HI-TECH

Breve guida sulle reti informatiche

April 1 2019
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Abbiamo a che farci tutti i giorni sia in ufficio che casa, ma quanto ne sappiamo di reti informatiche? Scopriamolo in questa breve guida.

Ormai tutti quanti abbiamo a che fare con una rete informatica, tuttavia è molto probabile che nella nostra testa ci sia un po' di confusione sulla loro strutturazione e sul loro funzionamento. Cerchiamo quindi di scoprire in questa breve guida i concetti base di una rete informatica.

Router
Anche se è possibile navigare su internet senza router, tramite accesso diretto del computer al modem, non è invece possibile creare una rete LAN senza un router.
A questo proposito è importante conoscere le differenze tra router e modem e soprattutto capire cosa fa veramente un router. In sintesi il modem è quel dispositivo che si collega alla rete internet, ossia a tutta la rete di dispositivi che gestiscono siti web ed applicazioni. Il router, invece, serve a indirizzare i dati ricevuti dall'esterno al computer giusto.
In altri termini, se il modem è la porta per uscire da casa, il router è, invece, come un vigile che dice ai dati di andare da una parte o l'altra.
Solitamente nelle piccole reti sì parla di modem/router in quanto le due funzionalità sono riunite nello stesso apparecchio.

Come comunicano i dispositivi di rete su internet?
Dal punto di vista teorico, i dati che vengono inviati e ricevuti da un computer via internet sono gestiti dal protocollo TCP/IP. Il protocollo TCP (Transmission Control Protocol) è responsabile della scomposizione dei dati in piccoli pacchetti e della loro ricomposizione, mentre il protocollo IP (Internet Protocol) gestisce invece il viaggio dei pacchetti, in modo che siano ricevuti dal giusto destinatario.


Indirizzi IP
I computer in rete sono identificati tramite un indirizzo IP. L'indirizzo IP è come la targa della macchina, un numero identificativo all'interno della rete.
Gli indirizzi IP vanno distinti in interni ed esterni. Quelli interni sono quelli che permettono di identificare il singolo dispositivo all’interno della rete locale e possono essere dinamici (un dispositivo assumo un indirizzo differente ogni volta che si collega alla rete locale), assegnati via DHCP, oppure statici (ogni volta che il dispositivo si collega assume sempre il medesimo IP).
L'IP interno, è utile per far comunicare i computer di casa tra loro e trasferire dati.
L’indirizzo esterno è quello con la quale la nostra rete locale si identifica quando si collega a internet. Indirizzo che ci viene assegnato dal nostro provider in maniera statica o dinamica. Solitamente alle utenze domestiche viene assegnato un IP dinamico mentre in ambito business è assegnato staticamente.

Server DNS
Parlando della rete internet è importante sapere cosa significa DNS (Domain Name Server).
Un sito web non è altro che un insieme di file, documenti, immagini, ecc., che sono memorizzati un in computer, chiamato web server, connesso a internet con un indirizzo IP fisso.
I server DNS sono degli elenchi che associano gli indirizzi IP dei siti internet a nomi facili da ricordare, come in un elenco telefonico.
Questi server, dislocati in ogni parte del mondo, permettono a noi di identificare l'IP del computer (il server) in cui si trova il sito www.nomesito.it senza bisogno che noi dobbiamo ricordarlo.

La rete internet
Mettendo insieme quanto fino ad ora detto, dovrebbe esserci ben chiaro lo schema generale della grandissima rete di internet, dove ogni sito web è ospitato da un computer (che è il server) ed ha un indirizzo IP, così come ogni altro computer del mondo.
Il nostro PC, quando si collega al sito www.nomesito.it, fa una richiesta DNS al nostro provider internet, che associa al nome www.nomesito.it un indirizzo IP.
Una volta riconosciuto il server che ospita il sito richiesto, permette di scaricare i dati e presentare sul nostro computer la pagina web con immagini, testo.

I collegamenti di una rete locale (LAN)
Tornando a parlare delle reti locali, vediamo che i computer possono essere collegati al router/modem in due modi diversi, tramite cavo Ethernet o tramite una connessione senza fili (Wi-Fi). Diversi computer collegati tra loro attraverso il router, possono parlare tra loro e scambiare dati e risorse.

Configurazioni Router Wi-Fi e sicurezza rete
Le reti Wi-Fi sono senza ombra di dubbio più comode rispetto a quelle tradizionali via cavo, soprattutto per il minor ingombro e la possibilità di connettere tra loro dispositivi diversi come smartphone, PC, tablet, ecc.
L'unico problema del Wi-Fi è che richiede una configurazione e, soprattutto, una messa in sicurezza per evitare che chiunque possa collegarsi ed entrare nella nostra rete.
Dal punto di vista sicurezza della rete vale la pena anche conoscere la funzione di firewall integrata nella maggior parte dei router e della possibilità di installare un firewall sul PC per impedire connessioni non autorizzate dall'esterno.

Port forwarding
Nel caso di utilizzo di particolari collegamenti, per esempio per giocare online oppure per usare programmi Peer-to-peer o anche per permettere connessioni in remoto al nostro computer, può essere necessario configurare il port forwarding.
Ogni protocollo ha una sua porta di ascolto. Fare il port forwarding significa indirizzare le richieste che arrivano dall’esterno ad una particolare porta al corretto IP interno. Per impostazione predefinita nei firewall tutte le porte sono chiuse.
Per fare un esempio se vogliamo consentire l’accesso dall’esterno in desktop remoto al nostro PC, dovremo far in modo che le richieste che arrivano alla porta 3389 vadano indirizzate all’IP interno del nostro PC. In questo modo abbiamo fatto il port forwarding per consentire l’accesso via desktop remoto da internet.



Licenza di distribuzione:
FONTE ARTICOLO
Alessio Arrigoni
Responsabile pubblicazioni - Alessio Arrigoni
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere