MOTORI RICERCA

Come migliorare il posizionamento del sito internet

May 9 2017
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Svariate sono le motivazioni che spingono un'azienda all'apertura del sito internet, ma tutti poi vogliono raggiungere un unico fine: migliorare il posizionamento per incrementare il proprio giro d'affari.

Oggi giorno si decide di aprire un sito web per svariate ragioni. In particolare per le aziende rappresenta un incredibile potenziale che deriva dall’avere una presenza online. Tra le tante ragioni che spingono a realizzare un sito web possiamo per esempio citare:

• La necessità di essere presenti anche online, dove oramai è divenuta prassi consolidata per la maggior parte delle persone prima di acquistare fare un giro su Internet per documentarsi.
• La possibilità di restare in contatto con i clienti, informandoli su servizi o prodotti, e sulle offerte e promozioni.
• La capacità di arrivare a nuove persone, che potrebbero diventare potenziali clienti.

Ma avendo un sito web, una delle ambizioni è di certo quella di guadagnare quanta più visibilità possibile: nel prosieguo della lettura scopriremo cinque semplici consigli da attuare per riuscire a incuriosire gli utenti, e stimolarli a conoscere la nostra azienda navigando sul nostro sito internet.

Usiamo titoli accattivanti per i nostri articoli

Cominciamo dall’inizio nel vero senso della parola, ossia dal titolo. Spesso grandi contenuti portano un titolo banale o non in grado di mettere in risalto la qualità dello stesso, finendo inevitabilmente per non interessare agli utenti, che preferiscono essere catturati da titoli più golosi della concorrenza.

Scrivere un titolo è forse una delle parti più difficili nella creazione di un contenuto, perché un buon titolo per attirare le persone dev’essere attraente, informativo, stimolante.

Ovvero, un titolo dev’essere scritto in modo tale da non passare inosservato, deve informare anticipando di che cosa tratterà il contenuto, e infine dev’essere stimolante per incoraggiare l’utente a saperne di più cliccando sull’anteprima.

Condividere i contenuti

Una delle cose più importanti per portare più traffico al nostro sito web è di certo quella di incentivare gli utenti che vengono a contatto con la nostra azienda tramite web a condividere i contenuti che pubblichiamo sui social media, oppure sul blog aziendale integrato nel sito.

Per fare ciò è necessario creare contenuti di valore che siano realmente utili all’utente, o che riescano a comunicare un vantaggio che altri non sanno offrire. Che si tratti di dare una soluzione a un problema comune oppure che si tratti di offerte stracciate, l’unico modo per avere successo è il passaparola.

Se un contenuto web è ritenuto utile dai nostri clienti, allora non ci sarà bisogno di fare altro: sarà naturale per loro condividere le preziose informazioni con amici o familiari, attraverso una condivisione sui propri canali social.

Raccontiamo la nostra azienda

E continuando sulla scia del punto precedente, dobbiamo essere consci che le persone sono più portate a condividere contenuti che raccontano una storia, quelli che permettono loro di emozionarsi, immedesimarsi ed identificarsi con ciò che stanno leggendo, guardando o ascoltando.

Ricorrere alla tecnica dello storytelling, per raccontare dall’interno la nostra azienda e mostrare che dietro a quel preciso lavoro e alla professionalità del nostro marchio ci sono persone umane come tutti, può essere un ottimo modo per creare un forte legame con i nostri clienti acquisti e potenziali. Si tratta cioè di un buon modo per avere un grande impatto su di loro e far conoscere al meglio la nostra azienda.

Abbiamo allora cura di scrivere post adeguati, approfonditi, emozionanti e che rispecchino le caratteristiche di tutti i migliori contenuti:
• Grammaticalmente impeccabili e fluidi nella lettura.
• Informativi per soddisfare le voglie di sapere dei clienti e risolvere i loro problemi.
• Divertenti quanto basta per non annoiare.

Infine, è bene includere nei contenuti un invito all’azione per invogliare gli utenti a condividere la nostra storia.

Sfruttiamo gli elementi multimediali

Perché limitare il potenziale dei nostri contenuti, relegandoli al semplice testo scritto? Le parole sono sì importanti, e spesso sono l’unico modo che un utente ha a disposizione per informarsi su uno specifico argomento. Ma dobbiamo anche tenere presente il fatto che gli internauti sono sempre alla famelica ricerca di contenuti che abbiano un forte impatto su di loro.

Per realizzare qualcosa che crei davvero interesse suscitando emozioni, non c’è niente di meglio che ricorrere a tutti gli assi nella manica: non solo parole, quindi, ma anche elementi multimediali come audio e video. Sappiamo già che il video marketing sta prendendo sempre più il largo, i video sono sempre più richiesti, seguiti, e registrati per un semplice motivo: riscuotono un enorme successo.

Se ne sono accorti da tempo i grandi del settore, e per portare un esempio alla portata di tutti possiamo focalizzare l’attenzione su Facebook, che ha dato sempre più importanza ai video caricati direttamente sulla piattaforma, a discapito di altre forme di post come link oppure testi negli aggiornamenti di stato.

Perciò è bene creare video che riguardino da vicino il nostro settore di competenza, oppure preparare dei podcast durante i quali potremo chiacchierare con altri esperti del nostro settore, al fine di offrire contenuti utili ai nostri utenti.

Ricordiamoci del nostro marchio

Mai dimenticare che, anche se stiamo scrivendo su un blog oppure stiamo creando messaggi da postare su un social network, lo stiamo facendo comunque per la nostra azienda.

Creiamo tutto tenendo sempre presente il nostro brand, realizza contenuti unici e personalizzati scrivendo per conto e con la voce della nostra azienda, in modo da renderci inconfondibili e permettere all’utente di interagire in diversi modi.

Conclusioni

Questi consigli messi insieme riusciranno a dare la giusta spinta ai nostri utenti online per consultare il nostro sito web, perché avremo agito su diversi fattori come aspetto visivo, fare rete, attrazione, coinvolgimento, coerenza e consapevolezza del brand.



Licenza di distribuzione:
FONTE ARTICOLO
Alessio Arrigoni
Responsabile pubblicazioni - Alessio Arrigoni
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere