SOCIETA

Coronavirus e interior design: il benessere parte dalla casa

April 21 2020
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Ridisegnare la propria abitazione durante questa fase di isolamento forzato è possibile, e anche terapeutico. I consigli dell’Interior Designer per una casa più confortevole, funzionale, ma anche bella.

Le case degli italiani, in gran parte vuote durante la settimana, ora ospitano uffici di fortuna, aule scolastiche improvvisate e attività ricreative sette giorni su sette. Poste sotto stress le abitazioni rivelano i loro pregi, ma anche quei difetti che era difficile notare nella frenesia della quotidianità pre-Coronavirus. ProntoPro.it, portale numero uno in Italia per domanda e offerta di servizi professionali, ha chiesto a uno dei propri architetti di condividere qualche trucchetto per rendere la propria casa più confortevole, funzionale, ma anche bella.

“Fai quello che puoi, con quello che hai, nel posto in cui sei, amo questa frase di Theodore Roosevelt - racconta Teresa Costalunga architetto e interior designer su ProntoPro - evidenzia una capacità di adattamento a cui siamo sottoposti tutti in questo periodo, ed è perfetta per introdurre qualche piccolo consiglio su come migliorare la propria abitazione, utilizzando la fantasia, ma anche riscoprendo o reinventando oggetti che non siamo mai riusciti a collocare nel modo giusto nella nostra casa”.

Cosa ami fare? Comincia da lì
Il primo consiglio di Teresa è chiedersi cosa amiamo fare, cosa ci rilassa, per capire a quale stanza iniziare a dedicare le nostre attenzioni, ma anche cosa possiamo offrire a livello pratico: amiamo la pittura? Dedichiamoci al restyling di un mobile che non ci ha mai convinto; siamo dei collezionisti seriali di souvenir? Prendiamo in esame quello che abbiamo accumulato in anni di viaggi e proviamo a ricollocarlo; hai il pollice verde? Arricchisci la casa di piante e fiori, contribuiscono a rallegrare le stanze, ma anche a ripulire l’aria.

Come valorizzare stanze e spazi molto piccoli
Le parole d’ordine per tutti gli ambienti, ancora di più nel caso di abitazioni molto piccole, sono pulizia e linearità: “Nei miei sopralluoghi noto sempre una sovrapposizione di oggetti che contribuiscono solo a creare confusione e diventano un ricettacolo di polvere - confessa Teresa - il desiderio di esporre tutto ha come unica conseguenza di non mostrare davvero nulla.” Il consiglio è quindi quello di svuotare i mobili, sia esternamente che internamente, per valutare quali oggetti mettere in esposizione, quali conservare come ricordo o per future occasioni, e di quali liberarsi definitivamente. I mobili, una volta svuotati, possono essere ricollocati più facilmente nella stanza per darle un aspetto aperto e spazioso.

L’illuminazione
Anche l’illuminazione ha un ruolo fondamentale per dare la sensazione di un ambiente più ampio: si possono installare strisce led (facilmente reperibili su internet) negli zoccoli dei mobili o si possono distribuire varie abatjour (anche quelle che erano state accantonate e sostituite da altre, più nuove) in vari angoli della stanza: “Il mio suggerimento in questo periodo è di lasciarne una accesa, anche durante la notte, vicino alla finestra - consiglia Teresa - un’usanza tipica dei paesi del nord Europa, per far sapere agli altri che ci siamo, vicini, nonostante la distanza fisica”.

L’importanza di un angolo verde
Sono molti i vivai e i fioristi che stanno consegnando a domicilio piante e fiori, acquistarli contribuisce anche ad evitare che vengano gettati, a causa della bassa richiesta da parte del mercato: un incentivo ulteriore alla realizzazione di un angolo verde all’interno del proprio appartamento. La zona giorno è la più indicata per accogliere piante e fiori, il consiglio è di prediligere le felci o l’areca, una piccola palma dalle foglie sottili, nota anche per le sue proprietà disinquinanti, filtra naturalmente l'aria e in particolare sostanze come benzene, formaldeide e tricloroetilene, contenuti spesso nelle vernici o nei materiali di cui sono fatti i nostri mobili.

Il potere rilassante dei colori
I colori hanno la capacità di trasformare una stanza, di farla sembrare molto più ampia e luminosa ad esempio, ma possono influire anche sulle nostre emozioni. In questo periodo difficile, caratterizzato da solitudine, stress e preoccupazioni per un futuro incerto, le tonalità di cui sarebbe utile circondarsi sono il lilla, capace di infondere serenità, ma anche delicatezza e gentilezza, e il verde menta, calma e capacità di allontanare lo stress le sue proprietà, secondo la cromoterapia.



Licenza di distribuzione:
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere