SALUTE e MEDICINA

Aiop Puglia, diritto alla salute: con la Fase 2 tornano pienamente operative le strutture sanitarie private (sia accreditate che non)

May 15 2020
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Il presidente Aiop: «Riprendono le attività sospese nella fase di emergenza»

Dopo mesi di lockdown in cui i pazienti pugliesi non hanno potuto ricorrere a visite specialistiche, diagnostica per immagini, interventi chirurgici, controlli di routine e tutte le prestazioni sanitarie garantite dal sistema sanitario privato e pubblico accreditato, finalmente riprendono le attività sospese nella fase di emergenza e i cittadini potranno tornare a curarsi in totale sicurezza.

Ripartenza a 360 gradi, con la professionalità di sempre imbastita sul rapporto di fiducia con pazienti, non solo pugliesi. Tutte le strutture sanitarie private e private-accreditate della Puglia riaprono in piena sicurezza per garantire il diritto alla salute dei cittadini: tornano a essere assicurate tutte le prestazioni che, negli ultimi due mesi, sono state sospese, così come chiesto dalla Regione Puglia, per fronteggiare insieme agli ospedali pubblici, l’emergenza da Coronavirus.

La cosiddetta fase 2, quella successiva ai due mesi di lockdown necessario per contrastare il diffondersi del contagio da Cov Sars2, vede impegnata in prima linea l’Associazione Italiana Ospedalità Privata (A.I.O.P. Puglia) lungo due direttrici strettamente collegate: da un lato, il rispetto dei protocolli definiti dal Ministero della Salute e delle direttive della Regione Puglia guardando all’organizzazione e all’erogazione delle prestazioni, una volta superata la fase più critica dell’emergenza sanitaria (dall’obbligo di fornitura di determinati dispositivi di protezione individuale, alle misure per il necessario rispetto del distanziamento); dall’altro, la ripresa delle attività in precedenza sospese su espressa richiesta della Regione Puglia, allo scopo di decongestionare gli ospedali pubblici nei quali sono stati realizzati i reparti Covid, linee di trincea nella guerra che nessuno mai avrebbe immaginato di dover combattere.

“Facciamo la nostra parte come componente privata del Sistema Sanitario Nazionale, per garantire a pieno il diritto alla salute, sempre al fianco dei pazienti non solo della Puglia, dopo essere stati impegnati al pari della sanità pubblica nel difficile periodo dei ricoveri di pazienti risultati positivi al Coronavirus”, dice il presidente Aiop, Potito Salatto”.



Licenza di distribuzione:
Antonio Ventola
Ufficio stampa - Comunicazione Sanitaria
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere