GASTRONOMIA

Grappa Nardini rinnova l'accordo con il mondo degli Alpini

February 17 2020
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

La più antica Distilleria d'Italia e l'Associazione Nazionale degli Alpini sanciscono per i prossimi tre anni un'unione già centenaria e consolidata

Distilleria Nardini, con oltre duecento anni di storia, emblema di qualità e tradizione, riconferma l’accordo triennale con l’Associazione Nazionale degli Alpini, un’unione centenaria forte e consolidata che sancisce un legame che vedrà partner ufficiali delle prossime Adunate la storica Grappa Bianca e il Mezzoemezzo Nardini.

Il legame tra l’A.N.A., l’associazione che raggruppa tutti gli alpini d’Italia, e la Ditta Bortolo Nardini risale infatti alla Grande Guerra del 1915-18, che fu combattuta per gran parte sui territori veneti, trentini e friulani.

In quegli anni, precisamente nella seconda parte del tragico 1917, dopo la rotta di Caporetto e l’inizio di una estenuante guerra di posizione, inizia il sodalizio fra Alpini e Nardini, la cui “grappa bianca” era diventata per le truppe Alpine un bene di conforto che consolava e riscaldava i cuori.

Sebastiano Favero, Presidente Nazionale dell’A.N.A., afferma “Il sodalizio tra A.N.A. e Nardini rappresenta un momento di ricordo e di riferimento storico. Nardini è l’azienda che ha saputo valorizzare una delle realtà più importanti, anche per gli Alpini, ovvero quel gusto di stare insieme e condividere, bevendo un buon bicchiere di grappa. Durante il periodo di guerra, infatti, il cicchetto era il modo con cui i nostri cominciavano la giornata”, continua Favero. “Le strade di Nardini e A.N.A. si sono incontrate ai tempi della Grande Guerra ma è nel 1948, con la prima adunata degli Alpini post bellica a Bassano del Grappa, che si è sigillato un punto d’intesa. Con una bottiglia di Grappa Nardini venne infatti inaugurato il Ponte Vecchio – che idealmente congiunge la ditta Nardini e la sezione Montegrappa degli Alpini - andato distrutto durante la guerra e ricostruito anche con il contributo degli Alpini. Grazie a questo simbolico gesto si consolida definitivamente il forte legame che intercorre tra la Ditta Bortolo Nardini e A.N.A.”.

L’amministratore delegato della Ditta Bortolo Nardini, Michele Viscidi dichiara: “Siamo orgogliosi di riconfermare questa unione già consolidata e affermata negli anni, dove l’Associazione Nazionale Alpini e Nardini rappresentano il simbolo storico di Bassano, divenendo l’emblema della cultura, non solo territoriale ma anche nazionale”.

La collaborazione tra la grappa Nardini e l’Associazione Nazionale Alpini racconta la storia del nostro Paese esaltandone le tradizioni e le usanze e valorizzando l’unicità del carattere italiano.

DITTA BORTOLO NARDINI

La storia della famiglia Nardini è sinonimo di passione, amore per il proprio territorio e qualità. È la storia della più antica distilleria d’Italia nata nel 1779 all'ingresso del Ponte Vecchio a Bassano del Grappa e frutto del lavoro della famiglia Nardini. Una vita dedicata ad esaltare il proprio territorio, culla di un prodotto prezioso ancora oggi, dopo due secoli.




Licenza di distribuzione:
Mariella Belloni
Vicecaporedattore - Marketing Journal
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere