VARIE

Bollino Blu della caldaia - scadenze, rinnovi e multe

September 25 2019
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Il Bollino Blu, obbligatorio per legge dal 2006, certifica il corretto funzionamento degli impianti di riscaldamento. In questo articolo rispondiamo alle domande più frequenti riguardo scadenze, rinnovi, doveri e multe.

Il Bollino Blu è una certificazione obbligatoria prevista dal Decreto Legge 311/06 che attesta il corretto funzionamento della caldaia, in termini di efficienza, rendimento energetico, sicurezza e inquinamento.

Come e da chi viene rilasciato il Bollino Blu della Caldaia a Roma?

Il Bollino Blu può essere rilasciato solamente da tecnici abilitati e autorizzati previo controllo della caldaia. Di solito, prima di rilasciare la certificazione, il personale autorizzato effettuerà la manutenzione periodica dell'impianto di riscaldamento, controllandone il corretto funzionamento e l'efficienza energetica. Fa parte dell'analisi anche il controllo dei fumi di scarico per controllare l'eventuale emissione sostanze nocive o inquinanti.

Quando scade e ogni quanto deve essere rinnovato il bollino blu caldaia a Roma?

Il primo bollino blu si ottiene alla prima accensione della caldaia, ovvero subito dopo l'installazione. In seguito il bollino blu deve essere aggiornato periodicamente e le scadenze variano a seconda del tipo di caldaia, luogo di installazione, potenza e età dell’impianto.
- caldaie esterne e a camera stagna, installate da meno di 8 anni e con potenza minore di 35 kW - ogni 4 anni
- caldaie con più 8 anni o se installate all’interno dell’abitazione in cui si vive - ogni 2 anni
- caldaie non a gas, a combustibile solido e liquido e impianti centralizzati condominiali, indipendentemente dall’anno di installazione - ogni anno

Chi paga e a chi spetta?

Nel caso di una casa in affitto la spesa dovrà essere suddivisa fra inquilino e proprietario. L’inquilino dovrà farsi carico delle spese ordinarie della caldaia, come quelle per la pulizia, il controllo dei fumi, l’accensione e lo spegnimento stagionale e le piccole spese di manutenzione. Il locatore dovrà invece sostenere i costi per la sostituzione della caldaia, per gli adeguamenti alla normativa, per l’installazione e per eventuali interventi straordinari.

Cosa si rischia?

Essendo il bollino blu una certificazione obbligatoria, qualora si venisse pescati da un controllo a campione senza tale certificazione si rischia di incorrere in multe salate:
- Multa da 500 a 3.000 euro (art. 15 D.L. n. 192 del 2005); la multa è a carico del responsabile dell’impianto, quindi in caso di affitto è a carico dell’inquilino;
- Multa da 500 a 600 euro in caso di mancanza del libretto della caldaia;
- Costo del controllo per regolare la posizione, che va dai 50 ai 100 euro, a cui si aggiungono le eventuali spese di riparazione.



Licenza di distribuzione:
FONTE ARTICOLO
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere