MOTORI RICERCA

Consulente seo: incrementare le visite qualificate

February 27 2017
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Un consulente seo deve migliorare le performance di un sito web o di un ecommerce incrementando il numero di accessi qualificati, magari a scapito di utenti non interessati al prodotto.

Un consulente seo deve migliorare le performance di un sito web o di un ecommerce incrementando il numero di accessi qualificati, magari a scapito di utenti non interessati al prodotto.
Per questo motivo non sempre un consulente seo predilige le impression, ma si occupa piuttosto di targettizzare la campagna seo al fine di migliorare le conversioni.
Per fare questo un consulente seo deve analizzare il mercato, il sito internet in questione, i prodotti o i servizi e creare una strategia seo on site e off site.

Analisi delle keywords
Dopo aver valutato con attenzione il mercato di riferimento il consulente seo, studia con attenzione le keywords più performanti. Non solo quantità ma qualità. L’utente quando effettua una ricerca deve trovare quello che sta cercando, questo è il principio sul quale si dovrebbe basare l’analisi delle parole chiave per una campagna seo di qualità a performance.

SEO on site
I consulenti seo solitamente iniziano con analizzare la semantica costruttiva dell’html, per poi passare alla distribuzione dei contenuti, ed infine alle pagine. Il contenuto di una pagina è il cuore della seo moderna, senza qualità, attinenza, unicità, sarà difficile scalare le serp. Successivamente vengono analizzati e corretti titoli, meta description e link interni.
Più un sito web è complesso più sarà difficoltoso il lavoro di armonizzare la navigazione, rivedere gli url e di conseguenza i re indirizzamenti 301.
Successivamente il consulente seo o seo strategist, si occupa di migliorare le perfomance delle pagine su cui atterrano più utenti cosi da migliorare ulteriormente la posizione, magari cercando di attirare qualche link.
Alcuni consulenti seo, utilizzano le heatmap per valutare il comportamento degli utenti, per poi editare le pagine e migliorarle. Attraverso le heatmap si può vedere la mappa dei click e da mobile fino a che livello si spinge un utente nella lettura dei contenuti. Questi dati uniti alle google analytics possono portare a miglioramenti nelle conversioni.

SEO Off site
Per scalare le serp più competitive il consulente seo deve analizzare con cura i link in ingresso, in modo da capire le percentuali di anchor text, la quantità e la qualità dei link. Per fare questo si possono usare diversi software anche se il migliore rimane sempre la Google Search Console.
Una volta analizzata la link reputation, il consulente seo, si dedicherà alla strategia di link building.
Attraverso article marketing, guest post, e qualche buona web direcory, cercherà di migliorare la link popularity del sito in modo da renderlo trust agli occhi di google. Per google ogni link è un voto a favore, ma con l’evoluzione degli algoritmi la quantità non conta più. Conta la qualità del post e la collocazione.
Creare buoni contenuti è l’arma vincente per qualsiasi campagna seo. Il consulente seo, si deve quindi confrontare con il copy per creare testi di alto profilo, unici e attrattivi.

Monitoraggio
Durante la campagna di link building il consulente seo monitora costantemente i risultati, specialmente dopo l’inserimento di un nuovo link. Valuta con attenzione i miglioramenti o le cadute, ritocca in corso d’opera la strategia, in special modo se nel frattempo sono entrati in gioco nuovi player.
Restituisce al cliente report esaustivi che dimostrano il gran lavoro svolto.



Licenza di distribuzione:
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere