EDITORIA

Due opere di Nulla Die Edizioni finaliste al Premio Prunola 2019

February 19 2019
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Valerio Pappi con "La scelta giusta" e Massimiliano Amatucci con "La Catena dei santi" in finale il 30 marzo a Castelfranco Veneto

Due opere edite da Nulla Die Edizioni sono finaliste al Premio Prunola 2019.
Gli autori arrivati in finale sono: Valerio Pappi con l’opera “La scelta giusta”, nella categoria Editi, e Massimiliano Amatucci con “La catena dei santi” nella categoria PandaNoir Editi. Valerio Pappi è in finale anche nella categoria Inediti. “Meritata affermazione di Pappi e Amatucci”, commenta in una nota la direzione di Nulla Die che sottolinea: “Essere in finale assieme a opere edite da affermatissime case editrici è per noi motivo di grande soddisfazione”.
La serata conclusiva della quarta edizione del Premio Letterario Nazionale Prunola proclamerà i vincitori sabato 30 marzo presso il Teatro Accademico di Castelfranco Veneto.

Valerio Pappi, La scelta giusta.
Di fronte alla ineluttabilità di una scelta che può modificare il corso della propria esistenza, l’uomo, qualunque uomo, esprime tutto il suo egoismo e la sua meschinità. Ogni decisione presa si porta inesorabilmente dietro il dubbio di non essere quella giusta. Questo è ciò che accade a sei giurati popolari in corte d’assise, chiamati a pronunciare il verdetto che muterà le sorti di Don Gaetano, prete accusato dell’omicidio di un imprenditore colluso con la mafia. Ogni personaggio dovrà fare i conti con la propria coscienza, ma soprattutto con il proprio passato, per arrivare a pronunciare quelle famose parole, tanto solenni quanto aleatorie: colpevole o innocente?
Valerio Pappi vive e lavora a Ferrara. Alterna la sua passione per la musica jazz all’attività di scrittore. Ha pubblicato il romanzo Dieci anni (Giovane Holden Edizioni, 2012), vincitore del premio Giovane Holden e Il testamento di Marco (Edizioni Epsil, 2014). Inoltre è autore di un trattato di armonia dal titolo Tecnica armonica per chitarra (Casa Musicale Eco, 2016).

Massimiliano Amatucci, La catena dei santi. Le indagini del commissario Profumo.
È il primo novembre del 1971. Il giovane commissario Profumo si trova alle prese con tre diversi delitti avvenuti in una cittadina alle falde del Vesuvio. Di fronte al ritrovamento di una donna straziata su una spiaggia, di un uomo ucciso nei pressi di un ufficio postale e di un altro precipitato da oltre trenta metri, Profumo non potrà fare a meno di utilizzare un suo dono molto particolare: in nomen omen.
“La Catena dei Santi” è un romanzo in cui il lettore, sulle orme del commissario, si addentra nell’intreccio poliziesco, ne analizza i personaggi e si appassiona alla storia d’amore del protagonista. Non manca alla trama una certa dose d’ironia.

Massimiliano Amatucci nasce nel 1973 a Pomigliano D’Arco. Ultimati gli studi classici presso il Genovesi di Napoli, si laurea in Giurisprudenza alla Federico II e diventa avvocato. Cresciuto a Napoli, dopo una lunga esperienza a Londra, si trasferisce, infine, a Torre Annunziata. Nel 2016 ha pubblicato il suo primo romanzo: L’agnello di Dio (Watson Edizioni), dando vita ad una serie poliziesca che vede come protagonista il commissario Profumo.



Licenza di distribuzione:
FONTE ARTICOLO
Antonella Santarelli
incaricato della Comunicazione - Nulla Die Edizioni
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere