ECONOMIA e FINANZA

Conto corrente protestato

February 18 2020
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

È possibile aprire dei conti se si è protestati?

La recente situazione economico-finanziaria pone i cittadini e gli imprenditori di fronte ad un evento precedentemente poco diffuso: il protesto.

Si tratta di un atto formale emesso da un operatore pubblico che attesta il rifiuto o il mancato pagamento del debito. Ciò avviene in seguito ad una sottoscrizione di un titolo di credito a cui non corrisponde il saldo.

Nella maggior parte dei casi non si tratta assolutamente di criminali né di manager truffaldini. Un imprevisto, quali un ritardo nel pagamento da parte di un cliente oppure la perdita del lavoro, conducono i soggetti emettitori dei titoli a non poter più onorare il loro debito.
Oltre alla vergogna ed allo stigma sociale, i protestati devono affrontare un problema molto importante e, nel caso di un business, foriero di perdite economiche ingenti: il rifiuto costante di apertura di un conto bancario. Durante la causa civile, che può durare anche a lungo, gli istituti, non appena esaminata la situazione, preferiscono tirarsi indietro ed evitare problemi.


Si può aprire un conto se si è protestati?

Teoricamente è sempre possibile. Non esiste alcun divieto per l’apertura di un conto corrente in caso di protesto. Gli istituti bancari italiani sono restii ad aprire conti correnti a protestati per un motivo di tutela.

Ci sono banche che aprono conti ai protestati?

Per rispondere alle esigenze di tantissimi italiani gli istituti finanziari esteri hanno aperto l’accesso ai loro servizi anche nel nostro paese.. Aprire un conto corrente per protestati è facile e perfettamente legale. Le banche telematiche estere permettono di farlo senza mai spostarsi di casa e senza necessità di recarsi nel paese per identificazioni e firme. Attraverso crittografia, videochat ed app, le banche estere online offrono ai protestati una soluzione immediata e rapida.

Quali sono i limiti dei conti esteri online?

I conti telematici esteri non permettono di effettuare le operazioni legate al sistema fiscale italiano. Ad esempio, non è possibile emettere, né ricevere bonifici con ritenuta d’acconto né pagare gli F24. Inoltre tali conti non danno accesso a carte di credito, assegni e prestiti. Potrebbe sembrare un servizio alquanto limitato ma vi permetterà di continuare a ricevere lo stipendio e di pagare dipendenti e fornitori.

Quanto costa un conto corrente per protestati?


I conti telematici non hanno costi di gestione né canone fisso. L’apertura, almeno per un piano base è gratuita. Le commissioni su bonifici e prelievi cambiano da banca a banca. In generale un bonifico in uscita in area SEPA ha un costo intorno ad 1 euro. Per quanto riguarda i prelievi, la percentuale di commissione va dallo 0,4% al 2%. Solitamente i conti che hanno condizioni particolarmente favorevoli dal lato trasferimenti richiedono percentuali più alte. Per questo, quando un protestato decide di aprire un conto estero online è consigliato affidarsi alla consulenza di aziende che lavorano nel settore, come Banksolutions.it, piattaforma di guida all’apertura di conti esteri online.
Il costo per un conto personale estero è di circa 100 euro.

Quanto tempo ci vuole per aprire un conto estero online?

Nel caso del conto personale la registrazione richiede circa 15 minuti. L’attivazione del conto avviene entro 24/48 ore. Per l’apertura di un conto aziendale per protestati, invece, sono necessari 30 minuti di registrazione e dai 4 ai 7 giorni per l’operatività del conto.

Conti online esteri per protestati: sono legali?

Assolutamente sì! Nessuna legge vieta di aprire conti a scopi legali in altri paesi. L’importante è che il paese sia inserito in white list. Cosa significa? uno stato inserito nella white list è ritenuto fiscalmente conforme agli standard di legalità e trasparenza adottati dall’Unione Europea. Chi è stato oggetto di un protesto in passato ha tutto il diritto per lo stato italiano, qualora non vi siano pendenze fiscali o atti esecutivi di pignoramento in atto, di depositare e ricevere denaro in conti esteri.



Licenza di distribuzione:
Claudia Prezioso
Collaboratrice - Companysolutions.it
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere