SALUTE e MEDICINA

Biogen: Nuovi dati su nusinersen confermano efficacia e sicurezza nel lungo periodo su un ampio spettro di pazienti affetti da atrofia muscolare spinale (SMA)

May 21 2020
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Il trattamento con nusinersen ha migliorato o stabilizzato la funzionalità motoria in diverse popolazioni di pazienti, inclusi i giovani adul Il profilo di sicurezza di nusinersen nel lungo periodo si è dimostrato coerente su un ampio spettro di età e di tipi di SMA I nuovi dati si aggiungono alla rilevante quantità di evidenze che dimostrano il beneficio clinicamente significativo di nusinersen in infanti, bambini e nei giovani adulti sottoposti al trattamento per un periodo fino a sei anni e mezzo

Biogen ha presentato nuovi dati sul programma di sviluppo clinico di nusinersen, condotto su un ampio spettro di pazienti con atrofia muscolare spinale (SMA), dai quali emerge un’ulteriore conferma dell’efficacia e della sicurezza a lungo termine del farmaco. Questi nuovi dati sono stati selezionati per essere presentati in occasione della 72a edizione del congresso annuale della American Academy of Neurology (AAN) e saranno consultabili online sulla piattaforma virtuale 2020 AAN Science Highlights.

“In quanto primo trattamento approvato per la SMA, nusinersen può vantare un set di dati significativo ed esclusivo che ci consente di valutare la sicurezza e la durata d’azione delle dosi ripetute nel tempo negli individui di diverse fasce di età e che presentano forme differenti della malattia, con diversa gravità”, ha dichiarato il Dottor Alfred Sandrock Jr., vicepresidente esecutivo e direttore R&S di Biogen. “I nuovi dati mostrano che il trattamento prolungato con nusinersen, fino a un massimo di sei anni e mezzo, ha migliorato o stabilizzato la funzionalità motoria e l’attività della malattia su un ampio spettro di pazienti con SMA. Questi risultati sono in netto contrasto con il decorso naturale tipico della malattia. In aggiunta, in una malattia progressiva come la SMA, la stabilizzazione è una misura importante nel determinare il successo della terapia, poiché consente alle persone di mantenere la funzionalità motoria che rischierebbero altrimenti di perdere.”

I nuovi dati confermano l’efficacia e la sicurezza a lungo termine di nusinersen in diverse fasce di età e tipi di SMA

Lo studio di estensione in aperto SHINE (NCT02594124) ha arruolato 292 pazienti (dall’età neonatale fino all’adolescenza) coinvolti in precedenza in cinque studi clinici su nusinersen, compreso ENDEAR. I nuovi risultati emersi dallo studio SHINE mostrano che il trattamento con nusinersen ha migliorato la funzionalità motoria o stabilizzato la malattia nei bambini e nei giovani adulti sottoposti a terapia prolungata. In alcuni casi il trattamento è stato somministarto per un periodo di sei anni e mezzo.

Le evidenze più salienti includono:

I pazienti con SMA ad esordio infantile inclusi nello studio ENDEAR-SHINE (n=105), la cui terapia con nusinersen è iniziata più precocemente, hanno fatto registrare i benefici più significativi, mentre in coloro che hanno iniziato il trattamento più tardi è stato possibile osservare la stabilizzazione o il miglioramento della funzionalità motoria.
È stata condotta un’analisi separata su una coorte di giovani adulti (con SMA di tipo 2 o 3) che hanno iniziato la terapia con nusinersen da adolescenti (da 13 a quasi 16 anni di età) e hanno proseguito il trattamento per un massimo di sei anni e mezzo (intervallo da 5,3 a 6,8 anni). Durante il periodo di follow-up, nella maggioranza di questi pazienti è stata riscontrata una funzionalità motoria generalmente stabile o in miglioramento, valutata mediante la Hammersmith Functional Motor Scale Expanded (HFMSE), Revised Upper Limb Module / Upper Limb Module (RULM/ULM) e Six-Minute Walk Test (6MWT).
Lo studio ha preso in esame anche l’impatto sui caregiver dei partecipanti all’analisi, misurato tramite l’Assessment of Caregiver Experience with Neuromuscular Disease (ACEND). Dai risultati emerge che la maggior parte di essi ha riportato un impatto stabile o in diminuzione durante il periodo di analisi. ACEND è uno strumento di valutazione degli esiti concepito appositamente per coloro che assistono bambini affetti da malattie neuromuscolari, valutando l’impatto della malattia sulla base di criteri fisici, emotivi e finanziari.1
L’efficacia di nusinersen è stata dimostrata anche negli individui con SMA a esordio tardivo (n=126), come si evince dalla stabilità dei punteggi HFMSE e RULM.
In tutte le presentazioni dei dati di SHINE, il profilo di sicurezza di nusinersen è risultato coerente con gli esiti riportati in precedenza.

Le presentazioni dei dati al congresso AAN menzionate nel presente comunicato includono:

Nusinersen in Infantile-onset Spinal Muscular Atrophy: Results From Longer-term Treatment From the Open-label SHINE Extension Study (Nusinersen nella SMA a insorgenza infantile: i risultati del trattamento a lungo termine dallo studio di estensione in aperto SHINE)
Longer-term Experience With Nusinersen in Young Adults With Spinal Muscular Atrophy: Results From the CS2/CS12 and SHINE Studies (Esperienza a lungo termine con nusinersen nei giovani adulti affetti da atrofia muscolare spinale: i risultati degli studi CS2 / CS12 e SHINE)
Longer-term Treatment With Nusinersen: Results in Later-onset Spinal Muscular Atrophy From the SHINE Study (Trattamento a lungo termine con nusinersen: i risultati nell’atrofia muscolare spinale a esordio tardivo dallo studio SHINE)
Safety Profile of Nusinersen in Presymptomatic and Infantile-Onset Spinal Muscular Atrophy (SMA): Interim Results From the NURTURE and ENDEAR-SHINE Studies (Profilo di sicurezza di nusinersen nell’atrofia muscolare spinale pre-sintomatica e a esordio neonatale: i risultati intermedi degli studi NURTURE ed ENDEAR-SHINE)

Informazioni su nusinersen2-4
Nusinersen è stata la prima terapia a ottenere l’approvazione per il trattamento di neonati, bambini e adulti affetti da atrofia muscolare spinale (SMA) ed è autorizzato in più di 50 paesi. Oltre 10.000 pazienti sono stati trattati con nusinersen in tutto il mondo (dati aggiornati al 31 marzo 2020). È l’unico trattamento contro la SMA in grado di associare un’esperienza real-world senza pari ed evidenze cliniche ben consolidate su un ampio spettro di popolazioni trattate.

La SMA è una rara malattia genetica neuromuscolare caratterizzata dalla perdita dei motoneuroni del midollo spinale e del tronco encefalico, con esiti potenziali come debolezza e atrofia muscolare grave e progressiva. La SMA è diagnosticata a circa 1 neonato su 10.000 e la malattia colpisce persone di tutte le età. È una delle cause genetiche principali di mortalità infantile.

Nusinersen, standard terapeutico per la SMA, è un oligonucleotide antisenso (ASO) sviluppato grazie alla tecnologia esclusiva di Ionis e concepito per mirare alla causa alla radice della SMA, ossia aumentando la quantità di proteina completa denominata Survival Motor Neuron (SMN), la quale è essenziale per il mantenimento dei motoneuroni. Il farmaco viene somministrato per via intratecale a livello lombare, si diffonde così nel liquido cefalorachidiano che circonda il midollo spinale luogo dove si situano i motoneuroni in modo tale da fornire il trattamento direttamente nella sede primaria della patologia.

Nusinersen oggi può vantare un set di dati clinici consolidati sulla SMA, grazie ai dati acquisiti su un ampio spettro di pazienti - circa 300 - che dimostrano un profilo rischio-beneficio favorevole. Nusinersen è stato valutato in due studi randomizzati in doppio cieco e controllati rispetto al gruppo sham condotti su pazienti con SMA a esordio precoce, ovvero entro i 6 mesi di età e tardivo (rispettivamente ENDEAR e CHERISH). I dati acquisiti negli studi registrativi sono stati integrati con studi open-label sui neonati in fase pre-sintomatica (NURTURE), su bambini e adolescenti affetti da SMA ad esordio tardivo (CS2/CS12), nonché con un uno studio di estensione sugli individui che avevano partecipato al programma di sviluppo clinico (SHINE). Gli eventi avversi riscontrati più di frequente sono stati infezioni del tratto respiratorio, febbre, costipazione, cefalea, vomito e dolori alla schiena. Ipersensibilità, idrocefalo e meningite sono stati osservati nella fase successiva alla commercializzazione. Dopo la somministrazione di alcuni oligonucleotidi antisenso sono state osservate tossicità renale e anomalie della coagulazione, compresa la trombocitopenia grave acuta. I test di laboratorio possono rivelare l’insorgenza di questi segni.

Biogen ha ottenuto i diritti globali per sviluppare, fabbricare e commercializzare nusinersen da Ionis Pharmaceuticals Inc. (Nasdaq: IONS), leader nei prodotti terapeutici antisenso. Biogen e Ionis hanno condotto un programma di sviluppo clinico innovativo che ha portato dalla prima somministrazione di nusinersen sull’uomo nel 2011 alla prima autorizzazione regolatoria in cinque anni.

Informazioni su Biogen

La missione di Biogen è chiara: essere pionieri nelle neuroscienze. L’azienda si avvale di una ricerca scientifica all’avanguardia per sviluppare e rendere disponibili terapie innovative destinate alle persone che in tutto il mondo vivono con gravi patologie neurologiche e neurodegenerative. Fondata nel 1978 da Charles Weissmann, Heinz Schaller, Kenneth Murray e dai Premi Nobel Walter Gilbert e Phillip Sharp, Biogen è una delle prime aziende biotecnologiche al mondo. Oggi l’azienda vanta il portfolio di farmaci più ricco al mondo nell’ambito delle terapie per la sclerosi multipla (SM), ha introdotto il primo trattamento per l’atrofia muscolare spinale (SMA) e rende disponibili le versioni biosimilari di prodotti biologici avanzati. Allo stesso tempo, Biogen cura programmi di ricerca nella sclerosi multipla e nella neuroimmunologia, nei disturbi neuromuscolari, nei disturbi del movimento, nel morbo di Alzheimer e demenza e in oftalmologia, immunologia, disturbi neurocognitivi, neurologia acuta e dolore neuropatico.

Biogen - Dichiarazione Cautelativa

Il presente comunicato contiene dichiarazioni a carattere previsionale ai sensi della legge statunitense Private Securities Litigation Reform Act del 1995. Tra queste dichiarazioni sono da annoverare quelle relative ai benefici, alla sicurezza e all’efficacia potenziali di nusinersen, ai risultati di determinati dati del mondo reale, all’identificazione e al trattamento della SMA, ai programmi di sviluppo clinico, alle sperimentazioni cliniche, alle letture e presentazioni dei dati, nonché ai potenziali benefici e risultati del trattamento precoce della SMA. Tali dichiarazioni possono essere identificate da termini come “puntare”, “anticipare”, “credere”, “potrebbe”, “stimare”, “aspettarsi”, “prevedere”, “obiettivo”, “intendere”, “può”, “programmare”, “possibile”, “potenziale”, “sarà”, “sarebbe” e termini ed espressioni dal significato simile. Non è opportuno fare indebito affidamento su queste affermazioni o sui dati scientifici menzionati.

Queste affermazioni sono soggette a rischi e incertezze che potrebbero determinare divergenze sostanziali tra i risultati effettivi e il contenuto delle affermazioni stesse, che includono, a titolo indicativo e non limitativo, l’insorgenza di eventi avversi; i rischi legati a costi, ritardi o altre complicazioni non prevedibili; l’incapacità di proteggere e far rispettare i dati, la proprietà intellettuale e gli altri diritti di proprietà, come pure le incertezze legate alle controversie e alle problematiche sulla proprietà intellettuale; il rischio che le autorità di regolamentazione possano richiedere informazioni aggiuntive o ulteriori studi; il mancato ottenimento delle approvazioni regolatorie in alcune giurisdizioni; l’assunzione di responsabilità sui prodotti e i rischi legati alla collaborazione con terze parti; gli impatti diretti e indiretti della pandemia da COVID-19 in corso sulla nostra attività, sui risultati operativi e sulle condizioni finanziarie. Quanto riportato esemplifica molti, ma non tutti, i fattori che potrebbero causare una discrepanza tra i risultati effettivi e le nostre aspettative espresse nelle dichiarazioni previsionali. Gli investitori dovrebbero tenere in considerazione la presente dichiarazione cautelativa, nonché i fattori di rischio identificati nel report annuale o trimestrale redatto più di recente da Biogen o nelle altre relazioni da noi depositate presso la Securities and Exchange Commission degli Stati Uniti. Queste dichiarazioni sono valide solo alla data del presente comunicato e sono motivate dalle nostre opinioni e aspettative attuali. Non sottoscriviamo alcun obbligo di aggiornare pubblicamente qualsiasi dichiarazione previsionale in seguito all’acquisizione di nuove informazioni, sviluppi futuri o quant’altro.

Riferimenti bibliografici:

Matsumoto H, Clayton-Krasinski DA, Klinge SA, et al. Development and initial validation of the assessment of caregiver experience with neuromuscular disease. J Pediatr Orthop. 2011;31(3):284-292.
Sulla base dei pazienti osservati nel periodo successivo alla commercializzazione e nel programma EAP (Expanded Access Program), insieme ai partecipanti alle sperimentazioni cliniche (dati aggiornati al 31 marzo 2020).
Finkel R, Chiriboga C, Vajsar J, et al. Treatment of infantile-onset spinal muscular atrophy with nusinersen: a phase 2, open-label, dose-escalation study. Lancet. 2016;388(10063):3017-3026.
Darras B, Markowitz J, Monani U, De Vivo D. Chapter 8 - Spinal Muscular Atrophies. In: Vivo BTD, ed. Neuromuscular Disorders of Infancy, Childhood, and Adolescence (Second Edition). San Diego: Academic Press; 2015:117-145.






Licenza di distribuzione:
Mariella Belloni
Vicecaporedattore - Marketing Journal
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere