SALUTE e MEDICINA

E se Riuscissi a Gestire la Rabbia?

February 23 2021
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

E se Riuscissi a Gestire la Rabbia? La rabbia è una delle emozioni più forti che possiamo provare. Se non compresa ed elaborata questa emozione può agire ed emergere in maniera incontrollata anche in situazioni che non sembrano essere direttamente collegate. Riconoscere i segni della rabbia è fondamentale per il benessere dei nostri rapporti e per la nostra serenità. In questo articolo vediamo cos’è, come si manifesta e quali sono i migliori passi per poterla gestire in modo costruttivo.

La rabbia è una delle emozioni più forti che possiamo provare e a volte può portare a gravi conseguenze. Principalmente compromette le relazioni e la qualità della vita. Crea inoltre sofferenza psicologica, inducendo spesso ansia e depressione.

Compare per prima nello sviluppo della persona, insieme alla gioia e al dolore.

E’ un’emozione utile e fisiologica, perché ci protegge dal pericolo e dalla possibilità di subire un danno. Rappresenta la tipica reazione alla frustrazione e alla costrizione, sia fisica che psicologica.

Alcune persone, pare che non si arrabbino mai, mentre altre sono sempre pronte a scattare, anche per motivi futili.

In realtà si tratta di un’emozione che ci accomuna tutti e nasce insieme a noi, è un’emozione innata.

Cosa significa provare rabbia sana o rabbia distorta?

Provare rabbia sana significa essere capaci di proteggersi da possibili pericoli e danni. La proviamo quando siamo lesi nei nostri diritti e ci mobilitiamo per difenderli. Questa emozione è, appunto, utile e funzionale alla nostra sopravvivenza, perché diventa un campanello d’allarme quando c’è un pericolo.
La rabbia distorta, invece, è la reazione di rabbia incontrollabile, che a volte può indurre anche comportamenti aggressivi e violenti.

Perché è importante gestire la rabbia?

Se non gestiamo la rabbia possiamo ledere e ferire le persone che sono a noi vicine.
Chi è propenso all’impulso immediato della rabbia rischia di compromettere i rapporti, anche quelli più importanti, mettendo a repentaglio la coesione dei legami. Tende inoltre a intraprendere azioni dannose verso sé stesso o verso gli altri.

Anche nel rapporto di coppia può portare non pochi problemi e in alcune circostanze sfociare nell’aggressività relazionale. Perdiamo di lucidità mentale e rischiamo di ridurre le nostre potenzialità.

Chi non gestisce l’impulso della rabbia è sottoposto a stress maggiore e presenta importanti difficoltà di concentrazione. Peraltro, quando la rabbia non è gestita può occupare la mente con pensieri disturbanti e ostacolare l’equilibrio interiore.

La maggior parte delle volte, anche l’attenzione ne risente perché molta energia viene sprecata senza importanza. Questo può avere, di conseguenza, un’azione negativa sul comportamento, il giudizio e le prestazioni in generale.

Ha forti ripercussioni sul nostro stato di salute. Infatti la somatizzazione non è altro che il meccanismo trasformativo che parte dall’emozione e opera un cambiamento a livello somatico, coinvolgendo il sistema endocrino e immunitario.

Cosa fare per gestire meglio la rabbia?

Le varie manifestazioni degli attacchi di rabbia si estendono dalla famiglia al luogo di lavoro e alle relazioni in generale. Ecco perché gestire la rabbia è fondamentale.

Ma come fare? Prima di tutto per gestire la rabbia iniziamo con l’ascoltarla attentamente, cercando di capire in modo chiaro lo stato d’animo di fondo.

Poi chiediamoci:

In cosa ci sentiamo lesi?… Cosa vorremmo?

La rabbia che stiamo provando è adeguata o spropositata rispetto a quanto è accaduto?

Quindi rispondendo a queste domande possiamo recuperare lucidità nel pensiero.

Di conseguenza, se poi ci siamo resi conto che è conveniente arrabbiarci, possiamo farlo in modo intelligente e costruttivo.

Recentemente la psicologia clinica ha impegnato molto tempo per consolidare interventi psicologici efficaci e aiutare a migliorare il controllo degli attacchi d’ira.

Quando richiedere un aiuto Terapeutico

In linea generare è utile rivolgersi a un professionista quando gli attacchi di rabbia divengono frequenti e disfunzionali o patologici.

Vale a dire, quando la sua manifestazione crea sofferenza sia sul pianto individuale e su quello interpersonale. In altre parole, quando compromette le relazioni sociali e spinge a compiere azioni dannose verso persone o cose.

Più nello specifico è disfunzionale quando:

È troppo intensa rispetto al motivo che la scatena
Non è collegabile ad un fattore scatenante
È persistente anche dopo che è stato allontanato il motivo scatenante
È accompagnata da pensieri negativi, risentimento e rimuginazioni
Produce comportamenti aggressivi e pericolosi verso sé stessi, gli altri e gli oggetti
Fa allontanare le persone che ci circondano
D’altra parte, gestire la rabbia, non significa inibirla, ma sapere modularne la risposta emotiva, così da organizzare l’esperienza e le risposte comportamentali adeguate allo specifico contesto.

Per questo motivo, esistono diversi tipi di interventi psicologici che possono essere utilizzarti per favorire il processo di gestione della rabbia.

Trattamenti per la gestione della rabbia

In conclusione i trattamenti che si occupano della gestione della rabbia possono focalizzarsi sia sul processo emozionale nel suo insieme, che sui singoli elementi della risposta emotiva.

Pertanto fra i più efficaci si evidenziano:

a) La Psicoterapia Individuale ad orientamento psicodinamico

c) Il Training Autogeno

c) Il Training sull’Assertività



Licenza di distribuzione:
FONTE ARTICOLO
Dott.ssa Pisanello
Psicologa Psicoterapeuta - Dott.ssa Anna Maria Pisanello Psicologo Psicoterapeuta
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere