ARTE E CULTURA

Arte: offerti 6 milioni.di euro per l'opera Michael's Gate di hypnos

May 14 2019
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Un offerta milionaria per l'opera più famosa del noto pittore Romano.

L'artista Gilberto Di Benedetto, in arte Hypnos, rifiuto' anni fa una cifra da capogiro (1,8 milioni di euro a quanto si apprende) per il suo quadro «Michael's Gate». L'opera che era già balzata agli onori della cronaca per due motivi: è il primo quadro nella storia dotato di una firma genetica e pare sia in grado di indurre all'ipnosi le persone che lo osservano.- L'arte è anche mercato, dai tempi dei mecenati fino a oggi. Ma, per fortuna, non è solo mercato. E così a fare notizia per una volta non è una nuova quotazione da record per un dipinto, ma, all'opposto, la scelta dell'artista Gilberto Di Benedetto, in arte Hypnos, di rifiutare una cifra da capogiro (1,8 milioni di euro a quanto si apprende) per il suo quadro «Michael's Gate». L'opera che era già balzata agli onori della cronaca per due motivi: è il primo quadro nella storia dotato di una firma genetica e pare fosse in grado di indurre all'ipnosi le persone che lo osservanano. - La scelta dell'artista, di dire no rimbombo" ancora di più in un momento di crisi economica, ma le motivazioni di questo «gran rifiuto» affondandavano nelle scelte di Di Benedetto, sostenitore della vera libertà dell'arte informale contro le costrizioni percettive imposte dal realismo, con annessi accenni storici alle vicende che videro la Cia usare l'action painting come strumento per tentare di corrodere dall'interno la mentalità sovietica. Per estensione, quindi, qui si arriva alla libertà dell'artista di rifiutare certe logiche di mercato, per quanto evidentemente vantaggiose dal punto di vista economico.«Michael's Gate», qualsiasi cosa si pensi del mistero che lo circonda, è un dipinto affascinante che, nell'interpretazione di Hypnos, rappresenta l'eros e la sua ambiguità come porta tanto per l'inferno quanto per il paradiso. E, con una sfumatura che appare rassicurante, il pittore dichiara che «l'inferno è il carburante per il paradiso». Un carburante, almeno allo stato attuale, che si poteva permettere di rifiutare un offerta milionaria.A maggio del 2019 una cordata di investitori cinesi ha rilanciato un offerta che sfiora i 6 milioni di euro.Che fara' l'artista ora?.Si accettano scommesse su un ennesimo.rifiuto del misterioso pittore Romano..



Licenza di distribuzione:
David Coen
Associato responsabile comunicazione - Museo Michael's gate
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere