SOCIETA

A Brescia sta aumentando il livello di polveri sottili

November 24 2021
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

La pianura padana si conferma una delle zone più inquinate dell'Europa Il Codacons fa esposto in Procura: si rinnova l'esigenza di un piano di controllo e di emergenza

Cronaca di Brescia: Secondo uno studio pubblicato a inizio 2021 dal Barcelona Institute for Global Health, Brescia è la città in cui si muore di più per inquinamento atmosferico in Europa e i dati che oggi si leggono sul sito dell'Arpa non fanno ben sperare. «Il comune continua a ripeterci che l'aria va migliorando, ma gli studi recentissimi dicono che siamo da primato europeo, in negativo» dice Maurizio Bresciani del Tavolo Basta Veleni.

Per il comitato, Brescia vive inoltre un paradosso: in centro, la centralina che rileva le Pm 2,5 è quella del Broletto, che si trova in Ztl, Zona a traffico limitato. Non lo fa la centralina da traffico, quella in via Tartaglia. Lo scorso mese di luglio i referenti di Basta Veleni avevano incontrato prima Arpa e poi il Comune per chiedere di implementare le centraline. Ad oggi ancora non è stato fatto nulla.

Per il momento non è attiva nessuna 'misura antismog' prevista dal Protocollo aria di Regione Lombardia: il primo stop scatta dopo cinque giorni con concentrazioni di polveri sottile oltre la soglia.

Il Codacons, che aveva già presentato più esposti alla Procura della Repubblica di Brescia segnalando la colpevole mancanza di un piano di emergenza preventivo da parte del Comune di Brescia , rinnova ad oggi la richiesta.

Licenza di distribuzione:
Mariella Belloni
Vicecaporedattore - Marketing Journal
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere