VARIE

Confronto fra insegne tradizionali e schermi digitali

March 24 2020
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Il nostro occhio in un mondo digitale è sempre più attirato da schermi “vivi”, luminosi e in grado di supportare immagini in movimento, scorrevoli e video. I vecchi tabelloni pubblicitari e cartacei sono sempre più uno spreco di risorse e denaro, oltre a favorire lo spreco di carta. Per questo abbiamo fatto un confronto fra la vecchia e la nuova tecnologia, quella digitale.

Pubblicità tradizionale vs Pubblicità digitale:

- Rispetto dell’ambiente, con consumi energetici bassissimi Spreco di carta, non riciclabile perché unta di inchiostro.

- Costi competitivi, ma a lungo termine più convenienti. I led hanno una vita media di 100.000h e possono supportare grafiche di ogni genere. Costi iniziali simili, ma bisogna tener conto l’usura e la maggior deperibilità.

- Efficacia comunicativa, immagini e video digitali modificabili per ogni momento della giornata. Immagine statica e uguale per tutto il tempo.

- Luminosità ed efficacia anche a lunga distanza e di giorno. Con luminosità regolabile. Anche se illuminati non riescono ad essere visibili allo stesso modo in qualunque momento della giornata.

- Resistenti alle intemperie, acqua e polvere. Con la protezione IP65 sono impermeabili e resistenti. Possono rovinarsi o arrugginirsi se di metallo.



Licenza di distribuzione:
FONTE ARTICOLO
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere