SALUTE e MEDICINA

Fino al 70% in meno di utilizzo di farmaci antibiotici in 50 Allevamenti Piemontesi

August 14 2020
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

I risultati del servizio Masti-Stop, il nuovo approccio integrato lanciato da A.R.A.P. due anni fa per la lotta alla mastite bovina e per la riduzione dell’utilizzo del farmaco, stanno dimostrando la piena validità delle ipotesi di partenza

A poco più di due anni dal lancio di Masti-Stop, l’innovativo servizio di consulenza tecnica promosso dall’Associazione Regionale Allevatori del Piemonte (A.R.A.P.), i risultati ottenuti sul campo dimostrano la validità e la funzionalità delle ipotesi di partenza che hanno portato all’implementazione della strategia operativa. E la risonanza che il servizio ha avuto a livello nazionale oltre ai numerosi approfondimenti pubblicati sulle riviste di settore confermano quanto sia vincente l’approccio di sistema per affrontare il problema.

Masti-Stop rappresenta infatti un nuovo servizio di consulenza in grado di affrontare in modo integrato le problematiche in allevamento per ridurre il livello di cellule somatiche, contrastare la mastite bovina e soprattutto ridurre l’utilizzo del farmaco in stalla. Il servizio nasce in conseguenza dell’emanazione delle “Linee Guida per l’utilizzo prudente degli antibiotici in medicina veterinaria (2015/C 299/04)” che si poneva l’obiettivo di sensibilizzare gli allevatori verso un nuovo approccio al problema e di creare una nuova consapevolezza per una gestione aziendale globale e preventiva e non più puntuale, cioè solo quando si manifesta il problema in maniera acuta (es. i mesi estivi) oppure solo attraverso l’analisi di uno o pochi aspetti gestionali (es. solo attraverso l’analisi dei campioni di latte).

Peculiarità del servizio Masti-Stop di A.R.A.P.
Il servizio Masti-Stop di A.R.A.P. fornisce principalmente un supporto tecnico e gestionale all’allevatore per un’analisi globale della situazione di stalla; permette inoltre di individuare le eventuali criticità di cui l’allevatore ha percezione e degli obiettivi che si pone nel breve-medio periodo; suggerisce un pool di interventi tecnici su vari livelli per affrontare e risolvere le problematiche; e infine opera con un monitoraggio mensile dei dati aziendali e della qualità del latte per la verifica dei risultati ottenuti.

I tecnici del team di Masti-Stop partono da un’analisi dettagliata e imprescindibile dei dati mensili (il grande patrimonio del Sistema Allevatori) rilevati dal Controllo funzionale da parte dell’Associazione regionale e con il coordinamento dell’Associazione Italiana Allevatori (A.I.A.) su produzioni, qualità del latte, eventi in capo al singolo animale come soggetti venduti o deceduti - solo per citarne alcuni - e definiscono un quadro iniziale delle problematiche di stalla; poi ogni mese verificano l’efficacia degli interventi correttivi attuati in allevamento. Per ogni caso specifico i tecnici specialisti adottano una strategia “su misura” in grado di affrontare anche problematiche connesse alle strutture aziendali, alle fasi di mungitura, alla funzionalità degli impianti e al monitoraggio delle mastiti.

“La corretta gestione delle mastiti con le analisi di laboratorio rapide e precise degli eventuali batteri responsabili del problema e l’individuazione dei principi attivi ai quali i batteri sono sensibili o resistenti per stabilire l’eventuale trattamento farmacologico (antibiogramma) rappresenta un passaggio fondamentale per l’allevatore al fine di utilizzare i farmaci in maniera razionale”. Prof. Paolo Moroni, del Dipartimento di Medicina Veterinaria dell’Università di Milano e referente scientifico di Masti-Stop.

I primi risultati testati su 50 allevamenti piemontesi a due anni dal lancio del servizio Masti-Stop di A.R.A.P.
In effetti l’approccio di sistema di Masti-Stop, con gli interventi tecnici e di controllo a cadenza mensile, effettuato su 50 allevamenti piemontesi, ha consentito di registrare in due anni un trend positivo connesso alla diminuzione dell’indice citologico già a partire dal terzo-quarto mese di consulenza e una significativa riduzione nell’uso dell’antibiotico relativamente all’attività di prevenzione dell’insorgenza di mastite. Come conferma il Dott. Marco Coraglia, Medico Veterinario specializzato nel settore “Qualità latte e mastiti”: “Attraverso il calcolo della Dose Giornaliera Definita

(DDD) abbiamo riscontrato nelle stalle seguite dal team di Masti-Stop una riduzione dell’utilizzo del farmaco variabile dal 30 al 70%”.
L’antibiotico -resistenza
I dati sul consumo degli antibiotici negli allevamenti sono fondamentali per cercare di promuovere un utilizzo razionale dell’antibiotico e per contrastare l’antibiotico-resistenza, che riscontra ormai un interesse globale e coinvolge sia la salute umana che animale e i vari settori dell’agricoltura. L’uso prudente degli antibiotici deve favorire un impiego più razionale e mirato, che porti a una progressiva riduzione degli antibiotici stessi, limitandoli solo alle situazioni in cui siano necessari, sulla base cioè di diagnosi cliniche e, ove possibile, dei risultati di test microbiologici di sensibilità.
Fondamentale in questa attività anche l’operatività del Laboratorio Analisi di A.R.A.P., sito a Cuneo in frazione Madonna dell’Olmo e inaugurato il 23 marzo 2018, che analizza circa un milione di campioni l’anno (prevalentemente di latte) e rappresenta una struttura d’eccellenza a livello regionale e non solo, moderna ed efficiente, per la prevenzione delle patologie animali al servizio degli allevatori e di tutti gli operatori del settore zootecnico e agroalimentare.
“Il nostro obiettivo è quello di fornire nel minor tempo possibile l’analisi batteriologica sul campione consegnato in laboratorio con il relativo antibiogramma al fine di permettere l’intervento in stalla entro 48 ore al massimo”, spiega Daniele Giaccone, Responsabile Laboratorio Analisi A.R.A.P. “
Gli allevatori interessati ad approfondire il progetto possono contattare l’A.R.A.P. al numero 0171- 410836 o tramite email a mastistop@arapiemonte.it per richiedere una prima visita informativa gratuita.

A PROPOSITO DI ARAP:
L’Associazione Regionale Allevatori del Piemonte (A.R.A.P - www.arapiemonte.it ) nasce il 27 ottobre 1970 con l’obiettivo di supportare gli allevatori sul territorio piemontese nella loro attività quotidiana fornendo un’attenta e costante assistenza tecnica, terza e indipendente. Le aziende di bovini, ovo-caprini, equini, suini, ecc. possono dunque avvalersi di molteplici servizi volti a migliorare costantemente il livello qualitativo delle produzioni, ottimizzare il benessere degli animali, individuare le migliori soluzioni tecniche e gestionali per ridurre i costi di produzione e aumentare il grado di remunerabilità. Strettamente connesso alla sua mission originaria, è anche il secondo ramo di intervento dell’A.R.A.P: educare e sensibilizzare opinione pubblica, consumatori e famiglie sui temi della qualità e sostenibilità degli allevamenti e dell’intera filiera. L’A.R.A.P è costituita da 7 sezioni territoriali Allevatori (STA) distribuite tra Piemonte e Liguria. Le sedi piemontesi sono suddivise per Alessandria, Asti, Cuneo (sede legale), Novara V.C.O, Torino, Biella e Vercelli e Masone in Liguria. Attualmente i soci sono 6.053 per un totale di 312.189 capi sottoposti a controlli funzionali.

Licenza di distribuzione:
Mariella Belloni
Vicecaporedattore - Marketing Journal
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere