ARTE E CULTURA

Beni Culturali: Firenze culla del restauro e dell’arte, a Villa Vittoria il salone biennale internazionale

February 20 2020
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Firenze culla del restauro, dell’arte, dei musei e delle nuove tecnologie applicate ai beni culturali, del turismo legato al patrimonio immateriale, materiale e ambientale del nostro paese, della formazione e dell’editoria specializzata.

Torna da mercoledì 13 a venerdì 15 maggio, a Villa Vittoria (Palazzo dei Congressi, viale Strozzi), la settima edizione del Salone Biennale Internazionale dell’Arte e del Restauro di Firenze promosso da Palazzo Spinelli Group e da Universalturismo con il patrocinio del MiBACT, Regione Toscana, Comune di Firenze, Università degli Studi di Firenze, CNA, Confartigianato, Consiglio Nazionale delle Ricerche e da molto altri enti nazionali e internazionali (info su programma, eventi, espositori ed approfondimenti su www.salonerestaurofirenze.com).

A Firenze, sono attesi oltre 130 espositori tra istituzioni, enti, aziende e start-up, restauratori, stakeholder, professionisti, addetti ai lavori e i principali e più autorevoli protagonisti del mondo del restauro e dei beni culturali a livello internazionale. La novità, rispetto alle precedenti edizioni, è l’ingresso libero al Salone per favorire la partecipazione di un pubblico ancora più vasto con l’obiettivo di condividerne la salvaguardia e la crescita del sistema culturale italiano.

Mille ore di approfondimenti tra convegni, workshop specialistici, presentazioni, seminari e 150 gli eventi in programma nell’arco della kermesse che, in questa VII edizione, punta i riflettori sui temi di grande attualità e cultura come i cambiamenti climatici e patrimonio culturale e naturale, tecnologie innovative e ricerca per i beni culturali, tutela dei beni culturali nei territori colpiti dai catastrofi naturali e disastri ambientali e conflitti armati, il cinquecentesimo anniversario della morte di Raffaello Sanzio, le anticipazioni degli eventi per i 700 anni dalla morte di Dante Alighieri (2021) ed il ruolo delle donne nel restauro e nell’arte.



Licenza di distribuzione:
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere