MOTORI RICERCA

Google AdWords: dal 31 gennaio 2017 solo annunci di testo esteso

January 19 2017
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Un post sul AdWords GoogleBlog ricorda ai agli utenti che il 31 gennaio 2017 il sistema completerà la transizione alle sole pubblicità di testo esteso. A partire da quella data, gli annunci tradizionali di testo non saranno più disponibili per l'inserimento nelle campagne Ad

Un post sul AdWords GoogleBlog ricorda ai agli utenti che il 31 gennaio 2017 il sistema completerà la transizione alle sole pubblicità di testo esteso. A partire da quella data, gli annunci tradizionali di testo non saranno più disponibili per l'inserimento nelle campagne Ad.

Una delle ragioni alla base del cambiamento è il miglior rendimento visivo sui dispositivi mobili. In altre parole, con il nuovo formato Google riesce a sfruttare meglio la larghezza dei display degli smartphone ed a far visualizzare un maggior numero di annunci senza penalizzare troppo l'esperienza utente sul lato della ricerca organica. Un'altra ragione è l'aumento dei caratteri a disposizione dei copywriter.

Il nuovo formato, al pari dell'attuale che verrà sostituito, si basa sempre sui tradizionali tre elementi: Titolo, URL visualizzato e Descrizione.

Le differenze riguardano il numero di caratteri e la formattazione degli elementi:

Intuitivamente, il nuovo formato consente una maggior espressione creativa grazie all'aumento del numero di caratteri. Inoltre, nella maschera di inserimento si può notare la modifica apportata ai campi URL: l'indirizzo web di destinazione, URL finale, accoglie per intero il percorso che porta alla pagina pubblicizzata, mentre il campo "percorso" in basso riporta il nome dominio e può essere personalizzato nei due campi a seguire, editabili.

Google AdWords ribadisce le linee guida su come progettare e creare un annuncio esteso e consiglia cosa fare delle campagne in atto con gli annunci tradizionali:



  • Testare più versioni di un annuncio per ciascun gruppo di campagne

  • Focalizzare l'attenzione sul titolo, considerato la parte più importante dell'annuncio (ora con due campi testo a disposizione)

  • Fare tesoro delle ad tradizionali che hanno dato buoni risultati (applicare keyword e testi consolidati anche nel nuovo formato)

  • A volte less is more: magari è più efficace usare solo il nome del proprio brand nel titolo, specie se l'uso delle keyword non crea necessariamente valore aggiunto per il brand



Google ha iniziato a testare il nuovo formato più di sei mesi fa quindi è probabile che molti di coloro che usano AdWords si siano già abituati ai vantaggi del nuovo tool. Gli annunci tradizionali non saranno più disponibili per le nuove campagne, mentre continueranno a girare, se presenti, nelle campagne attive al momento del passaggio definitivo.



Licenza di distribuzione:
Radu Gabriel Tanasescu
Owner - Digital Banzai Web Marketing
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere