MOTORI RICERCA

Come essere in prima pagina su Google

July 12 2021
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

La SEO è ormai diventata un argomento all’ordine del giorno in larga misura; se hai un sito web o vuoi creare un sito web aziendale, devi averne sentito parlare. continua a leggere, capirai perché per la tua azienda è così importante!

Le bugie più comuni sulla SEO

CONSULENZA SEO: PERCHÉ È COSÌ IMPORTANTE PER L’AZIENDA

La SEO è ormai diventata un argomento all’ordine del giorno in larga misura; se hai un sito web o vuoi creare un sito web aziendale, devi averne sentito parlare. Qualsiasi agenzia SEO o agenzia di comunicazione che si occupi della realizzazione di siti web professionali non può ignorare questo argomento ormai, e anche Internet è pieno di articoli e guide su questo argomento. Si è detto tutto sull’ottimizzazione per i motori di ricerca, ma fortunatamente le bufale a cui fare attenzione sono quasi sempre le stesse.

Nella maggior parte dei casi si tratta di falsi cliché, convinzioni scaturite da una mancata comprensione dell’argomento (“Me l’ha detto un mio ex collega di lavoro, glielo ha detto un amico…”). Altre, invece, sono vere bugie sponsorizzate da professionisti disonesti che vogliono distruggere i cuori (e i portafogli!) di sfortunati clienti.

La SEO è fondamentale per il successo di un sito web,

Il pubblico è composto principalmente da imprenditori digitali inesperti che vogliono trarre profitto dal sito Web dell’azienda ma non sanno da dove cominciare. Perché questo è l’aspetto principale che rende la SEO così importante: se non c’è l’ottimizzazione sui motori di ricerca e il posizionamento di alcun contenuto, il contenuto sarà quasi invisibile. Ciò significa che pochissimi clienti vedranno il tuo sito Web e la tua potenza di fuoco commerciale diminuirà in modo significativo.

Soprattutto in termini di reclutamento e conversione dei clienti: questo è il motivo per cui molti imprenditori si sono precipitati in strada dopo aver padroneggiato le informazioni per trovare esperti di posizionamento e consulenti SEO che li aiutassero. Ma ecco le bugie più comuni sulla SEO che hai sentito:

1) Per apparire sulla prima pagina di Google, devi pagare?

Il posizionamento naturale sul motore non ha nulla a che fare con la pubblicità a pagamento e le attività ADS. Qual è la differenza tra la home page di Google? Gli annunci a pagamento sono annunci che vengono visualizzati nella parte superiore (o inferiore) della pagina durante la ricerca e sono facili da identificare perché sono contrassegnati da un’etichetta “Annunci” in grassetto. D’altra parte, i risultati del targeting organico sono quindi in prima pagina, perché Google considera il suo contenuto affidabile e di alta qualità, che è direttamente inferiore alla pubblicità a pagamento. Indubbiamente il posizionamento naturale è migliore della pubblicità perché porterà risultati stabili e continui nel tempo; investire in attività ADS a tempo indeterminato senza una chiara strategia SEO andrà incontro a risultati a breve termine A volte si tratta di ingenti spese economiche.Intendiamoci: ottenere una buona posizione sul motore di ricerca e mantenerla nel tempo richiede lavoro e fatica. Quindi ha il suo prezzo, perché richiede l’impegno costante di una persona competente e capace. Ma non confondere i posizionamenti organici con la pubblicità a pagamento, perché sono due cose completamente diverse.

2) Intendiamoci: ottenere una buona posizione sul motore di ricerca e mantenerla nel tempo richiede lavoro e fatica. Quindi ha il suo prezzo, perché richiede l’impegno costante di una persona competente e capace. Ma non confondere i posizionamenti organici con la pubblicità a pagamento, perché sono due cose completamente diverse.

La semplice installazione del software non basta, è necessario conoscerne le funzioni e saperle utilizzare al meglio. I plug-in non fanno miracoli: è necessario sapere quali plug-in attivare e come attivarli per evitare inutili oneri sul sito. Un sito web lento o con prestazioni scadenti sarà punito da Google e Google preferisce siti tecnicamente sofisticati, facili da spiegare, veloci e reattivi. Negli anni velocità e reattività sono diventati fattori di posizionamento determinanti: oggi i siti web non devono essere solo belli, ma devono anche essere user friendly e mobile friendly (quindi i siti responsive sono adatti a una rapida visualizzazione e navigazione con qualsiasi tipo di supporto ).In sintesi, i plug-in da installare devono essere selezionati in modo appropriato e accurato per renderli strumenti di aiuto efficaci. Esiste una strategia chiara. Non aspettarti un plug-in all’improvviso, perché il semplice fatto di averlo già installato ti sei classificato primo.

3) Come arrivare sulla home page di Google? Poco testo e tante foto affascinanti

La missione principale di Google è fornire agli utenti le informazioni di cui hanno bisogno; più contenuti utili, coerenti, approfonditi e di alta qualità sono forniti dal tuo sito web, più Google apprezzerà i tuoi sforzi per migliorare il tuo posizionamento. Pertanto, la qualità dei contenuti che pubblichi è della massima importanza.Il testo in chiaro ti permette di dimostrare di essere un esperto nel tuo settore, e puoi inserire le parole chiave principali per trasportare i clienti direttamente dal motore di ricerca al tuo portale. Naturalmente, si applicano circostanze speciali: ovviamente, se sei Nike, non hai bisogno che il tuo sito web sia particolarmente elaborato per apparire in cima ai risultati di ricerca. Dipende sempre dalla nicchia di mercato a cui ti rivolgi e dalle caratteristiche speciali della tua attività. Tuttavia, in generale, indipendentemente dalla reputazione del tuo marchio, investire tempo e risorse per creare contenuti di qualità è sempre un’opzione utile.

4) Sito in prima pagina: paghi solo per un consulente SEO una tantum

L’ottimizzazione per i motori di ricerca non è una cosa una volta per tutte: nel tempo, le posizioni conquistate duramente competeranno sempre con i siti Web di altri concorrenti, che spingeranno a superarti. La SEO è un’attività che va svolta nel tempo e gestita con la massima costanza per evitare risultati frustranti. Devi continuare a fornire nuovi contenuti al sito per rafforzarne la visibilità e il posizionamento: la fiducia di Google non è permanente e ignorare il sito web della tua azienda nel tempo può danneggiare seriamente i suoi indicatori di posizionamento.Non solo: gli algoritmi sono in continua evoluzione. Ciò significa che ciò che è importante per i motori di ricerca oggi potrebbe non essere più domani. Ecco perché si consiglia di farsi guidare da professionisti del settore nel lavoro SEO, che aggiorneranno costantemente i cambiamenti degli indicatori. Una strategia SEO richiede un lavoro attento e continuo nel tempo per aumentare la credibilità del tuo sito web agli occhi di Google, prestando anche molta attenzione alle tendenze e alle fluttuazioni degli algoritmi, e non lasciarti prendere alla sprovvista.

5) In prima pagina su Google: Il mito dei meta tag

Elaborare il contenuto da inserire nel sito web aziendale significa elaborare tutto il contenuto. Pertanto, non solo la parte dell’articolo o della pagina (in senso stretto) che vedo, ma anche tutto il contenuto dietro di essa: il meta tag, la descrizione e il titolo della pagina/articolo, ecc. Questi campi devono essere riempiti di contenuto, ed è meglio utilizzare parole chiave che meglio intercettano l’intento di ricerca di un determinato articolo/pagina per renderlo più facile da usare sul web.

6) Primo su Google: più link esterni al tuo sito web, meglio è

I link esterni sono fondamentali per aumentare la credibilità del tuo sito agli occhi di Google, proprio come un riferimento. Tuttavia, proprio come i riferimenti, il loro valore dipende anche dalla loro fonte: è meglio collegarsi da pochi siti affidabili piuttosto che apparire su siti inaffidabili o poco importanti. Ricevere un link da un sito inappropriato può essere controproducente: non solo porterà cattivi risultati, ma potrebbe anche punire il tuo sito. Non solo: Google ritiene che i link da siti web relativi all’argomento e al reparto del tuo lavoro abbiano maggiore peso e rilevanza, piuttosto che link da siti web che non sono correlati al tuo lavoro. Quindi, in poche parole: i link esterni sono sì, ma solo se sono coerenti e provengono da un sito affidabile.

7) Numero uno in certi giorni: la peggior promessa

Hai ricevuto una chiamata per promettere che il tuo sito web migliorerà tutte le classifiche di Google? Notare che! Nessuno può garantire alcuna posizione su Google (tranne Google, forse nemmeno Google), nemmeno il principale esperto mondiale di ottimizzazione dei motori di ricerca. Prima di fare qualsiasi promessa, devi sempre analizzare almeno tre fattori:

Per quale intento di ricerca vuoi classificarti?
Quali contenuti utilizzare?
Con quali concorrenti ti confronti?
Sulla base di questi parametri si può formulare una ragionevole strategia SEO con obiettivi ragionevoli, altrimenti si tratta di vendere pubblicità a pagamento piuttosto che servizi SEO.Lo stesso vale per coloro che promettono di posizionarsi più in alto sui motori di ricerca entro un certo periodo di tempo (forse qualche giorno o una settimana). Diciamolo chiaro: nessun esperto SEO ha l’autorità per controllare la velocità con cui Google indicizza e classifica i siti web. Quindi è tecnicamente impossibile dare tempo: nessuno lo sa tranne Google. Una corretta ottimizzazione dei motori di ricerca è un processo, ed è su questo che dovrebbe concentrarsi una buona agenzia SEO.

8) Posizionamento di Google: investire in ADS può anche migliorare il posizionamento naturale

Le campagne a pagamento e il posizionamento naturale sono due cose diverse e investire in ADS non migliorerà il posizionamento naturale. Per esperienza diretta (e dai feedback riportati da diversi colleghi), posso dimostrare che la pubblicità su Google non ha mai migliorato di un solo bit il posizionamento naturale dei miei clienti, anzi. Semmai, una strategia SEO ben progettata può migliorare le campagne pubblicitarie, soprattutto se sono ben mirate e indirizzate a un pubblico molto specifico.

9) Il traffico del sito web generato dalla SEO non è il traffico di cui hai bisogno

Alcune persone credono che la SEO possa indirizzare il traffico generato solo da ricerche relative al brand, e quindi da persone che già conoscono la tua azienda. In altre parole, solo chi ti cerca davvero, cioè chi scrive il tuo brand sui motori di ricerca, può trovare il SEO. Infatti, questo non è il caso. Indipendentemente dalla ricerca del marchio, la SEO professionale creerà traffico qualificato per il tuo sito web. Quindi, se vendi calzini e ti chiami Pinco Pallino, comparirai nelle ricerche di persone che vogliono acquistare calzini, non solo di coloro che cercano Pinco Pallino su Google.Ecco spiegato perché la SEO è utile: perché permette a tutti i potenziali clienti di trovarti nel momento esatto in cui hanno bisogno di te, anche se non ti conoscono



Le nostre competenze SEO

Siamo nati occupandoci principalmente di SEO, per questo abbiamo la possibilità di provare strategie che portano risultati migliori nel tempo. Per noi è importante che i nostri clienti capiscano cosa stiamo facendo e perché: come ho detto, uno degli aspetti fondamentali della SEO è il costante aggiornamento dei contenuti, che devono essere gestiti e coordinati in un dialogo costante tra di noi. . Non nascondiamo il nostro lavoro: è bene avere obiettivi chiari e condivisione per lavorare.

Quando realizziamo un sito web per aziende o professionisti, lo abbiamo costruito in ottica SEO, perché la SEO non è un servizio aggiuntivo, è una parte indispensabile dei siti web professionali e performanti. Questo è un aspetto importante del nostro lavoro. Quando consegniamo il sito Web ai nostri clienti, forniamo sempre tempo di formazione per spiegare come aggiornare la pagina, pubblicare articoli e modificare le foto. Vogliamo che le aziende siano il più possibile indipendenti nella gestione dei propri siti web, perché qualsiasi contenuto web costantemente aggiornato nel tempo è condizione necessaria per il posizionamento sui motori di ricerca.



Licenza di distribuzione:
FONTE ARTICOLO
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere