VARIE

Giornata Mondiale dell’Alimentazione, Assosementi: cambiare approccio nei confronti dell’innovazione vegetale primo passo per garantire la sicurezza alimentare

October 17 2018
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Giuseppe Carli: "La sentenza della Corte di Giustizia Europea dello scorso luglio si muove nella direzione opposta a quella da noi auspicata"

Bologna, 16 ottobre 2018 – Per raggiungere la sicurezza alimentare non si può prescindere dall’innovazione vegetale, uno strumento indispensabile per ottenere varietà più produttive e di maggiore qualità, in grado supportare l’agricoltura nel fronteggiare le grandi sfide globali: incremento della popolazione, diminuzione delle terre coltivabili e cambiamenti climatici. È questo l’appello lanciato da Assosementi, l’associazione che rappresenta le aziende sementiere italiane, in occasione della Giornata Mondiale dell’Alimentazione indetta dalla Fao e che si celebra oggi in tutto il mondo.

“Secondo la definizione comunemente accettata a livello internazionale, garantire la sicurezza alimentare significa permettere a «tutte le persone, in ogni momento, di avere un accesso fisico, sociale ed economico ad alimenti sufficienti, sicuri e nutrienti»- ha dichiarato Giuseppe Carli, Presidente di Assosementi. Per il World Food Day 2018, la Fao ha lanciato l’appello #ZeroHunger in cui si chiede un cambio di mentalità da parte dei cittadini, che devono sostenere i produttori locali, utilizzare le risorse della Terra in modo più oculato, seguire diete nutrienti e varie e cambiare le azioni quotidiane con l'obiettivo di ridurre gli sprechi. Il settore sementiero vuole quindi sottolineare la necessità di un approccio diverso nei confronti dell’innovazione vegetale che gioca un ruolo fondamentale nella creazione di modelli produttivi e di consumo più sostenibili, offrendo da un lato varietà più resistenti ai patogeni e dall’altro prodotti meno deperibili e più nutrienti”.

“I cibi che mangiamo oggi sono il frutto di esperienze pratiche e di conoscenze che l’Uomo ha saputo accumulare nel corso di millenni e dell’opera di selezione delle specie portata avanti nel tempo. Per questo è necessario coinvolgere l’opinione pubblica in un percorso di conoscenza che spieghi i vantaggi garantiti dal miglioramento genetico vegetale e porti a ritenere le nuove tecnologie strumenti di progresso sostenibile nel campo vegetale come negli altri settori, quale ad esempio quello della salute umana. Purtroppo la sentenza della Corte di Giustizia Europea dello scorso luglio, che porta a ritenere le varietà ottenute con tecniche di mutagenesi alla stregua di OGM, si muove nella direzione opposta a quella da noi auspicata, poiché si oppone allo sviluppo di strumenti che sarebbero in grado di accelerare il raggiungimento della sicurezza alimentare” ha aggiunto Carli.

“Non va infatti dimenticato che l’innovazione vegetale ha contribuito a incrementare i raccolti delle colture più strategiche: ad esempio negli ultimi 15 anni nell’Unione europea la produzione di frumento è aumentata di oltre 22 milioni di tonnellate, pari ad una crescita del 15% che ha contribuito a mantenere i prezzi più bassi. Nello stesso arco temporale, la produzione annua di patate è aumentata di 10 milioni di tonnellate mentre senza il miglioramento genetico oggi sarebbe inferiore del 20% e del 7% più costosa” ha concluso Carli.

ASSOSEMENTI – Associazione Italiana Sementi - rappresenta a livello nazionale il settore sementiero: costitutori di varietà vegetali, aziende produttrici di sementi e aziende distributrici di sementi in esclusiva. Assosementi aderisce a ESA (European Seed Association), l’Associazione sementiera europea, e a ISF (International Seed Federation), la Federazione internazionale delle sementi.

Licenza di distribuzione:
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere