ARTE E CULTURA

Davide e Golia di Kyrahm al Macro Asilo per dire no alle mafie

March 11 2019
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

La performance principe prevede l'abbattimento di un muro al museo ad opera del testimone di giustizia Luigi Leonardi. Kyrahm scandirà i nomi delle vittime della mafia e un'attrice ricorderà la madre di Peppino Impastato in una sconvolgente dedica

Torna KYRAHM, l’artista internazionale con una nuova performance estrema e densa di significato: DAVIDE E GOLIA, che prevede l’abbattimento di un muro ad opera di Luigi Leonardi, un testimone di giustizia che si è opposto alla camorra. Dal 10 al 31 marzo al MACRO Asilo – Museo d’Arte Contemporanea di Roma, si articoleranno una serie di azioni dal vivo e video dell’artista, punto di riferimento italiano del linguaggio artistico più effimero e controverso: la Performance Art. Fondatrice con Julius Kaiser del movimento performativo mondiale Human Installations, la nuova installazione umana è la numero venti della sua carriera.
Il 10 marzo con la presenza dell’artista, nella sala Cinema del MACRO Asilo, verrà presentato il lavoro svolto da Kyrahm nel corso degli anni: spesso trattasi di progetti a carattere sociale come migrazione, diritti umani, disabilità, violenza contro le donne.

Dal 12 marzo inizierà la costruzione del muro ad opera di Kyrahm e dello scultore Gianluca Bagliani, durante la quale (anch’essa atto performativo) si articoleranno altre performance scritte e dirette da Kyrahm, che sarà possibile visionare da un pertugio.
Segnaliamo tra le azioni “Memoria” del 13 e del 17 marzo dove l’artista scandirà i nomi delle vittime di camorra, ‘ndrangheta, mafia della Storia.
Il 15 marzo un vero speaker radiofonico, Enrico Pietrangeli, farà rivivere RADIO AUT di Peppino Impastato.
Il 16 marzo la sconvolgente “la Madre” con Fulvia Patrizia Olivieri, Giò Lacedra e Kyrahm ispirata alla madre di Peppino e nata dagli strazianti e commoventi scritti elaborati dalla donna dopo la morte del figlio.

Dal 18 marzo al 22 marzo l’artista vivrà nel museo realizzando ritratti iperrealisti a Falcone, Borsellino, Caponneto a montare i video delle performance realizzate nei giorni precedenti accompagnata dalla voce di questi uomini in loop recuperate da interviste storiche. Il tutto in connessione internet tra Italia e USA.
Il 24 marzo l’azione principe “Break the Wall and Bring Out the Night”: la distruzione del muro di omertà per mano del Leonardi determinerà l’apertura di uno squarcio della luce verso la bilancia della giustizia.

Fino al 31 marzo la pulizia delle macerie diviene anch’esso atto performativo. Negli altri giorni la proiezione di video e installazioni.
La musica è affidata al principe della musica elettronica IMOK e al pittore e musicista Fabio Mariani
La documentazione del progetto è propedeutica alla realizzazione di un film destinato a Festival e rassegne nazionali e internazionali.
Kyrahm:“L’indignazione non è mai troppa davanti al ricordo della strage di Capaci e via d’Amelio con Falcone e Borsellino, ma accanto alla giusta commemorazione di questi martiri non possiamo dimenticare chi è ancora in vita: per questo ho voluto coinvolgere alla partecipazione Luigi Leonardi. Che a causa delle estorsioni, ha perso due fabbriche di impianti di illuminazione, i negozi e la casa. Negli anni ha subito minacce ed è stato sequestrato. Le sue dichiarazioni hanno portato a due processi ed all’arresto di oltre 80 persone.

Nel mio lavoro diviene portavoce e simbolo di legalità, metafora del Davide contemporaneo che distruggerà il muro, il Golia, ma che non può essere lasciato da solo.”
“Nell’ambito della Storia dell’Arte, la rappresentazione di Davide contro Golia è una costante: dalle miniature del libro di Samuele alle pitture del Guercino, Orazio Gentileschi, Antonio del Pollaiolo, Andrea del Castagno, al più famoso colossale David di Michelangelo Buonarroti (che lo rappresentò anche pittoricamente nella Cappella Sistina) ma anche Donatello, Bernini, Caravaggio (e ne abbiamo citati solo alcuni).
Con l’opera di Kyrahm, il Davide contemporaneo è l’uomo comune che si fa eroe denunciando la mafia mettendo in pericolo se stesso e i propri cari, con la consapevolezza che il proprio sacrificio sia un atto necessario alla costruzione di un futuro migliore per le generazioni future, incastrato ingiustamente tra cavilli burocratici, la paura di morire e il desiderio di ottenere ciò che gli spetta di diritto.”
“Si erigono e si abbattono muri per unire, dividere i popoli. Pensiamo al Muro di Berlino, alla barriera di separazione israeliana e al muro che vuole erigere Trump contro il Messico. Nell’azione di Kyrahm l’abbattimento del muro di omertà da parte di un testimone di giustizia che ha detto no alla camorra si fa archetipo, segno e simbolo della liberazione dal male assoluto infiltrato nella storia del nostro paese” (Piera Vanni)
Credits

HUMAN INSTALLATION XX: DAVIDE E GOLIA
Scritta e diretta daKYRAHM
con: Gianluca Bagliani, Kyrahm, Giò Lacedra, Fulvia Patrizia Olivieri, Enrico Pietrangeli
e la partecipazione straordinaria del testimone di giustizia Luigi Leonardi
Ospiti: Laboratorio di pittura dell’Accademia di Belle Arti di Napoli, Gianni Nappa (Art Performing Festival), Galleria Holy Expo, Casa di Produzione Holy Film, Accademia Cube Art
In connessione con Germania e USA.
Musiche: IMOK e Fabio Mariani




Licenza di distribuzione:
FONTE ARTICOLO
Anna Novelli
Responsabile pubblicazioni - Numero d'Oro Associazione Culturale per la Ricerca e l'Attività Artistica Scientifica e Sociale
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere