SOCIETA

"Ape Day", il Patronato Acli spiega l'anticipo pensionistico

May 19 2017
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente
CORRELATI:

Una giornata dedicata all'informazione sull'anticipo pensionistico. A promuoverla è il Patronato Acli di Arezzo che venerdì 19 maggio ospiterà nei propri sportelli l'"Ape Day", una campagna organizzata su tutto il territorio nazionale per permettere a cittadini e lavoratori di conoscere le opportunità offerte dalle nuove normative per andare in pensione prima. Per tutto il giorno sarà prevista un'apertura straordinaria delle sedi del Patronato della provincia, con i suoi professionisti che saranno a disposizione gratuitamente per analizzare le singole situazioni. L'iniziativa nasce in vista dell'attivazione delle nuove misure di flessibilità pensionistica introdotte nell'ultima Legge di Bilancio con l'Ape Sociale, l'Ape Volontario e le pensioni precoci, i cui decreti attuativi tardano ad arrivare. L'"Ape Day" rappresenterà l'occasione per analizzare ogni carriera lavorativa e per individuare le varie possibilità di pensionamento.

Una giornata dedicata all'informazione sull'anticipo pensionistico. A promuoverla è il Patronato Acli di Arezzo che venerdì 19 maggio ospiterà nei propri sportelli l'"Ape Day", una campagna organizzata su tutto il territorio nazionale per permettere a cittadini e lavoratori di conoscere le opportunità offerte dalle nuove normative per andare in pensione prima. Per tutto il giorno sarà prevista un'apertura straordinaria delle sedi del Patronato della provincia, con i suoi professionisti che saranno a disposizione gratuitamente per analizzare le singole situazioni. L'iniziativa nasce in vista dell'attivazione delle nuove misure di flessibilità pensionistica introdotte nell'ultima Legge di Bilancio con l'Ape Sociale, l'Ape Volontario e le pensioni precoci. Queste opportunità permetterebbero a tante categorie di lavoratori di godere di soluzioni più vantaggiose e più rapide per il pensionamento rispetto a quanto previsto dalla riforma Fornero, ma i loro decreti attuativi stanno ancora tardando ad arrivare.

I tempi potrebbero essere rapidi solo per l'Ape Sociale, un'indennità a carico dello stato per anticipare la pensione che è riservata a lavoratori di almeno sessantatre anni di età, in possesso di trenta o trentasei anni di contribuzione, che si trovino in particolari condizioni: stato di disoccupazione involontario terminati gli ammortizzatori sociali da almeno tre mesi, assistenza a coniuge o parente di primo grado disabile da almeno sei mesi, invalidità civile riconosciuta non inferiore al 74%, o dipendenti da almeno sei anni in lavori gravosi. La legge ha introdotto questo beneficio a partire dallo scorso 1 maggio e le domande dovranno essere presentate all'Inps entro il 30 giugno, ma non è escluso che per sanare il ritardo di uscita del decreto il termine possa slittare. «In questa situazione tanto confusa - spiega Pietro Donati, direttore del Patronato Acli di Arezzo, - l'"Ape Day" ha proprio l'obiettivo di fare chiarezza sulle misure di flessibilità per andare in pensione prima. Spiegheremo le molteplici soluzioni pensionistiche che, previste dalla legge, offrono varie possibilità di scelta, anche senza costi. L'invito è a recarsi agli sportelli del Patronato Acli dove saremo al fianco dei lavoratori per assisterli e per consigliare al meglio come procedere a seconda delle singole esigenze, dal momento che ognuno necessita di una consulenza previdenziale personalizzata: tutte le carriere lavorative sono diverse e rappresentano situazioni complesse, ma l'aspetto positivo è che esistono molteplici opportunità».

Licenza di distribuzione:
Marco Cavini
Responsabile pubblicazioni - Uffici Stampa Egv di Cavini Marco
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere