VARIE

Detrazioni fiscali per le tue tende da sole

June 21 2018
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Le detrazioni fiscali non riguardano esclusivamente le tende da sole intese come singoli oggetti, ma anche tutte le azioni correlate ad esse, come ad esempio l’installazione o le varie opere edili eventualmente necessarie all’installazione delle stesse.

In Italia non possiamo certo dire che il fisco è di aiuto ai contribuenti. Non che questo articolo voglia essere uno dei tanti che pone l’accento sulla negatività degli aspetti fiscali del paese, ma purtroppo questa è una realtà difficilmente negabile.

Ma tralasciando questi aspetti poco positivi del Belpaese, cerchiamo di vedere anche l’altra faccia della medaglia, che a volte esiste e si presenta sotto l’aspetto di detrazioni fiscali.
Sotto questo aspetto esistono i vantaggi per chi, ad esempio, usa energie alternative alle classiche, ristruttura casa, ecc. Tra queste bisogna annoverare pure il soggetto delle tende da sole, che siano a Torino o in altre parti dell’Italia.

Per quanto strano possa sembrare, pure le tende da sole sono un soggetto passibile di detrazioni fiscali ma, prima che si possa esultare, è bene specificare alcune cose.
Quella principale è che tali detrazioni, pur arrivando al 50% della spesa, hanno validità solo per l’anno in corso ovvero il 2018.
Altra cosa che riguarda queste detrazioni, ha a che fare con il loro utilizzo e funzioni. Non che delle tende da sole installate in Torino o altre città abbiano chissà quali funzioni tecnologiche o mistiche, ma fondamentalmente per usufruire dei benefici fiscali devono servire a ridurre il calore o altra condizione è che la troppa luce solare possa in qualche maniera essere di disturbo.
Quindi nulla di esoterico, ma tali funzioni o condizioni sono appunto quelle che li rendono passibili di detrazioni fiscali, con l’aggiunta di un particolare relativo ai condizionatori d’aria, cioè che l’uso delle tende da sole in Torino dovrebbe evitare l’uso dei condizionatori.

Fondamentalmente è una questione di risparmio energetico (anche perché i condizionatori d’aria in genere consumano parecchia elettricità). Infatti la detrazione prende il nome di Ecobonus.

Per riassumere il tutto in poche parole, la detrazione riguarda le tende da sole installate e pagate nell’anno corrente, per cui se avete finito di pagare nel 2018 delle tende installate nell’anno precedente la detrazione non è richiedibile. Ma una piccola cosa positiva è che tale detrazione ha valore pure per il 2019 anche se l’ammontare della detrazione non sarà il 50% bensì di meno.
Da notare che comunque le detrazioni succitate non riguardano esclusivamente le tende da sole intese come singoli oggetti, ma anche tutte le azioni correlate ad esse, come ad esempio l’installazione o le varie opere edili eventualmente necessarie all’installazione delle stesse.

Altra cosa su cui mettere l’accento è che bisogna richiedere la detrazione nell’arco dei 90 giorni successivi alle opere necessarie al piazzamento di queste tende, fornendo tutti i documenti comprovanti l’avvenuta operazione.
E visto che si sta parlando di Ecobonus, risparmio energetico e simili, in questo caso l’ente preposto a gestire queste richieste sarà l’ENEA (Ente Nazionale Energie Alternative). Però attenzione ad una cosa: per essere ascrivibile alla detrazione bisogna aver pagato alla ditta il lavoro fatto con un bonifico bancario e solo in questo modo.
Se fatto diversamente non si può usufruire del beneficio finanziario derivante dalla richiesta, però anche se avete pagato il lavoro fatto il giorno del 31 dicembre 2018 potete sempre richiedere la detrazione.

Gli esiti e le modalità relative agli aspetti finanziari esulano un po’ gli scopi di questo articolo per cui vi rimandiamo agli enti preposti.



Licenza di distribuzione:
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere