ARTE E CULTURA

Anti-Museo | Museo di opere d’arte brutte e malriuscite

February 1 2021
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Quando sentiamo parlare di museo d’arte, capiamo immediatamente che si tratta di un luogo dove ci sono opere magnifiche, speciali e uniche. I musei espongono le opere dei grandi artisti e le realizzazioni più rappresentative di uno o più periodi storici.

Quando sentiamo parlare di museo d’arte, capiamo immediatamente che si tratta di un luogo dove ci sono opere magnifiche, speciali e uniche. I musei espongono le opere dei grandi artisti e le realizzazioni più rappresentative di uno o più periodi storici.


Se un’opera d’arte viene esposta in un museo, significa che ha un valore molto alto.

Altrimenti, perché un museo dovrebbe acquistarla e perché le persone dovrebbero andare a vederla?

Tutti questi presupposti sono veri per la maggior parte dei musei di tutto il mondo. Il museo d’arte è il luogo in vengono esposte e conservate opere di valore.

Ma questo discorso non si applica al Museum of Bad Art (MOBA). Il Museum of Bad Art è stato fondato per la nel 1994.

Quell’anno, un uomo di nome Scott Wilson ha trovato un’opera d’arte nella spazzatura. L’artista (o forse la persona cui lo aveva donata) l’ha ritenuta degna di un bidone della spazzatura.

Decise di raccogliere una serie di opere d’arte brutte. Opere in cui l’artista per qualsiasi motivo non era riuscito a raggiungere correttamente il proprio scopo e a trasferire bene sulla tela ciò che aveva in mente.

La collezione è cresciuta rapidamente e la casa di Scott Wilson non riusciva più a ospitare tutti i quadri. Per questo ha affittato un locale a Boston, USA, e ha esposto la sua collezione, facendo nascere ufficialmente il Museum of Bad Art.

Forse è iniziato tutto con un semplice divertimento. A poco a poco, tuttavia, i fondatori e il pubblico lo hanno preso sul serio e le regole del museo sono diventate più severe.

Ora un’opera d’arte deve essere veramente scarsa” per poter essere accettata dal museo. Inoltre, l’artista non deve aver dipinto intenzionalmente un’opera brutta. Il museo non espone gli scarabocchi dei bambini.

La condizione necessaria affinché il Museo prenda un’opera è che: “L’artista ha davvero cercato di creare un’opera d’arte forte e sublime. Ma non è riuscito a farlo e il risultato dei suoi sforzi è stato una catastrofe artistica”.

Alcune delle parole più ricorrenti dei fondatori del museo sono: “Perché non hai lasciato questo lavoro a metà e gli hai dato il tempo di essere completato?”

Si dice che le regole di ammissione al museo siano così rigide che su dieci opere d’arte presentate, nove vengono rifiutate perché non sono abbastanza catastrofiche.

Ci sono molte storie legate al Museum of Bad Art e possono essere trovate con una piccola ricerca su Internet.

Ad esempio, alcune delle opere in questo museo sono state rubate. Una volta, i funzionari del museo hanno annunciato di essere disposti a pagare una ricompensa di sei dollari e mezzo a chiunque avesse visto, acquistato o restituito l’opera.

Si potrebbe dire che il messaggio implicito fosse “Nessuna di queste opere da sola vale qualcosa, e ciò che le rende preziose è proprio il fatto che siano diventate parte di una collezione e che stiano l’una accanto all’altra”.

È interessante notare che, dieci anni dopo, qualcuno ha finalmente trovato un’opera d’arte rubata e ha annunciato di essere disposto a restituirla per $ 5.000. Ma poiché i funzionari del museo hanno insistito sulla loro precedente posizione secondo cui l’opera d’arte era di scarso valore, l’uomo alla fine ha restituito l’opera rubata al museo senza ricevere denaro.

Ma ciò che è più importante per noi è l’idea principale del museo: che in ogni campo ci sono persone che mettono tutto il loro entusiasmo e il loro impegno, ma alla fine non raggiungono un risultato prezioso e notevole.

Riflettiamo un po’ su questa idea e chiediamoci se dovremmo considerarla semplicemente come umorismo e intrattenimento . O queste collezioni possono davvero essere preziose?

Da poesie deboli a racconti scritti male, da aziende fallite a collaborazioni non andate in porto, da discorsi pessimi a libri cattivi, da post e didascalie su Instagram scadenti a frasi brutte su Twitter, si possono trovare molti esempi di tentativi falliti e catastrofici.

Ma la domanda rimane: queste cose hanno solo un valore che non va oltre l’intrattenimento e la capacità (involontaria) di suscitare la nostra ilarità?



Licenza di distribuzione:
FONTE ARTICOLO
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere