ARTE E CULTURA

Galleria Nazionale di Singapore: Minimalismo

January 21 2019
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Spazio. Luce. Oggetto. Oltre 100 opere , 70 artisti, 4 Continenti. 16 novembre 2018-14 aprile 2019.

MINIMALISMO: SPAZIO. LUCE. OGGETTO.

16 novembre 2018-14 aprile 2019.

Galleria Nazionale di Singapore

Galleria di mostre speciali Singtel | Ala del municipio, livello 3


Oltre 100 opere , 70 artisti, 4 Continenti.

La prima mostra del Minimalismo nel sud-est asiatico, ambientata in due siti: National Gallery Singapore e ArtScience Museum.

Con la guida della National Gallery di Singapore, la mostra presenta oltre 100 opere che esplorano la storia e l'eredità di questo movimento artistico rivoluzionario, che continua a informare una vasta gamma di forme d'arte e professionisti di tutto il mondo oggi.

www.minimalism.sg .

Immagine in alto: Tatsuo Miyajima, Mega Death , 1999/2016. LED, IC, cavo elettrico e sensore a infrarossi. Dimensioni variabili. Collezione Domus.




Panoramica dell'esibizione.

Il minimalismo è stato un punto di svolta radicale nella storia dell'arte. Emergendo negli anni '60, ha cambiato il modo in cui sperimentiamo l'oggetto artistico, rendendo sempre più importante l'incontro fisico con l'opera d'arte e il suo spazio circostante. Ha avuto una profonda influenza non solo sull'arte visiva, ma anche su musica, performance, moda, architettura e design.

Minimalismo: spazio. Luce. Oggetto. guarda allo sviluppo e ai lasciti del Minimalismo dagli anni '50 ad oggi, non solo negli Stati Uniti ma anche in Asia, Australia ed Europa. Presenta opere di oltre 70 artisti di spicco che esplorano idee di presenza e assenza, molte delle quali sono state informate da filosofie asiatiche come il Buddismo Zen.

Scopri come la riconcettazione del minimalismo della relazione tra oggetto, spazio e spettatore è fondamentale per la nostra comprensione dell'arte oggi.

Cos'è il minimalismo?

Il minimalismo si riferisce comunemente a una tendenza artistica che è venuta alla ribalta nella New York degli anni '60. È caratterizzato da forme geometriche che vengono spesso ripetute in serie, nonché dal suo uso di processi e materiali industriali.

Distillare l'arte

Paragonando le opere d'arte ai loro elementi più essenziali, gli artisti minimalisti intendevano eliminare l'espressione individuale e il processo decisionale artistico e creare un incontro diretto e non mediato tra lo spettatore e l'oggetto d'arte in uno spazio e un tempo specifici.

Oltre la cornice

Questo nuovo approccio all'arte ha aperto un'ampia gamma di possibilità per l'arte che ne è seguita, che ha esteso l'esperienza dell'arte al di là del lavoro stesso per includerne i contesti ambientali, sociali e politici. Ciò ha lasciato una profonda eredità che risuona ancora nell'arte contemporanea.

Una svolta radicale

Il minimalismo è anche acclamato per il suo impatto significativo su musica, performance, design, moda e stile di vita. La sua influenza ha continuato a crescere, rafforzata da importanti mostre a New York e altrove. Tendenze analoghe si sono manifestate in parallelo in tutto il mondo, indipendentemente o in dialogo con artisti americani, come il mono-giapponese in Giappone. Questi hanno ricevuto crescente attenzione negli ultimi anni, spinti dal più ampio apprezzamento dell'arte moderna globale, estendendo la narrativa consolidata del Minimalismo al di là degli Stati Uniti.




COSA GUARDARE

Oltre 100 opere esposte con artisti come Mark Rothko, Tatsuo Miyajima, Donald Judd, Anish Kapoor, Ai Weiwei, Yayoi Kusama, Mona Hatoum, Kim Lim, Tang Da Wu, Jeremy Sharma e Lee Ufan.

In mostra alla Singtel Special Exhibition Gallery

Ala del municipio, livello 3



I "monumenti" di Dan Flavin per la serie V. Tatlin rendono omaggio agli ideali utopici dell'artista costruttivista russo Vladimir Tatlin. Composta da 39 pezzi in diverse configurazioni create tra il 1964 e il 1990, la serie fa riferimento al non realizzato Monumento alla Terza Internazionale di Tatlin (1920), una torre svettante destinata a sostenere il Piano di Lenin per la Propaganda Monumentale.
Per Flavin, il titolo delle sue opere come "monumenti" è ironico, poiché sono effimeri e usano materiali ordinari.


National Gallery Singapore - Minimalism: Space. Luce. Oggetto. - Mona Hatoum - Impenetrabile

Questa installazione sembra quasi invitante da una certa distanza. Tuttavia, quando si avvicina, il cubo del filo spinato respinge invece. Tali contraddizioni sono fondamentali per il lavoro di Hatoum, che spesso assume la forma di griglie e cubi. Questi si trasformano in trappole, barriere e contenitori, rivelando il potenziale di divisione e violenza incorporato nelle strutture della vita quotidiana.



Haegue Yang
Sol LeWitt Upside Down .
La serie Sol LeWitt Upside Down di Haegue Yang consiste in serie di cubi realizzati con tende alla veneziana bianca standardizzate, che pendono da griglie di sospensione con luci. Il lavoro fa riferimento alle strutture cubiche bianche di LeWitt e ai concetti di modularità e ripetizione. Qui, la forma e le dimensioni di ciascuna scultura dipendono dal numero e dalla configurazione delle unità. La casualità gioca comunque un ruolo chiave, con Yang che decide arbitrariamente la larghezza delle veneziane del set. I bui diffondono la severa linearità delle strutture cubiche di LeWitt, producendo una gamma di opacità dovute alla variazione della densità dei bui, alle condizioni di luce mutevoli e al movimento dello spettatore.




Olafur Eliasson
Spazio per un colore

Il lavoro di Olafur Eliasson esplora gli effetti scientifici di luce e colore sulla nostra visione. Questa stanza è illuminata da lampade monofrequenza che sopprimono tutti i colori tranne il giallo e il nero, facendoci vedere nelle tonalità del grigio. L'esperienza dimostra che la nostra percezione non è fissa ma cambia con il nostro ambiente, suggerendo che possiamo vedere il mondo da più prospettive.


National Gallery Singapore - Minimalism: Space. Luce. Oggetto. - Simryn Gill



Queste immagini sono state scattate in un complesso residenziale abbandonato a Port Dickson, in Malesia. Gill si concentrò sui vetri delle finestre lasciati indietro dopo che i loro telai furono rubati e venduti come rottame. Il titolo si riferisce all'antica città cambogiana di Angkor, ed evoca le interpretazioni speculative che portiamo a cose che potremmo incontrare o portare alla luce.


Ai Weiwei. Fotografia della National Gallery di Singapore.

Ogni seme in questo lavoro è unico, fatto a mano da artigiani della ceramica a Jingdezhen, una città in Cina storicamente nota per la sua industria di porcellana. Ai sfida la narrativa "Made in China" della produzione di massa a basso costo attirando l'attenzione sul singolo lavoratore e sulla sua relazione con la società in generale. L'enorme numero di semi può anche essere un riferimento alla vasta popolazione cinese.




Tatsuo Miyajima
Mega morte.


Il titolo di questo lavoro si riferisce alla grande scala vite perse nel corso del 20 ° secolo a causa di guerre e conflitti. I numeri dei LED sui pannelli eseguono il conto alla rovescia da nove a uno, saltando lo zero prima di ripetere nuovamente il ciclo. Questo parallelo è il ciclo buddista di vita, morte e rinascita, dove zero è il vuoto.

In mostra al City Hall Foyer

Ala del municipio, livello 1


Sopheap Pich

Carico

Questo lavoro è stato commissionato dalla National Gallery Singapore per Minimalism: Space. Luce. Oggetto. Fotografia della National Gallery di Singapore.

Questa scultura si basa sulla forma di un container da 20 piedi, con scala 1: 1. I container marittimi sono un potente simbolo di un commercio e di un capitale globali: queste navi onnipresenti e resistenti semplificano il trasporto di beni di consumo in tutto il mondo. Ricordano il concetto del filosofo Michel Serre di oggetti del mondo, o oggetti attraverso cui viviamo il nostro mondo. Mentre il contenitore di spedizione è opaco e il suo contenuto è oscurato, i contenitori di Sopheap Pich trattengono solo l'aria e possiamo vederli attraverso, rivelando la relazione tra ciò che è dentro e ciò che è all'esterno. Pich si concentra sul suo uso di materiali locali cambogiani come bambù e rattan, radicando profondamente il lavoro in un senso del luogo.

Le sculture di Pich sono a volte figurative, altre astratte e geometriche, con le loro strutture tessute ordinate che condividono la logica matematica delle prime griglie minimaliste. Uno dei principali artisti contemporanei della Cambogia, il lavoro di Pich è ricco di storia e memoria,

Licenza di distribuzione:
Maura Capanni
Corrispondente settore cultura - RETERICERCA
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere