GASTRONOMIA

Arriva un nuovo modo di fare gelato!

January 29 2018
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Il gelato artigianale non si scioglie di fronte alla crisi dei consumi e fa da traino all'industria agroalimentare, ma occorrono nuove idee.

«La filiera made in Italy del gelato è un segmento prezioso della nostra industria agroalimentare – ha sottolineato Piergiorgio Borgogelli, direttore generale dell’Ice in occasione della presentazione a Roma di Gelato Festival.
Un settore che non conosce la crisi visti i numeri espressi in occasione della recente edizione del Sigep appena conclusasi a Rimini. Tante novità belle e soprattutto buone.

Alfredo è proprio una di queste, un'idea innovativa in un settore ampiamente collaudato, soprattutto in Italia, dove l'obiettivo è aprire la strada per una nuova tendenza: "preparare il gelato davanti al cliente".
Rispetto all'attuale offerta dove si alternano gelaterie di tipo tradizionale, rispetto al mondo del soft, Alfredo traccia la strada per una nuova interpretazione del modo di fare gelato: abbandona il tradizionale laboratorio, portandolo in vetrina.

Utilizzando dei mantecatori verticali, l'idea è quella di usare una sola macchina per produrre e servire gelato, il tutto davanti al cliente. Mostrando la preparazione della miscela, si manteca il gelato a vista e grazie alla "continua mantecazione" il gelato che si ottiene rimane sempre fresco e cremoso.

Stupire, emozionare, esaltare i sensi, non solo del palato ma della vista. Con Alfredo si è cercato di tradurre tutte queste emozioni e sensazioni in un format espressione di una ricercata qualità della materia prima utilizzata e bandiera di quella eccellenza sinonimo della nostra italianità.

Oggi nel Belpaese le gelaterie (compresi bar e pasticcerie che vendono il gelato artigianale) sono 39.000 e occupano circa 150mila persone, il 10% in più rispetto a cinque anni fa.
Ma la sfida oggi è anche all’estero: se in Italia se ne contano 39.000, nel mondo le gelaterie artigianali sono circa 100.000, concentrate in Europa. Nord America, Asia e Oceania hanno grandi potenzialità, visto che i numeri sono ancora ridotti: 1.100 gelaterie aperte negli Stati Uniti, 1.200 in Giappone, circa 200 in Australia.

Una sfida: utilizzare ingegno e fantasia per trasformare un’idea in un progetto ambizioso con un obiettivo chiaro come riporta Matteo Scattolin, Managing Director di Alfredo Gelato: “Il nostro progetto segna il punto di partenza che rivoluziona il modo di fare gelato. L'ho creato col sogno di vedere Alfredo come bandiera di uno spirito italiano sinonimo di qualità, innovazione e passione”.



Licenza di distribuzione:
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere