SOFTWARE

Extreme Networks amplia la strategia e il portafoglio Software-Defined Networking (SDN)

July 12 /2012
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Previsto il supporto di OpenFlow e OpenStack e la creazione di un portale Web per lo sviluppo applicativo

Milano – Extreme Networks ha annunciato una serie di nuove iniziative finalizzate ad estendere il proprio portafoglio di soluzioni di Software-Defined Networking (SDN) per data center, cloud, reti carrier mobili e campus. Extreme Networks garantirà il supporto di OpenFlow in tutte le soluzioni Ethernet basate su ExtremeXOS e supporterà un maggior numero di controller OpenFlow fra cui NEC e BigSwitch. La società introdurrà inoltre un plug-in per OpenStack per consentire la gestione degli switch di rete utilizzando le API Quantum. Infine, inaugurerà xKIT, il nuovo portale Web pensato per la condivisione delle applicazioni SDN.

Oggi gli switch Ethernet ad alte prestazioni di Extreme Networks e il sistema operativo ExtremeXOS garantiscono una varietà di opzioni di programmabilità che include API, SDK e applicazioni appositamente progettate come XNV, per centralizzare la network intelligence e la network abstraction e lo sviluppo di applicazioni di terze parti. L'annuncio di oggi estende e rafforza ulteriormente l'impegno di Extreme Networks nei confronti del SDN.

Il supporto di OpenFlow in tutta la gamma di soluzioni per reti Ethernet consentirà agli sviluppatori di realizzare applicazioni SDN per campus, cloud e carrier utilizzando un framework omogeneo basato su ExtremeXOS. Inoltre, il supporto di un maggiore numero di controller permette a Extreme Networks di offrire ai clienti un insieme di opzioni completo sul fronte del deployment SDN. Le capacità OpenFlow sopra descritte saranno disponibili nel luglio 2012, complete dei relativi servizi di assistenza.

“Creare cloud privati è una delle 10 principali priorità IT nel 2012; si tratta però di contesti dinamici e in forte espansione che pongono sfide importanti per le reti legacy”, ha osservato Bob Laliberte, Senior Analyst di ESG. “Le Software Defined Network promettono di superare tali problematiche consentendo al contempo la messa a punto di nuove applicazioni e nuovi servizi. Le novità di Extreme Networks in ambito SDN ne dimostrano l'impegno per garantire una base per ambienti di rete aperti e programmabili in grado di rispondere in maniera ottimale alle esigenze del cloud computing”.

OpenStack fornisce una piattaforma aperta e community-driven per un'orchestrazione centralizzata. Questo tipo di approccio nella gestione degli switch di rete rappresenta un passaggio logico per Extreme Networks nella sua incessante evoluzione verso tecnologie aperte e reti di scala cloud.

Extreme Networks fornirà inoltre una nuova applicazione e un portale per la condivisione delle applicazioni denominato xKIT, affinché clienti e sviluppatori possano rispondere con più rapidità alle mutevoli esigenze di rete. xKIT sarà anch'esso disponibile nel luglio 2012.

“Un approccio SDN basato su astrazione di rete, intelligence centralizzata e programmabilità è determinante per fare fronte alle mutevoli sfide derivanti dalla mobilità, dal cloud sourcing e dalla consumerizzazione dell'IT”, ha asserito Shehzad Merchant, Vice President of Technology Strategy. “I vantaggi di un approccio SDN sono riscontrabili a livello sia di cloud che di campus e di reti carrier”.

Licenza di distribuzione:
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere