EDITORIA

Cataloghi, quale rilegatura scegliere?

April 28 2021
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Filo refe, fresata, punto metallico. Sono le rilegature più utilizzate per cataloghi, ma come scegliere la più adatta ad un progetto di stampa?

Rilegature per cataloghi
Esistono molti tipi di rilegature per cataloghi, ognuna con diverse caratteristiche e adatte a diverse esigenze. Vediamo insieme quali sono le opzioni principali e le loro caratteristiche per aiutarti nella scelta della migliore rilegatura per cataloghi.

Brossura a filo refe
Si tratta di un tipo di rilegatura particolarmente adatta per cataloghi che presentano un elevato numero di pagine. La brossura a filo refe offre un’ottima resistenza, qualità del risultato e una consultazione facile e immediata. Questo sia perché è possibile applicare la rubricatura, ovvero l’inserimento di tacche laterali suddivise per categoria, in modo tale da facilitare il lettore nella ricerca degli argomenti che desidera consultare, sia perché i fogli, prima di essere incollati alla copertina, vengono assemblati tra loro con del filo in lino, in canapa o sintetico, per garantire al catalogo un’elevata e più duratura resistenza. Se hai intenzione di stampare un catalogo di qualità superiore, che sia in grado di resistere a letture frequenti e allo scorrere del tempo, la brossura a filo refe è la scelta che fa per te e che ti permetterà di non deludere i tuoi lettori.

Brossura fresata
Si tratta di un tipo di rilegatura leggermente più economica della brossura filo refe, ma molto utilizzata e funzionale, indicata per libri fino a 150 pagine. La brossura fresata, comunemente denominata anche "brossura grecata" o "brossura a colla", è la classica rilegatura adoperata per la realizzazione di riviste particolarmente ampie, guide, libri di testo o cataloghi. In alcuni casi, la brossura fresata viene utilizzata anche per la rilegatura di tesi di laurea. Tale rilegatura si ottiene senza alcun impiego di elementi metallici, incollando sui dorsi dei fogli una coperta di cartone. Prima di questa operazione però, le segnature, ovvero le pagine di testo, piegate in "quarti, ottavi, sedicesimi e trentaduesimi", vengono incollate e lavorate sul lato in cui sarà applicata la copertina. I fogli vengono, quindi, fresati e grecati sul lato in cui poi dovranno essere incollati alla copertina. Lo scopo di quest’operazione è quello di rendere il dorso dei fogli più irregolare, in modo da farvi perfettamente aderire e penetrare la colla. In questo modo il risultato finale sarà più stabile e resistente nel tempo.

Punto metallico
Sicuramente ti è già capitato di osservare opuscoli rilegati a punto metallico. Si tratta, infatti, di un tipo di rilegatura particolarmente diffusa, a causa della sua facilità di esecuzione e del suo costo contenuti. Questa tecnica, anche detta punto sella, è l'ideale per la rilegatura di pubblicazioni minime, ovvero con un numero ridotto di pagine, e in tutti quei casi dove non vi siano esigenze estetiche particolari. Se hai intenzione di realizzare una rilegatura per un piccolo catalogo, da stampare in pochissimo tempo e in maniera facile ed economica, il punto metallico è la soluzione che fa per te. La stampa cataloghi viene realizzata raccogliendo le pagine e allineandole, secondo l'ordine di pubblicazione, una sopra all'altra. A questo punto saranno piazzati due punti metallici in corrispondenza della piegatura: et voilà, la rilegatura è pronta. Generalmente, il punto metallico è consigliato per stampe di grandezza inferiore alle 40 pagine, meglio ancora se contenenti parecchi elementi grafici. Insomma, per cataloghi leggeri da trasportare e facili da sfogliare!

Rilegatura a spirale
Si tratta di una tipologia di rilegatura che non passa di certo inosservata: impossibile non notare, infatti, la presenza di una spirale metallica che passa attraverso le pagine, appositamente forate lungo le estremità e sovrapposte l'una all'altra. Si tratta, anche in questo caso di una rilegatura particolarmente economica, molto semplice e veloce da realizzare. Scegliendo questa rilegatura avrai la possibilità di aprire i fogli totalmente, a 360°, godendo di una visuale più ampia e immediata dei tuoi contenuti. Per queste sue caratteristiche la spirale metallica è utilizzata per la stampa non solo di cataloghi, ma anche per la realizzazione di calendari e album da disegno, prodotti che necessitano di questa particolare tipologia di apertura. La rilegatura a spirale è particolarmente indicata per le pubblicazioni che necessitano di una copertina solida come schede prodotto i libri contabili. Al contrario risulta inefficace nella rilegatura di carte di grammatura pesante. Uno dei punti a suo favore è che permette di aggiornare comodamente le stampe, attraverso l'inserimento di una nuova pagina o scheda, senza dover ristampare l'intero catalogo.

La rilegatura a punto singer
Un tipo di rilegatura molto particolare, che si distingue da tutte le altre per il suo inconfondibile fascino artigianale senza tempo. Si tratta della rilegatura a punto singer, una tecnica che consiste nel confezionare i fogli stampati con una macchina tessile. Questo tipo di rilegatura è l'ideale se desideri stampare un catalogo originale e raffinato dal punto di vista estetico, senza tuttavia rinunciare alla praticità e alla funzionalità della consultazione. Potrai divertirti a scegliere i colori delle differenti cuciture, ideando un prodotto personalizzato che corrisponde perfettamente ai tuoi gusti e alle tue esigenze. L'unica controindicazione di questa tecnica è rappresentata dal numero di pagine, che non può essere troppo elevato, trattandosi di una rilegatura realizzata tramite l'utilizzo di un ago che deve attraversare il corpo del libro.



Licenza di distribuzione:
FONTE ARTICOLO
Ilaria Callegaro
Responsabile Area web - Grafiche Callegaro Srl
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere