INTERNET

Come eseguire la registrazione anonima di un dominio

December 19 2014
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Non tutti hanno voglia di render note le registrazioni dei domini su un database aperto ai controlli di chiunque. Se è il vostro caso, sappiate che è un’operazione fattibile.

Il registrar fornisce anche questo servizio, che per l’appunto si chiama ID Shield. In realtà, tale denominazione connota spesso le procedure anti-spam (lo strumento con cui i “molestatori” del web trovano nomi e indirizzi), perciò l’appellativo può variare a seconda delle case produttrici.

È un’opzione alla quale ricorrere proprio all’atto delle registrazioni dei domini, per quanto nei siti italiani (quelli che terminano con .it, che poi è la specifica del dominio) non sempre le è data la giusta evidenza, poiché, al di là del nome e cognome o dell’intestazione aziendale, gli altri elementi vengono automaticamente nascosti. In ogni caso, per ottenere l’“occultamento” non ci sono sovrapprezzi da pagare.

Se l’idea è quella di creare un .com o un .org oppure un .net (che sono i più diffusi domini internazionali) per non dar luogo a un’immediata “rintracciabilità” del sito, basta farlo sapere ai programmatori che dovranno occuparsi di effettuare la registrazione. In questo tipo di domini i dati personali sono già irreperibili; compaiono solo quelli generici del registrar. Tanto per essere chiari: non significa apporre un sigillo inviolabile, è chiaro che eventuali autorità hanno tutto il diritto di accedere a simili informazioni, qualora lo ritenessero necessario.

Purtroppo, infatti, la faccenda rappresenta uno “scudo” pure per i siti che si occupano di vendita on line e che intendono truffare l’utente, abbindolato da prezzi allettanti: se qualche inghippo emerge, la temporanea difficoltà nel rintracciare i titolari aiuta questi ultimi a guadagnare tempo per dileguarsi o comunque non riconoscere le proprie responsabilità.

Ormai è diventato un modo per subodorare gli inganni, insomma, ed è bene che chi intende intraprendere la strada dell’e-commerce lo sappia: celare i dati può allontanare potenziali clienti che diffidano di questo tipo di segretezza (magari a causa di brutte esperienze), e quindi si rivela, sul piano economico, un’arma a doppio taglio.



Licenza di distribuzione:
FONTE ARTICOLO
Tonya Puleo
SEO specialist e Webmarketer - DadoNet snc
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere