire a godersi l'estate!



Licenza di distribuzione:
FONTE ARTICOLO
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere