Utenti registrati: 37597 - Testi pubblicati: 233912
Comunicati-Stampa.net TV.Comunicati-Stampa.net
CAT: MOTORI RICERCA


Leggi tutte le news della categoria

Scheda autore comunicato stampa
   Informazioni sull'autore del testo:
Autore: Luca Melloni
Azienda: Luca Melloni
Web: http://www.orebla.it


Scheda completa di questo autore
Altri testi di questo autore
RSS di questo utente Feed RSS utente

Registrazione nuovi utenti

Richiedi l'accredito stampa gratuito, ti darà diritto all'invio di illimitati comunicati stampa e news, che vedrai pubblicati quì e sul network di siti affiliati a comunicati-stampa.net.

Accedi al modulo di registrazione
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo?
Leggi come procedere




Comunicato Stampa
Creative Commons - Attribuzione-Non opere derivate 2.5
Google Instant contro i Torrent e RapidShare!

Pubblicato il 31/01/11 | da Luca Melloni


Da oggi niente più suggerimenti tramite Google Instant per quanto riguarda tutte le ricerca che hanno come oggetto i file P2P: torrent e il famigerato portale RapidShare! Questa è la risposta di Google per combattere la pirateria informatica! Sarà una prima mossa ma a me non pare molto efficace dato che le ricerche verso altri, e forse, più importanti sistemi di condivisione pirata rimangano attivi e con nessun blocco.

Il primo a cadere, nella lotta alla pirateria, è il famoso protocollo torrent. Ovviamente la “caduta” di cui parlo è relativa ai risultati di ricerca su Google; il quale, è sempre stato, il motore di ricerca numero uno per chi cerca torrent in rete.

Google ha deciso di imporre un blocco ai suggerimenti di ricerca per qualsiasi keyword o gruppi di keywords che contengano le parole: “torrent” e “bittorrent“. Stesso discorso vale anche per tutti i client torrent attualmente in circolazione.

Come vedete dalle prove effettuate non esce nessun suggerimento per queste keywords.

Attenzione, però, che non cambia nulla nei risultati di ricerca; Google ha solamente censurato i suggerimenti ma non ha bannato nessun sito dai propri database.

Questa è una prima tecnica per scoraggiare gli utenti ha cercare file torrent illegali e non.

Se poi completate la parola “torrent” i risultati si mostreranno come sempre!

Stessa cosa vale anche per tutti i contenuti sul portale, più famigerato al mondo, di condivisione file RapidShare.

I risultati, anche qui, rimangono comunque disponibili una volta completata la parola!


Autore della pubblicazione:
Luca Melloni
Webmaster
Luca Melloni
Vai alla versione stampabile di questa news - Versione in PDF Crea PDF di questa news
Info su chi ha pubblicato questo testo
Leggi altri testi dello stesso autore
Leggi altre news che trattano lo stesso argomento (MOTORI RICERCA)
» Clicca per leggere le ultime notizie pubblicate

ID: 119557

Clicca qui


RSS Comunicati-Stampa.net, clicca per accedere alla pagina   Copyright © PuntoWeb.Net S.a.s.              Privacy | Regole servizio | Chi siamo | Pubblicità | Per la Stampa | Partners
 
PuntoWeb.Net Sas