EDITORIA

Fautographie, il fascino dell'errore

December 18 2018
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Il 27 dicembre, alle ore 17:00 nella Biblioteca Comunale di Magliano Sabina, Michele Di Donato presenterà il suo ultimo lavoro: il libro fotografico dal titolo Fautographie, una serie di riflessioni visive su temi ricorrenti nella sua poetica visiva.

Con “FAUTOGRAPHIE” Michele Di Donato propone una serie di riflessioni visive su temi ricorrenti nella sua poetica visiva: le immagini che si susseguono nelle pagine del libro, infatti, sono quelle dei progetti più significativi realizzati fra il 2010 e il 2016 quali Non luoghi, I Siciliani, REM, Child, Life in nowhere land, Nightlife e Theatre. La struttura del discorso, sia pure nelle sue molteplici interlocuzioni, resta unica: siamo di fronte a una vera e propria opera antologica, sia pure di un autore anagraficamente giovane ma fotograficamente completo e maturo.
Il libro è stato realizzato in sei anni ed è il primo libro fotografico di Michele Di Donato. Nelle 112 fotografie che lo compongono Michele lega la realtà tangibile a quella onirica, passando anche per la terra e le genti che abitano l’antica Trinacria, densa di voci, di tradizionali tableau vivant, veri scenari viventi di storie immobili e stanziali che di fronte alla sua fotocamera divengono immagine. Contemporaneamente Michele Di Donato sa individuare quel senso di atemporalità e straniamento anche in luoghi che stanno perdendo o hanno già dimenticato la loro identità, territori di passaggio di cui nessuno si cura, vuote campiture fatte di lampioni, panchine e piazzali nei quali l’umano che diviene esso stesso sagoma, è solo in transito.
Punto di forza di questo libro è l’ultimo lavoro in ordine di tempo che l’autore, siciliano d’adozione, ha chiamato REM–Rapid Eye Movement, ossia quel rapido movimento che gli occhi compiono durante la fase del sonno nella quale i sogni invadono la mente. In queste immagini i contorni del reale si sfumano, si apre un canale – tutto onirico – che ci indirizza alle profondità di un mare inconscio dove è solo silenzio, dove si abbattono le barriere della razionalità. “Nei sogni non ci sono limiti né di spazio, né di tempo. Io vivo così. Faccio molta fatica a rientrare nella realtà, infatti tendo continuamente a sconfinare nel sogno”, commenta l’autore. La sua fotografia traduce visivamente questo transito continuo, assumendo le medesime caratteristiche estetiche: per tale ragione i bianconeri di Michele Di Donato sono particolarmente contrastati, proprio “come se si stesse per entrare in quell’imbuto che è la mente umana”.
Michele Di Donato si definisce un fautographo, un fotografo dell’errore. Cadendo in errore, infatti, la fotografia “esplora il suo confine e tocca il limite dell’illecito”. Per questo osare in un campo rischioso, quello per l’appunto dell’errore, le immagini generano “misteriose entità che si esprimono secondo tempi e modi inaspettati, varcano i limiti del medium e alludono ad altri mondi possibili”.
Le foto contenute in questo libro sono state scattate in tutta Europa e sono tutte in bianco e nero.

Note critiche

“Il potere che queste fotografie hanno di superarsi iconograficamente per significare anche qualcos’altro, risiede in quella magia, o meglio in quella utopia, che si chiama arte. E l’arte è tale se possiede un requisito fondamentale: la libertà. Libertà è la condizione che caratterizza la fotografia di Di Donato: libertà nella e della predisposizione visuale; libertà di comporre l’immagine, ovvero di farla verificare prevedendola e intrappolandola nell’obiettivo; la libertà che ogni immagine deve avere di cadere nell’errore; libertà di intersecare e connettere forme, spazi, tempi e soggetti esattamente come farebbe uno sciamano.” [Fabiola Di Maggio]

“I fotogrammi voluti e ricercati da Michele Di Donato in “Fautographie” trasformano la luce in ombra luminosa e le ombre in luci labirintiche che inseguono i meandri della coscienza come in uno specchio ustorio , ricamano le scene di un teatro che riguarda il presente di una umanità che si cerca in altro luogo e in altro tempo dove forse è possibile incontrarsi , attraverso la memoria del proprio vissuto , nello spazio perduto; e ogni volta la scena è il teatro del mondo .” [Piero Longo]

Breve bio di Michele Di Donato

Michele Di Donato è nato in Puglia nel 1968 e vive in Sicilia da circa vent’anni. Dopo gli studi di economia aziendale lavora come formatore PNL e Analisi Transazionale e come consulente di marketing e comunicazione. Si dedica alla fotografia sin da piccolo, all’inizio da autodidatta e poi studiandola e approfondendola in numerosi corsi e master. Svolge regolarmente workshop, in diversi contesti formativi, sulla percezione visiva, sulla composizione fotografica e sulla lettura delle immagini. Lettore di portfolio in numerose rassegne di fotografia, dal 2018 entra a far parte del progetto ISP Italian Street Photography, per il quale svolge experience formative di Street Photography in qualità di mentore. Sempre nel 2018 è stato selezionato dall’archivio S.A.C.S. del Museo Regionale d’Arte Moderna e Contemporanea – Museo Riso di Palermo e, nello stesso anno, entra a far parte del Collettivo NEUMA insieme ad altri artisti siciliani. Michele fotografa per necessità, e questo suo modo viscerale di scrivere con le immagini gli ha consentito di ricevere apprezzamenti a livello nazionale e internazionale fra i quali il Moscow International Foto Award 2015 e 2016 in RUSSIA, la 16° edizione del China International Photographic Art Exhibition, l’International Salon of Fine Art Photography 2016 in INDIA, il 6th China International Digital Photography Art Exhibition 2017 in CINA, il Tokyo International Foto Award 2017 in GIAPPONE e il SONY WORLD PHOTOGRAPHY AWARD 2017 nel quale ha conseguito l’onoreficenza di “Commended as Top 50 in the World” nella categoria Open Architecture. Le sue immagini sono state pubblicate su magazines come Reflex, Foto CULT, Click Magazine, Die Angst Munich, L’Oeil de la Photographie Paris, 1340Art Magazine, F-Stop Magazine fanno parte di molte collezioni pubbliche e private e sono state esposte in numerose mostre personali in tutto il mondo. Attualmente è rappresentato dalle seguenti gallerie d’arte: Singulart (Parigi), Saatchi Art (New York), Blank Wall Gallery (Atene), NewBloodArt (London).



Licenza di distribuzione:
FONTE ARTICOLO
Teresa Mancini
Responsabile pubblicazioni - BYCAM fotografia di Teresa Mancini
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere