ARTE E CULTURA

E' giunto al terzo episodio il concorso letterario dedicato ai lavori a maglia

December 30 2014
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Una merceria online dedicata ai lavori a maglia promuove la cultura dei filati e della passione per la creatività femminile

Promotore di questo concorso è diLana e d'altre storie, una merceria online che oltre alla vendita di filati, accessori e tessuti, valorizza i lavori a maglia e la creatività femminile. Scopo del contest è quello di realizzare una pubblicazione che illustri dall'interno, non tanto le tecniche, quanto i sentimenti e le emozioni che percorrono le vite delle knitter quando realizzano, immaginano, creano un capo.
Il regolamento completo è alla pagina concorso letterario

Il libro sarà l'omaggio alla bellezza, alla femminilità ed al lavoro che ogni atto creativo genera per diventare reale. Verrà strutturato come un lungo racconto in 12 episodi che avranno durata di un mese ciascuno. Ogni episodio avrà una precisa tematica legata al lavoro a maglia e a quanto esso sia presente nella vita delle persone che lo praticano. Ogni mese verrà aggiudicato un premio al miglior componimento.

di seguito riportiamo il testo traccia del primo episodio:


Il mio primo lavoro a maglia

Se qualcuno mi avesse chiesto, avrei risposto che per anni pensavo d'aver combinato molto poco. Sembrava quasi non facessi niente. Presa dalle incombenze quotidiane, i giorni si infittivano quasi perdendo i loro connotati unici ed irripetibili. Intorno a me, le persone che amavo diventavano più vecchie, più grandi, più mature, addirittura autonome; qualcun altro se ne andava senza possibilità di ritorno. Come su un fiume ordinato, potevo quasi percorre lo scorrere che il tempo aveva avuto sulla mia esistenza navigandola. C'erano state delle anse, anni che sembravano fermi, lontani dalle correnti, come quelli in cui maturano i silenziosi frutti, anni di studio, di scoperta di sé; delle rapide, che per pochi giorni avevano accelerato la mia vita ed il mio cuore; ed improvvise spumeggianit cascate, in cui avevo preso delle decisioni irripetibili su cui non sarei mai più tornata indietro. Oggi riuscivo a vedere tutto questo scorrere, se qualcuno mi avesse chiesto, con la leggera indifferenza di una nuvola quieta in una bella notte di luna piena di luglio.
L'immagine è più bella della realtà, me ne rendo conto solo adesso. Se si è una donna, non c'è proprio niente di bello ad essere una nuvola! Avevo perso la mia energia, la mia vitàlità, forse ero stanca, ma facevo fatica a ritrovare persino i miei ricordi. Cioè, a ricordare ricordavo tutto, ma non riuscivo a rivivere le emozioni; e ricordare senza emozionarsi, a cosa serve, a chi serve? Non a me, mi dicevo. Tenevo in mano le foto del mio matrimonio, del primo giorno di scuola di Roberto e dalla nascita di Giulia, ma dalle foto mi arrivava solo un bruisio di fondo, tutta quella vita, mi dicevo, dove è finita?
E poi, all'improvviso, così come pernsavo che la quotidianità mi avesse scippato e defraudato della mia vita, con la stessa prosperosa noncuranza mi ripresentava i suoi doni. Sistemando un vecchio armadio in soffitta, tra i vari ammennicoli inutili e polverosi, saltò fuori, in un sacchetto ormai logoro, la prima copertina a maglia fatta da me. Bang! Avevo 25 anni, avevo scoperto qualcosa della vita e stavo diventando madre. E per la prima volta nella mia vita ero felice ed avevo paura, avevo paura per il parto, ma ero felice di avere un figlio che avrei amata e cresciuto, ma avevo paura di non esserne in grado, ma avevo grandi speranze per il futuro, ma ne avevo grande spavento. Ero molto confusa. Il mio corpo cambiava mese dopo mese, settimana dopo settimana. Giorno dopo giorno, così come Roberto cresceva dentro di me, io imparavo a lavorare a maglia facendo crescere insieme a mio figlio la mia sicura consapevolezza che lo avrebbe accolto sotto forma di una coperta di lana merino fatta da sua madre, fatta dalla madre, fatta da me.



Licenza di distribuzione:
Alice Tesser
Responsabile pubblicazioni - di lana e d'altre storie
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere