ECONOMIA e FINANZA

Aste Giudiziarie: fare affari alle aste

February 15 2012
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Molte vendite si concludono, anche a prezzi superiori, a quello base fissato negli esperimenti precedenti......

Secondo quanto emerge dalle esperienze raccolte durante le vendite all’asta di beni immobiliari, non sempre attendere il ribasso del prezzo base porta ad un effettivo risparmio.

Nella maggior parte dei casi rilevati, una seduta di vendita, al 3° o 4° esperimento, attira un maggior numero di partecipanti. Questo è dovuto ovviamente, alla riduzione che ha subito il prezzo base di vendita ma anche, alla maggiore pubblicità che l’avviso di vendita ha avuto nel tempo.

L’afflusso di potenziali aggiudicatari, favorisce d’altro canto una maggiore competizione in caso di gara, favorendo il numero dei rilanci e, quindi del prezzo.

Molte vendite pertanto si concludono, anche a prezzi superiori, a quello base fissato negli esperimenti precedenti.
Questo induce a pensare che la sensibilità economica di ciascuno, verso quel determinato bene, aumenta in caso di competizione, ma non sempre genera un acquisto economicamente vantaggioso.

Le indicazioni sono quindi orientate a prediligere un comportamento che determini fin dall’inizio il massimo prezzo disposti a pagare con la consapevolezza, a seconda dell’interesse che si ha verso quel determinato bene, che potrebbe non essere necessario attendere troppo tempo.

Redazione A.A.



Licenza di distribuzione:
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere