AZIENDALI

Aba, l'incendio è superato: inaugurati i nuovi locali

December 6 2017
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

A sei mesi dall'incendio che ne colpì lo stabilimento di San Leo, Aba Arredamenti ha oggi superato ogni difficoltà e ha inaugurato i suoi nuovi ambienti. La storica azienda aretina, nata nel 1954 e attiva nella realizzazione di locali in tutto il mondo, ha visto lo scorso giugno il proprio reparto di verniciatura colpito dalle fiamme a causa di un guasto meccanico ad un macchinario, subendo ingenti danni e vedendo seriamente minacciata la propria catena di produzione. Tale emergenza è stata scongiurata allestendo all'esterno dello stabilimento una provvisoria cabina di verniciatura che ha permesso di rispondere temporaneamente alle commesse dall'Italia e dall'estero, mentre i titolari Massimo e Roberto Giaccherini hanno investito oltre 100.000 euro per ricostruire interamente i 220 metri quadrati del settore devastato dall'incendio. Negli ultimi mesi sono stati preparati i nuovi locali e sono stati dotati di macchinari e tecnologie all'avanguardia, permettendo di far recuperare piena efficienza allo stabilimento che, sviluppato su 7.000 metri quadrati, dà lavoro a circa cinquanta dipendenti.

A sei mesi dall'incendio che ne colpì lo stabilimento di San Leo, Aba Arredamenti ha oggi superato ogni difficoltà e ha inaugurato i suoi nuovi ambienti. La storica azienda aretina, nata nel 1954 e attiva nella progettazione e realizzazione di locali in tutto il mondo, ha visto lo scorso giugno il proprio reparto di verniciatura colpito dalle fiamme a causa di un guasto meccanico ad un macchinario, subendo ingenti danni e vedendo seriamente minacciata la propria catena di produzione. Aba fa infatti affidamento su cinque reparti strettamente collegati tra di loro (acciaieria, frigoristi, falegnameria, verniciatura e vetreria), dunque l'incendio ad uno di questi poteva paralizzare l'intera produzione e bloccarne l'operato. Tale emergenza è stata però scongiurata allestendo all'esterno dello stabilimento una provvisoria cabina di verniciatura che ha permesso di continuare a lavorare e di rispondere alle tante commesse dall'Italia e dall'estero, mentre i titolari Massimo e Roberto Giaccherini hanno investito oltre 100.000 euro per ricostruire interamente i 220 metri quadrati del settore devastato dall'incendio. Negli ultimi mesi sono stati così preparati i nuovi locali e sono stati dotati di macchinari e tecnologie all'avanguardia, permettendo di far recuperare piena efficienza allo stabilimento di Aba che, sviluppato su un totale di 7.000 metri quadrati coperti, dà attualmente lavoro a circa cinquanta dipendenti. «La nostra forza - spiega Massimo Giaccherini, - è di creare locali personalizzati e customizzati con un design frutto di attente ricerche estetiche e con l'uso di materiali innovativi per rispondere alle esigenze funzionali di ogni cliente, dunque l'intero ciclo produttivo dalla progettazione alla consegna si svolge all'interno del nostro stabilimento. Un'attività così strutturata poteva subire molti danni dall'incidente dell'incendio, ma siamo riusciti a trovare una soluzione provvisoria e ora possiamo festeggiare la piena riapertura della nostra sede e il suo potenziamento con macchinari e sistemi di ultima generazione».

Nonostante gli imprevisti degli ultimi mesi, Aba e i suoi dipendenti hanno avuto la prontezza di adattarsi alla nuova situazione e di portare avanti il proprio operato senza perdere la flessibilità tecnologica, la qualità e la creatività tipicamente artigianali che da sempre ne caratterizzano l'attività. Solo nelle ultime settimane, ad esempio, l'azienda ha completato alcuni importanti progetti per allestire nel mondo pasticcerie, gelaterie, caffetterie, ristoranti e pizzerie, con lavori portati avanti in Europa (da Aix-en-Provence a Londra) e negli altri continenti (da Miami a Caracas, fino ad arrivare alle lontane Isole Reunion davanti al Madagascar). «Ogni locale - aggiunge Giaccherini, - è progettato con una propria identità unica e innovativa, mantenendo quella creatività e quella maestria che ci configurano come veri e propri ambasciatori del design e dell'artigianato aretino nel mondo».

Licenza di distribuzione:
Marco Cavini
Responsabile pubblicazioni - Uffici Stampa Egv di Cavini Marco
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere