AZIENDALI

Assenza di braccianti stranieri? Geoplant Vivai lancia una proposta al Presidente Bonaccini

April 14 2020
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Con le gelate che hanno distrutto il 100% delle drupacee, L'Emilia-Romagna ha la manodopera disponibile per sostenere, anche solo parzialmente, il comparto agricolo di altre Regioni

“A breve Verona entrerà nella fase della raccolta delle fragole ma mancano migliaia di operai. L'Emilia-Romagna, visti i danni da gelo che hanno portato via quasi il 100% delle drupacee, avrà di certo braccianti disponibili”. A parlare è Lucilla Danesi, Responsabile Commerciale Fragole dell'azienda vivaistica Geoplant Vivai, che con un post su Facebook ha avanzato al Presidente della Regione Stefano Bonaccini una proposta concreta per ovviare alla mancanza di braccianti stranieri, fondamentali per rispettare gli impegni del calendario agricolo di questo periodo. “Riusciamo a coordinare le due Regioni in modo che gli agricoltori veronesi non debbano lasciare la frutta su pianta e dei disoccupati possano trovare una forma di reddito?”

Una soluzione che è certamente parziale, ma sintetizza bene la posizione solidale e propositiva che Geoplant Vivai sta tenendo in questo periodo. Nelle ultime settimane l'azienda ravennate si è fatta portavoce, in diverse occasioni, delle gravi problematiche che il comparto agricolo sta affrontando a causa dell'emergenza Coronavirus: dalle difficoltà della logistica al rischio del blocco export, fino all'inquietante e attuale prospettiva di perdere il lavoro di un'intera stagione.

“Mancano davvero pochissimi giorni all'inizio della raccolta – continua Lucilla Danesi – e ora è necessario rimanere uniti e concentrarci sull'aiuto che possiamo dare concretamente all'agricoltura veneta. In Emilia-Romagna registriamo una sovrabbondanza di personale e quindi è doveroso pensare a delle strategie per mettere a disposizione di altre Regioni risorse di cui tutti in questo momento lamentano l'assenza”.

La preoccupazione non si esaurisce qui, ma si estende anche a tutte quelle aziende agricole di piccole dimensioni che, lontane dai circuiti della grande distribuzione, rischiano di rimanere isolate e perdere il raccolto, sia della primavera che dell'estate. “Per evitare questo rischio crediamo sia importante che ogni azienda abbia uno spazio gratuito dove pubblicizzarsi, consentendo ai consumatori di sapere dove sono e cosa offrono”, conclude Lucilla Danesi invitando tutti gli operatori a usare WEFROOD, l'app che unisce produttori e rivenditori di frutta e permette anche piccole realtà di ottenere una visibilità importante, necessaria a raggiungere il consumatore in questo periodo di crisi.





Licenza di distribuzione:
Matteo Barboni
communication manager e pr - Borderline srl
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere