SALUTE e MEDICINA

Fare Micoterapia

October 30 2015
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Il trattamento di malattie con la micoterapia, letteralmente sta a significare “terapia con i funghi medicinali”, sta guadagnando sempre più popolarità.

Adesso che in molti iniziano ad occuparsi di questa dottrina c’è, però, il rischio che molte cose vengano fraintese, mal interpretate o non gestite nel migliore dei modi. Dobbiamo prima di tutto far chiarezza sul ruolo del micoterapeuta. Esso è un professionista che con l’utilizzo dei funghi medicinali cerca di prevenire o curare diverse patologie che possono insorgere a livello fisiologico. Spesso vengono utilizzati, per trattare i diversi casi che si presentano, un mix oppure un solo fungo in base alla sua peculiare azione biologica. Non è, però, questo un modo adeguato per trattare le diverse patologie perché in alcuni casi si necessita di un’alta concentrazione di sostanze bioattive, quali ?-glucani e triterpeni, e in altri una concentrazione elevata di enzimi. Per patologie croniche, come l’artrite o la candidosi, sono indispensabili gli estratti dei funghi che, però, devono avere una concentrazione elevata tale da svolgere un’azione a livello fisiologico, mentre per patologie autoimmuni o per permettere una detossificazione a livello epatico si rivela indispensabile l’utilizzo del frutto intero del fungo, il quale mantiene inalterato il suo corredo enzimatico e questo permette di agire più efficacemente nella regolazione dell’immunità e nella detossificazione dell’organismo.

Può rivelarsi indispensabile l’azione di entrambi i preparati, cioè avere un’alta concentrazione di sostanze bioattive, come negli estratti, e un’alta concentrazione di enzimi, come nel frutto intero del fungo. Per cui un buon micoterapeuta deve tener conto di quanto appena detto e selezionare i prodotti giusti in base alle necessità. Non si può voler curare delle patologie solamente con certe parti del fungo e a concentrazioni troppo basse per avere un riscontro a livello fisiologico, ma si devono utilizzare più parti del fungo, in sinergia tra loro, e più funghi diversi, in base al tropismo specifico di ognuno, per ottenere il migliore effetto terapeutico possibile. È importante sapere, quindi, dove e come vengono coltivati i funghi (in altre parole che siano rispettati gli standard biologici europei) perché possono accumulare tossine e metalli pesanti dal terreno e dall’ambiente in cui vengono coltivati. È importante anche sapere a che concentrazione sono titolati e standardizzati gli estratti dei funghi perché solamente con alte concentrazioni di betaglucani e triterpeni si possono avere importanti effetti benefici a livello fisiologico. Per avere un buon riscontro terapeutico, quindi, è indispensabile seguire quanto appena detto e aver cura di selezionare le giuste aziende, che abbiano anni d’esperienza in questo campo e che possano garantire serietà e competenza, da cui acquistare questi funghi.

http://www.erboristeriarcobaleno.com/micoterapia.html



Licenza di distribuzione:
FONTE ARTICOLO
Gentilin Maria Cristina
Titolare - ERBORISTERIA ARCOBALENO
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere