ECONOMIA e FINANZA

Cinque innovazioni rivoluzionarie per il mondo dell’hair and beauty

December 3 2018
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

800 hair stylist al lavoro per evolvere il settore verso un livello più imprenditoriale. Svelati i primi strumenti di innovazione: la rivoluzione dell’attesa, diventare innovatori, e molto altro. Imprenditori e personaggi di successo al fianco dei parrucchieri per un percorso evolutivo inedito.

“Ma come ho fatto a non pensarci prima?”. È l’esclamazione tipica davanti alle innovazioni utili e alla portata di tutti. Come quelle presentate oggi a Milano all’evento annuale degli Imprenditori della Bellezza, quest’anno dedicato all’evoluzione.
800 hair stylist indipendenti sono arrivati all’Atahotel Expo Fiera Milano per partecipare alla due giorni organizzata da Lelio “lele” Canavero, il partner di crescita dei parrucchieri, e scoprire che quanto sia importante “fare le cose giuste prima degli altri” per poter determinare un’innovazione in grado di far evolvere la propria personale attività e quella dell’intero settore. «Abbiamo contenuti straordinari – sottolinea Canavero. – Sono cinque le innovazioni che presentiamo e che ho definito ‘potenti’ per il loro impatto evolutivo. Mi sento di dire che dopo questo evento l’hair and beauty cambierà per sempre».

Delle cinque le innovazioni due sono state svelate oggi. La prima riguarda il potere dell’ispirazione, alla base dell’innesco del processo innovativo: lasciarsi ispirare non basta, occorre sviluppare lo stato mentale necessario a tramutare pensieri e riflessioni in un progresso concreto. Un processo realizzato direttamente nel corso dell’evento con l’aiuto di numerosi imprenditori e personaggi pubblici intervenuti come virtual guest con riflessioni sull’innovazione dedicate agli Imprenditori della Bellezza. Tra questi, Oscar Farinetti, patron di Eataly, Marco Gay, ad di Digital Magics, Rinaldo Ocleppo, presidente Buffetti, Teresio Gaudio, fondatore di Icona Group, il campione di basket Peppe Poeta, Marco Biondi, autore e conduttore radio, Javier Gomez Palacios, co-founder di Tiger Italia, Walter Rolfo, illusionista e ideatore di Masters of Magic e molti altri.

La seconda è relativa i tempi di attesa dei clienti, durante le lavorazioni e i tempi di posa, fino ad oggi risolti generalmente con giornali e brochure di prodotti. Da domani i tempi di attesa saranno personalizzati e ‘dedicati’, grazie ad una pubblicazione periodica originale e inedita realizzata dal salone stesso. Massimo aggiornamento sulle novità del settore e del salone, i trend, i prodotti, le tecniche, i trattamenti, gli eventi, ma anche curiosità, punti di vista e consigli, scritti direttamente dall’hair stylist per i suoi clienti. Un dialogo sempre aperto e costruito espressamente per chi frequenta il salone.

Le altre innovazioni riguardano temi quali la consulenza polisensoriale, l’evoluzione delle codifiche e una nuova opzione di ampliamento dell’attività. Se ne parla nella seconda giornata.

L’innovazione sembra essere una via obbligata per invertire la rotta di un settore da troppo tempo in crisi. Secondo l’indagine realizzata da Unioncamere sui saloni di parrucchieri e barbieri in Italia nel 2018, infatti, il settore è in forte stagnazione: le imprese registrate sono 103 mila con una diminuzione dello 0,5% rispetto al 2017. Crescono però le aziende straniere registrate alla Camera di commercio, che rappresentano il 7,5% del mercato e che negli ultimi 5 anni hanno registrato un trend del +40%.
Le problematiche che maggiormente influiscono sulla ripresa del settore, accanto alla contrazione dei consumi, sono il fenomeno dell’abusivismo e soprattutto un’eccessiva artigianalità nella gestione dell’attività. «Eppure, i segnali di un grosso cambiamento in arrivo non mancano. – avverte Canavero - Ci sono saloni che stanno vivendo uno sviluppo interessante e stanno trainando molti colleghi. Qual è il loro segreto? Un cambio di mentalità che ha permesso loro di evolvere da artigiani a imprenditori. Un’evoluzione che è possibile solo attraverso la formazione acquisendo una visione più imprenditoriale con cui affrontare in modo vincente il proprio business» conclude il coach che nel 2018 ha formato oltre mille professionisti del mondo hair&beauty.






Licenza di distribuzione:
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere