SOCIETA

GLI AFFITTI A PIACENZA: quanto costano e quali sono le tipologie d'immobili più diffuse

January 2 2018
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Ogni anno a Piacenza trovano casa in affitto numerosi nuovi inquilini: tra studenti universitari fuori sede e lavoratori “moderni” di ogni età, analizziamo la composizione dell'offerta e l'andamento del costo medio degli affitti Piacenza.

La storia di Piacenza inizia quasi 2.000 anni fa, quando era solo un avamposto romano, oggi, invece, è una città di medio-piccole dimensioni, capoluogo dell'omonima provincia, in cui risiedono poco più di 100.000 abitanti, crocevia e punto d'incontro tra Emilia e Lombardia. Ricca di numerosi siti di interesse storico-culturale e naturale, Piacenza ospita anche numerose facoltà universitarie, tra cui le sedi distaccate dell'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, del Politecnico di Milano e dell'Università degli Studi di Parma. In città sono inoltre presenti diverse aziende e sedi di esercizi commerciali di riconosciuta eccellenza sia in Italia che all'estero.

La compresenza di tutte queste realtà sul territorio piacentino ha fatto sì che, negli ultimi anni, si sviluppasse in città un continuo flusso di studenti universitari e lavoratori fuori sede sistematisi in alloggi concessi in locazione. Dunque, nonostante il settore delle compravendite ancora tardi a riprendersi dopo il crollo del mercato, conseguenza della crisi immobiliare che ha recentemente colpito l'intero Paese, a Piacenza il mercato degli affitti è sempre attivo e in costante evoluzione. Questo settore, infatti, può contare sul continuo ricambio di “nuovi piacentini” che ogni anno scelgono “la Primogenita” come città sede dei loro percorsi di studio o di lavoro, a cui vanno aggiunti, come in ogni comune, quella fetta di cittadini che decidono di cambiare casa per mutate esigenze familiari o economiche.

Andiamo, dunque, ad analizzare l'andamento del mercato delle locazioni nel comune di Piacenza, focalizzando la nostra attenzione sulla composizione dell'offerta e sui prezzi medi di affitto.

Composizione dell'offerta.

Prima di entrare nel vivo della nostra analisi sui prezzi di affitto nel comune di Piacenza, vi sono due fattori fondamentali che caratterizzano questo settore che è necessario studiare per rendersi realmente conto dell'andamento del mercato delle locazioni piacentino: il primo di essi è il profilo tipico dell'inquilino che cerca casa in affitto a Piacenza; il secondo è la composizione dell'offerta degli immobili in affitto, per la quale ci affidiamo ai dati messi a disposizione dal portale Piacenzacase.it, sempre costantemente aggiornato sulla situazione del mercato immobiliare del comune emiliano.

Il classico inquilino a Piacenza è lo studente universitario fuori sede che, per motivi economici, di studio, per conoscere gente nuova o per condividere questo tipo di esperienza con un amico di vecchia data, sceglie di dividere un appartamento in affitto con altri coinquilini. La tendenza nuova, però, riguarda una folta massa di professionisti che, per motivi lavorativi, devono lasciare la città di residenza e trasferirsi altrove: a Piacenza sono molti i lavoratori di tutte le età che ogni anno cercano una casa in affitto, la novità sta nel fatto che oggi preferiscono condividerla con altri inquilini, piuttosto che vivere da soli. È un diverso stile di vita che ha preso piede negli ultimi anni, più moderno e dinamico, meno costoso, ma soprattutto “alla moda”, che ha ampliato di molto il pubblico dei possibili locatari di molte città italiane, come Piacenza.
Detto ciò, andiamo a studiare la composizione dell'offerta del mercato degli affitti nel comune di Piacenza, che sono riassunti nella tabella 1. Come si può notare, oltre l'80% degli annunci di affitti online e sulle bacheche delle agenzie immobiliari è occupato da appartamenti bilocali e trilocali: i primi, addirittura, coprono quasi il 50% del totale degli annunci di locazione. Al terzo posto di questa particolare classifica, dopo il 35% circa dei trilocali, troviamo i monolocali, con “solo” il 4,5% di presenza, tipologia di immobile che, però, negli ultimi anni ha visto crescere maggiormente il suo valore sul mercato.


Quanto costa affittare casa a Piacenza?

Definita la composizione dell'offerta degli immobili in affitto nel comune emiliano, passiamo ora a studiare quanto costi effettivamente, ad oggi, affittare casa a Piacenza. Gli anni post crisi immobiliare sono stati caratterizzati da una continua decrescita dei prezzi medi di affitto, dovuta anche al calo drastico dei possibili inquilini che potevano permettersi cambiare casa in locazione. Da 12-18 mesi a questa parte, però, si è registrata una nuova crescita dei costi medi, un'inversione di tendenza che appare il primo importante passo per recuperare terreno e tornare ai livelli pre crisi. Prendendo in considerazione la sola città di Piacenza, non si può certo parlare di crescita eclatante, ma la costanza di aumento registrata è sufficiente per parlare di ripresa effettiva: nei primi 10 mesi del 2017, infatti, il prezzo medio di affitto è stato costantemente superiore agli 7,35 €/m2/mese, con una media di 7,48 €/m2/mese, mentre nel 2016 la media annua delle locazioni era appena 7,28 €/m2/mese, con valori mensili sempre inferiori ai 7,35 €/m2/mese; ancora minori le medie mensili e quella annua del 2015.

Per quanto riguarda i costi medi di locazione per tipologia di immobile, ci affidiamo nuovamente ai dati di piacenzacase.it: nell'area urbana di Piacenza, un monolocale, ad oggi, si può affittare a circa 355 €/mese, mentre per gli appartamenti, il prezzo varia ovviamente in base al numero delle camere: un solo locale si paga in media 451 €/mese, per un'abitazione con due camere da letto il prezzo richiesto è circa 583 €/mese, mentre per appartamenti più spaziosi con tre camere, il costo mensile sale decisamente: si può affittare, in media, a 769 €. Nella tabella 2 abbiamo riportato il costo medio di affitto, in €/mese, delle principali tipologie di immobili.


Restringiamo ora ulteriormente il campo d'analisi e prendiamo in considerazione separatamente le “zone” dell'area urbana di Piacenza, così come le suddivide l'OMI, l'Osservatorio del Mercato Immobiliare facente capo all'Agenzia delle Entrate. Scopriamo, studiando i valori aggiornati al primo semestre 2017, che anche per il comune di Piacenza, come accade nella maggioranza dei comuni italiani, la zona con i prezzi d'affitto più alti è quella “B1” del Centro Storico entro le mura Farnesiane: qui il prezzo medio di locazione di un immobile in buone condizioni oscilla tra i 6,2 e i 9,2 €/m2/mese, anche se si possono trovare abitazioni a prezzi ben più economici, racchiusi, in media, tra i 3,3 e i 4,8 €/m2/mese. Nelle zone limitrofe i prezzi si abbassano proporzionalmente con l'aumento della distanza dal Centro Storico, in particolare, nella zona “C2”, ovvero quella comprendente Strada Raffalda, Via XXIV Maggio, Via IV Novembre, Via Campi, Viale Dante, Via Bianchi e Via Cella, il prezzo medio di un'abitazione in buone condizioni varia tra i 5,3 e i 7,6 €/m2/mese, mentre nella zona “B1”, ovvero quella racchiusa tra B.ra Milano, Viale S. Ambrogio, P.le Roma, Via Colombo, Via Beati, Via Boselli, Infrangibile, B.ra Torino e Via XXI Aprile, i valori medi sono ancora inferiori: la medesima tipologia di immobile si può affittare ad un prezzo di circa 4,7-6,8 €/m2/mese.



Licenza di distribuzione:
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere