ECONOMIA e FINANZA

Camera di Commercio di Napoli – Bando per l’Adeguamento Tecnologico 2020

October 7 2020
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

L’agevolazione della Camera di Commercio di Napoli per il sostegno dell’innovazione tecnologica, del risparmio energetico, dell’economia circolare

Con questo bando la Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Napoli intende sostenere ed incentivare la competitività delle imprese attive nella provincia di Napoli, stimolandole a realizzare progetti di innovazione tecnologica.

I destinatari del Bando
Possono accedere alle agevolazioni del Bando Adeguamento Tecnologico le micro, piccole e medie imprese (MPMI) della provincia di Napoli. Più precisamente, il Bando è dedicato ad aziende che abbiano i seguenti requisiti:
- abbiano sede o unità locale, cui è riferita l’attività oggetto del contributo, iscritta al Registro Imprese/REA della Camera di Commercio di Napoli attiva ed in regola con il versamento dei diritti camerali, ed, inoltre, attiva al momento della presentazione della domanda di contributo
- esercitino, in relazione alla sede per la quale si presenta la domanda di contributo, un'attività economica identificata come prevalente rientrante in uno dei settori ammessi dal Regolamento de minimis
- siano in regola con gli obblighi assicurativi e previdenziali di cui al Documento unico di regolarità Contributiva ( D.U.R.C.) - nel momento di presentazione dell’istanza, in quello di concessione ed in quello di liquidazione dell’ausilio finanziario
non siano oggetto di procedura concorsuale per insolvenza o non soddisfino le condizioni previste dal diritto nazionale per l’apertura nei loro confronti di una tale procedura richiesta dai loro creditori
- non siano classificabili come “imprese in difficoltà”, ai sensi dell’art. 2, punto 18 del Regolamento (UE) n. 651/14
- non siano in stato di liquidazione volontaria
- abbiano legali rappresentanti, amministratori, soci e/o altri soggetti tra quelli elencati nell’art. 85 del D.Lgs. n. 159/2011 e s.m.i. (Codice delle Leggi antimafia e delle misure di prevenzione), per i quali non sussistono cause di divieto, di decadenza, di sospensione previste dall’art. 67 D.Lgs. n. 159/2011 e s.m.i.
- non abbiano in corso alla data della presentazione della domanda di contributo contratti di fornitura di beni- servizi, anche a titolo gratuito, con la Camera di Commercio di Napoli e con l’Azienda Speciale della CCIAA di Napoli S.I. Impresa
- non siano destinatarie, nei cinque anni antecedenti alla presentazione della domanda, di provvedimenti di revoca di agevolazioni pubbliche, ad eccezione di quelle derivanti da rinuncia
- non debbano restituire agevolazioni per le quali l’organismo competente abbia disposto la restituzione
- non siano beneficiarie di altre agevolazioni pubbliche relative alle stesse iniziative.

Gli investimenti agevolabili
Sono ammissibili ai contributi previsti da questo Bando gli interventi finalizzati all’introduzione di innovazioni di processo e al conseguimento dell’efficienza energetica attraverso l’acquisto di macchinari, strumenti, beni ed attrezzature legati espressamente ed esclusivamente al processo produttivo dell’azienda e che consentano la riduzione dei consumi e dei costi energetici o un chiaro efficientamento di processo, ivi compresi gli investimenti nella economia circolare (all’acquisto di sistemi/beni tecnologici che consentano all’azienda di riutilizzare e riciclare nel processo produttivo materiali compositi, materiali di scarto o altre materie prime secondarie).
Sono, inoltre, ammissibili a contributo, se l’azienda ottiene provvedimento che ne consentirà la relativa erogazione, gli investimenti sostenuti a partire dalla data presentazione domanda fino al 31 dicembre 2020.

Le risorse finanziarie disponibili
Per il Bando Adeguamento Tecnologico della Camera di Commercio di Napoli sono stati messi a disposizione 10 milioni di euro - cifra eventualmente ampliabile - destinate sia alle agevolazioni oggetto del Bando, sia al suo funzionamento.

Le agevolazioni previste
Il Bando prevede l’erogazione di contributi alla spesa, nella forma di Voucher, che non potranno superare una intensità di aiuto del 50% rispetto al valore degli investimenti agevolabili (al netto di iva), rispettando i seguenti limiti:

- importo minimo dell’investimento ammesso: 4.000 euro
- importo massimo del contributo concedibile: 15.000 euro.

Articolazione dell’intervento
Le aziende che intendono presentare domanda di agevolazione nell’ambito di questo Bando dovranno inquadrare le spese che intende far agevolare in una delle seguenti linee di intervento:

- Innovazione tecnologica: acquisto di macchinari, strumenti, beni ed attrezzature legati espressamente ed esclusivamente al processo produttivo dell’azienda e che consentano la riduzione dei consumi e dei costi energetici. La risposta ad una FAQ pubblicata sul sito della Camera di Commercio di Napoli chiarisce meglio la tipologia di investimenti che rientrano in questa linea di intervento: “acquisto di macchinari, strumenti, beni ed attrezzature legati al processo produttivo e che producono l’efficientamento energetico (riduzione di consumi e di costi energetici) ovvero un chiaro efficientamento di processo ( secondo la comune definizione dello stesso) desumibile dalla descrizione dell’intervento proposto fornita dall’istante.“

- Efficienza energetica: spese relative all’acquisto di corpi illuminanti ad elevata efficienza energetica con LED con installazione d’impianti elettrici nuovi con tecnologia LED completi (non la semplice sostituzione di lampadine, neon, e/o altro materiale utile all’adeguamento di impianti già esistenti)-

- Economia circolare: spese relative all’acquisto di sistemi/beni tecnologici che consentano all’azienda di riutilizzare e riciclare nel processo produttivo materiali compositi, materiali di scarto o altre materie prime secondarie.

Presentazione della domanda di agevolazione
Le domande di contributo devono essere trasmesse esclusivamente in modalità telematica, con firma digitale, attraverso lo sportello on line “Contributi alle imprese”, all’interno del sistema Webtelemaco di Infocamere – Servizi e-gov Bando adeguamento tecnologico anno 2020.
Le domande di agevolazione possono essere presentate a partire dalle ore 08,00 del 1 settembre 2020 fino alle ore 20,00 del 30 novembre 2020.
L’invio della domanda può essere delegato ad un intermediario abilitato all’invio delle pratiche telematiche tramite apposito modulo di procura allegato al presente bando scaricabile dal sito web camerale all’indirizzo www.na.gov.camcom.it – sezione Crescita Impresa / Promozione economica, Bando Adeguamento tecnologico alle imprese anno 2020; in tal caso il modello di procura deve essere firmato digitalmente, a pena di esclusione, dal solo intermediario e deve contenere la firma autografa del titolare/legale rappresentante dell’impresa richiedente, nonché la copia del documento di riconoscimento, acquisito tramite scansione.

Documentazione da presentare allegati alla domanda di agevolazione
- MODELLO BASE generato dal sistema, che dovrà essere firmato digitalmente dal titolare/legale rappresentante dell’impresa
- ALLEGATI AL MODELLO BASE (da salvare e scansionare), che dovranno essere firmati digitalmente dal titolare/legale rappresentante dell’impresa, e cioè:
> modulo di domanda (MODULO A);
> modello A.1 (dichiarazione de Minimis);
> modello A.2 (relazione preventiva dell’impresa);
> eventualmente modello A.3 nel caso in cui l’azienda possegga un rating di legalità;
> modello F23 relativo al versamento dell’imposta di bollo (16 euro);
> allegato Procura nel caso di pratiche inviate tramite intermediario.






Licenza di distribuzione:
FONTE ARTICOLO
Luigi Nardullo
amministratore unico - Creazionedimpresa.it srls
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere