TURISMO

Eco-sostenibilità: il nuovo volto del turismo

July 9 2019
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Per vivere Slow&Natural non perdiamo i prossimi appuntamenti del progetto Happy Bio a Punta Marina Terme (RA): il 9 luglio al Bagno Kiribati e il 12 luglio ai Bagni Bologna, Bolognino e Angolo B.

Per vivere una vacanza eco-sostenibile o passare un weekend a contatto con la natura per ritrovare il benessere, non possiamo perdere i prossimi appuntamenti del progetto Happy Bio a Punta Marina Terme (RA), il 9 luglio al Bagno Kiribati e il 12 luglio ai Bagni Bologna, Bolognino e Angolo B. Nato dalla collaborazione tra Confcommercio e Camera di Commercio di Ravenna, Stabilimenti Balneari della costa romagnola e Fattorie Faggioli di Cusercoli (FC), il progetto ha l’obiettivo di raccordare al polo costiero romagnolo un’offerta in cui “la vacanza” diventa occasione di promozione dell’intero Territorio, assumendo come elemento centrale strategico la sana alimentazione bio.

“Oggi, per essere davvero “avanti” - sottolinea Fausto Faggioli, attuatore del progetto – è necessario volgere lo sguardo indietro a quando erano le stagioni a regolare la nostra alimentazione e le camminate scandivano le nostre attività quotidiane. Gli Happy Bio non solo saranno appuntamenti con la frutta biologica ma permetteranno di conoscere le tradizioni dei Borghi Autentici e con un salutare FitWalking in riva al mare o in pineta chiuderemo queste giornate dedicate al benessere nell’ottica di un turismo vissuto “in scioltezza”, eco-sostenibile.”

“Investire sul turismo sostenibile – aggiunge Valeria Rustignoli dei Bagni Bologna, Bolognino e Angolo B - è una strategia di sviluppo che ha come fine la tutela e la proposta innovativa di luoghi, memorie, conoscenze e artigianalità che fanno del nostro Paese un luogo di straordinaria bellezza e secolare civiltà.”

“A questo contesto - continua Alberto Zattini, direttore Confcommercio Forlì - si allinea il progetto “Slow Tourism nei Borghi Autentici” promosso da Soc. CAT srl di Confcommercio Forlì, con il contributo della Regione Emilia Romagna che ha l’obiettivo di proporre un percorso sulla Via Emilia, in Val Tramazzo, in Val Montone, in Val Rabbi e in Val Bidente che sia, prima di tutto, una scoperta dell’anima di un luogo e della sua gente.”

“Fino a poco tempo fa – rilevano Sabrina e Tommaso del Bagno Kiribati - il termine “bio” era riferito solo al settore agricolo, oggi si affianca a molte attività legate all’Ambiente che sta diventando il valore supremo: come contesto vitale, cornice climatica, fonte di ispirazione e più di tutto, come qualità complessiva dell’esperienza individuale.”

“Dalla collaborazione con le “Pro Loco nei Borghi Autentici” - prosegue Atos Mazzoni, presidente UNPLI Comitato Provinciale Pro Loco Forlì-Cesena - nasce una proposta per promuovere con entusiasmo e partecipazione la Destinazione Romagna e il suo turismo balneare, culturale, ambientale, enogastronomico con il progetto “Autunno in Romagna”.

“Infatti l’ambiente nel quale sono inseriti gli Stabilimenti Balneari – termina Ciro Costa di Trail Romagna – è una grande potenzialità per il turismo legato alla scoperta della natura e quindi anche alla percorribilità lenta, a piedi, in bici, a cavallo. Un insieme di natura, sostenibilità e benessere, per intercettare non soltanto il target delle famiglie, ma anche quello dei giovani.”




Licenza di distribuzione:
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere