GASTRONOMIA

ANICAV, Progetto BLOCKCHAIN applicato alla filiera del pomodoro

October 1 2020
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Il Progetto “Tomato Blockchain” realizzato da ANICAV e EZ Lab mira a tracciare e certificare la filiera del pomodoro a favore della sicurezza e qualità delle passate, delle polpe e dei pelati consumati in Italia e nel mondo

ANICAV, Associazione Nazionale Industriali Conserve Alimentari Vegetali, ed EZ Lab srl, PMI innovativa specializzata in soluzioni digitali avanzate per il settore Smart Agri-food, hanno dato il via a un progetto sperimentale Tomato Blockchain che, grazie all’impiego della tecnologia blockchain, punta a valorizzare la produzione del pomodoro di qualità, garantendone l’origine, la sicurezza e i valori sociali da trasferire al consumatore finale, certificando tutti i passaggi del processo di produzione e trasformazione.

Il progetto sarà avviato in due aziende pilota associate ad ANICAV, una nel bacino Nord, Rodolfi Mansueto Spa, e l’altra nel bacino Centro Sud, Compagnia Mercantile d’Oltremare Srl, che coinvolgeranno una o più OP.

EZ Lab ha sviluppato diverse soluzioni Blockchain dedicati al settore Agri Food, come le piattaforme software AgriChain e AgriOpenData per la tracciabilità e la certificazione digitale dei prodotti agricoli e dell’intera filiera agroalimentare.

“Come Associazione – dichiara Giovanni De Angelis, Direttore Generale di ANICAV - abbiamo deciso di implementare un progetto pilota ad hoc che tenga conto delle peculiarità della filiera del pomodoro da industria, delle reali esigenze delle nostre aziende e delle richieste dei consumatori in termini di qualità e sicurezza. Il nostro auspicio è che Tomato Blockchain possa diventare un modello replicabile all’intero settore offrendo ai consumatori, grazie all’integrazione della tecnologia blockchain, massima trasparenza e garanzia sulla qualità delle nostre produzioni.”

“Orgogliosi e fieri dell’opportunità di sviluppare questo progetto con ANICAV – dichiara Massimo Morbiato, Ceo e founder di EZ Lab – un’associazione attenta alle necessità dei suoi associati, della comunità, dell’ambiente e che vuole garantire la trasparenza e la fiducia dei consumatori. EZ Lab mette in campo tutte le sue competenze in ambito blockchain, tecnologia che siamo tra i primi ad aver applicato con successo all’economia reale, con i suoi oltre 40 progetti di tracciabilità in diverse filiere sull’agrifood e su altri settori”.

L’applicazione di questa tecnologia favorirà anche la commercializzazione estera della produzione made in Italy, contribuendo alla lotta alla contraffazione e all’ “Italian Sounding”. Il monitoraggio tramite blockchain, inoltre, sarà utile a garantire tutta la filiera e individuare fenomeni di caporalato o pratiche scorrette nei confronti dell’ambiente e delle comunità locali.

ANICAV
L’ANICAV, Associazione Nazionale Industriali Conserve Alimentari Vegetali, nata a Napoli il 5 febbraio 1945, è la più grande associazione di rappresentanza delle imprese di trasformazione di pomodoro al mondo per numero di imprese aderenti e quantità di prodotto trasformato. Essa associa 80 aziende su 110 operanti sul territorio nazionale che trasformano circa il 70% di tutto il pomodoro lavorato in Italia e la quasi totalità del pomodoro pelato intero prodotto nel mondo, con un fatturato, nel 2019, di 2,5 miliardi di euro (pari ad oltre il 75% del fatturato totale del comparto italiano della trasformazione del pomodoro). Circa il 60% delle produzioni è destinato all’esportazione sia verso l’Europa (Germania, Francia, Regno Unito) che verso gli altri Paesi (USA, Giappone, Australia) facendo del pomodoro un ambasciatore dell’eccellenza del made in Italy nel mondo.

EZ Lab
EZ Lab è una Pmi innovativa specializzata in soluzioni digitali avanzate per il settore Agri-Food. Il suo team è composto da professionisti del mondo dell’informatica, agronomi, legal business manager, business development advisor ed esperti di marketing e web reputation. Fondata nel 2014 nell'incubatore universitario Galileo Visionary District di Padova, oggi ha due sedi all'estero, nell'incubatore Thrive in Silicon Valley, California e a Reims, in Francia

Licenza di distribuzione:
Mariella Belloni
Vicecaporedattore - Marketing Journal
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere