SPORT

‘Dolomites Saslong’ tra scenari unici al mondo

June 11 2018
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Half Marathon domani ai nastri di partenza

Il 9 giugno Dolomites Saslong Half Marathon
La prima edizione ha raggiunto il numero massimo di 400 partecipanti
21 km e 900 metri di dislivello con partenza al Monte Pana/Santa Cristina (BZ)
Iscritti anche Felicetti, Oberbacher, Thaler, Piazza, Pircher, Casaro, Bazzoni e Runggaldier


La prima edizione della Dolomites Saslong Half Marathon è in partenza nella giornata di domani 9 giugno, i runners scalpitano e sono pronti al grande “salto”, non dai trampolini per giovani situati in zona partenza al Monte Pana/Santa Cristina (BZ), bensì verso i meravigliosi scenari della manifestazione.
Oggi, dalle ore 17 alle ore 19, ci sarà la distribuzione pettorali all’Hotel Cendevaves sul Monte Pana, mentre domani la gara partirà dalla medesima location alle ore 9, con arrivo dei primi concorrenti verso le 10.45 e premiazioni alle ore 14.
Grande dispiegamento di forze (raggiunto il numero massimo di 400 partecipanti), con ai nastri di partenza atleti del calibro di Giorgia Felicetti, Alex Oberbacher, Edeltraud Thaler, Georg Piazza, Anna e Petra Pircher, Elena Casaro, Gianmarco Bazzoni e Lukas Runggaldier, alla scoperta della magia del Gruppo dolomitico del Sassolungo, tra la Val Gardena e la Val di Fassa, il Gruppo del Sella e del Catinaccio. Dove oggi si erge il Sassolungo 230 milioni di anni fa v’era una barriera corallina in un mare tropicale, e gli atleti scopriranno, all’interno del percorso della Dolomites Saslong Half Marathon di 21 km e 900 metri di dislivello, panorami unici al mondo, con a portata di mano anche il Massiccio dello Sciliar e l’Altopiano dell’Alpe di Siusi.
Gli sterrati saranno i padroni indiscussi della competizione, partendo dal Monte Pana e superando la prima salita che condurrà al celebre rifugio Emilio Comici, dopodiché il percorso si sviluppa ad una altitudine media di 2.200 – 2.300 m s.l.m. fino a raggiungere il noto rifugio Sasso Piatto, da dove inizia la discesa per rientrare al Monte Pana. Tecnica sì, ma anche tante emozioni da far “dimenticare la fatica”. Tra i blocchi rocciosi della “Città dei Sassi” proseguirà la contesa, giungendo a Passo Sella con una vista impagabile sul ghiacciaio della Marmolada. Val di Fassa, Val Gardena, Alpe di Siusi, Catinaccio, Sciliar, Punta Santner e Punta Euringer, le vette della Dolomites Saslong Half Marathon, sono un inno alla gioia di correre in queste zone magnifiche.
Info: www.saslong.run



Licenza di distribuzione:
Mario Facchini
Responsabile pubblicazioni - Newspower
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere