SOCIETA

Come contestare le sanzioni disciplinari nel rapporto di lavoro

September 18 2018
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Entro quando presentare la difesa, quali criteri per decidere il provvedimento e come presentare ricorso.

Il dipendente che riceve una sanzione disciplinare e vuole contestarla ha 5 giorni di tempo per replicare consegnando le sue difese sia scritte sia orali. Quel termine decorre da quando c’è stata la comunicazione della sanzione, non dal giorno in cui è stata decisa. I 5 giorni si intendono di calendario, cioè si contano anche i giorni di riposo.

La Cassazione, tuttavia, ha concesso al lavoratore la possibilità di presentare ulteriori difese oltre il termine indicato ma solo se il dipendente non è stato in grado di consegnare completamente i suoi documenti (Cass. sent. n. 488/2005 l 13.01.2005, n. 6900/2003 del 07.05.2003 e 21296/2009 del 06.10.2009.)

La presentazione della difesa del lavoratore dà, quindi, inizio al procedimento per contestare la sanzione disciplinare. Quando il contratto nazionale di categoria lo consente, è possibile chiedere l’istituzione di un’apposita commissione di disciplina incaricata di avviare l’attività istruttoria necessaria ad accertare i fatti. Se così fosse, il lavoratore avrebbe il diritto a chiedere di essere ascoltato dalla commissione, la quale ha la possibilità ma non l’obbligo di pronunciarsi sul caso.
Superate queste fasi, il datore di lavoro dispone se applicare o meno la sanzione disciplinare. Nel momento in cui la sanzione viene comunicata diventa immediatamente operativa. Il datore di lavoro può, però, decidere di applicare la sanzione in un secondo momento o addirittura di frazionarla.

Come si arriva a un provvedimento disciplinare
La legge impone il criterio della proporzionalità tra l’infrazione e la sanzione (Art. 2106 co. civ.) Qui entrano in gioco di nuovo i contratti collettivi, che possono riportare quale sanzione decidere per una determinata mancanza.
Ad ogni modo, e nel momento in cui interviene per valutare se il concetto di proporzionalità sia stato rispettato o meno, il giudice di merito terrà conto:

- delle circostanze del caso, cioè della natura e della qualità del rapporto di lavoro, delle mansioni del dipendente, delle posizioni di entrambe le parti e dell’entità dell’infrazione;
- dei precedenti del lavoratore;
- della gravità e del numero dei fatti contestati.

Nel caso in cui il criterio di proporzionalità non venga rispettato, il giudice dichiara la sanzione disciplinare nulla. Quello che non può fare è modificare l’entità della sanzione.
C’è da aggiungere che il datore può decidere di applicare una sanzione più lieve rispetto a quella prevista dal contratto nazionale ma non più grave (Cass. sent. 8828/1991 del 13.08.1991.) Può anche decidere sanzioni diverse per lavoratori diversi anche se hanno commesso lo stesso fatto. 



Licenza di distribuzione:
FONTE ARTICOLO
Leonardo Breccolenti
Social Media manager - Studio Legale Polenzani-Brizzi
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere