ECONOMIA e FINANZA

Abruzzo: contributi alle imprese colpite dal sisma

April 19 2019
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

La Regione Abruzzo mette a disposizione, con un nuovo “Bando Sisma”, fondi per le imprese che effettueranno investimenti produttivi – o hanno investito a partire dal 24 Agosto 2016 – nei territori colpiti dal sisma.

Possono accedere al bando tutte le imprese con sede operativa nei comuni colpiti dal sisma del 2016 e 2017, che svolgono attività produttive appartenenti alla sezione C, E, F e G della classificazione Ateco o che svolgono attività agricola, della pesca e dell’acquacoltura.

Attività ammesse al “Bando Sisma” della Regione Abruzzo

Gli investimenti ammessi devono essere finalizzati alla realizzazione di nuove unità produttive o all’ampliamento di unità produttive esistenti. Le spese sono quindi relative all’acquisto e/o realizzazione di:
- suolo aziendale (max 10%);
- opere murarie e assimilate;
- beni materiali ammortizzabili (comprese le quote capitale dei beni in leasing);
- autoveicoli targati ad uso non promiscuo;
- brevetti ed altri tipi di proprietà industriali;
- programmi informatici;
- per le sole PMI, spese per servizi di consulenza di supporto all’innovazione tecnologica di prodotto e processo, all’innovazione organizzativa e miglioramento dell’efficienza delle operazioni produttive, di efficienza ambientale ed energetica e certificazione avanzata, all’innovazione commerciale.

Agevolazione per le imprese colpite dal sisma

Il bando regionale prevede un contributo a fondo perduto a partire da una spesa minima di 20.000€ fino ad un massimo di 1.500.000€.

È possibile scegliere tra due tipologie di Regolamento UE:
- Per quanto riguarda il “Regime di Esenzione”, le spese ammissibili devono essere successive alla data di presentazione del progetto. Le intensità di aiuto variano in base alla dimensione dell’impresa e alla localizzazione dell’investimento per le singole tipologie di spesa: si parte da un minimo del 10% fino ad un massimo del 50% dei costi ammissibili.
- Per il “De Minimis”, il contributo è pari al 50% dei costi ammissibili, ma su investimenti effettuati a partire dal 24 Agosto 2016.

Scadenza

Lo sportello per la presentazione della domande aprirà il 15 maggio 2019 e rimarrà aperto fino al 15 giugno 2019, salvo esaurimento fondi.

I comuni interessati dal Bando

Il beneficio è riservato alle imprese che hanno una o più unità produttive nei comuni di:
Barete (AQ); Cagnano Amiterno (AQ); Campotosto (AQ); Campli (TE); Capitignano (AQ); Castel Castagna (TE); Castelli (TE); Civitella del Tronto (TE); Colledara (TE); Cortino (TE); Crognaleto (TE); Fano Adriano (TE); Farindola (PE); Isola del Gran Sasso (TE); Montereale (AQ); Montorio al Vomano (TE); Pietracamela (TE); Pizzoli (AQ); Rocca Santa Maria (TE); Teramo (TE); Torricella Sicura (TE); Tossicia (TE); Valle Castellana (TE).



Licenza di distribuzione:
FONTE ARTICOLO
Cesira Guida
Marketing & Comunicazione - Gruppo Del Barba Consulting
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere