ECONOMIA e FINANZA

Guida all'emissione del Documento di Trasporto (DdT)

November 30 2020
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

In questo articolo approfondiamo alcuni aspetti tecnici del Documento di Trasporto (DdT) Peppol e della sua emissione da un sistema SAP.

Ad oggi, in Italia, il DdT Peppol è richiesto solamente dalla regione Emilia-Romagna, attraverso il nodo Intercent-ER che ne ha curato, con AgID, l’implementazione. Il profilo adottato per lo sviluppo del DdT è il CEN WS/BII2 “Profile BII30 Dispatch Only”, il quale è stato esteso in base ai requisiti del modello italiano di e-Procurement.

Nel precedente articolo abbiamo parlato di soggetti coinvolti nel processo, di riferimenti all’ordine e di documenti collegati alla spedizione. Vediamo ora alcuni aspetti di dettaglio della spedizione, con particolare riferimento ai dati caratteristici del trasporto (peso, aspetto dei beni e trasportatore).

Specifiche tecniche sull'emissione da SAP

Nel tag è possibile indicare:
- peso lordo (GrossWeightMeasure) e unità di misura;
- volume (GrossVolumeMeasure) e unità di misura;
- numero colli (TotalTransportHandlingUnitQuantity);
- identificativo assegnato dal vettore alla consegna (Consignment:ID);
- dati anagrafici del vettore (CarrierParty e tag sottostanti);
- tempo stimato ed effettivo di spedizione/consegna (delivery e tag sottostanti).

Queste informazioni sono presenti in un IDoc standard estratto dal sistema SAP e possono essere agevolmente utilizzate per generare i tag corrispondenti.

Per specificare in riga le quantità ordinate, spedite e residue, si possono combinare i tag:
- DeliveredQuantity: quantità spedita;
- OutstandingQuantity: quantità residua che verrà spedita in seguito (se valorizzata) o che non verrà più spedita (se zero);
- AdditionalItemProperty: è un tag composito utilizzato per specificare la quantità unitaria per ciascuna confezione, in cui i tag PackSizeNumeric e PackQuantity definisco il rapporto unità/confezione (o CU/TU).

L’emissione del DdT Peppol da un IDoc SAP richiede, per la valorizzazione delle quantità residue e dei multipli di confezione, alcuni interventi di customizzazione specifici, senza i quali risulta difficile valorizzare il tracciato Peppol. Per le unità logistiche (o di spedizione) e gli imballi dobbiamo ragionare in un altro modo. Gli IDoc SAP con sintassi DELVRY e/o SHPMNT riportano informazioni complete circa la struttura ed il contenuto del packaging.

Pertanto, si possono agevolmente estrarre le principali informazioni previste dal tracciato DdT Peppol all’interno del tag TransportHandlingUnit:
- ID: identificativo dell’unità logistica (per esempio SSCC);
- TransportHandlingUnitTypeCode: tipo di unità logistica (cartone, cassa, pallet);
- ShippingMarks: contenuto libero dell’etichetta di spedizione;
- MeasurementDimentions: peso e volume dell’unità logistica;
- Package: tipo e codice identificativo dell’imballo che compone l’unità logistica.

La piattaforma DMP (Dedicated Microservices Platform), inoltre, si integra direttamente con sistemi SAP ECC ed S/4 ed è in grado di generare ed elaborare DdT Peppol a fronte di transazioni:
- Consegna (Tipo IDoc DELVRY);
- Documento di trasporto (Tipo IDoc SHPMNT).



Licenza di distribuzione:
FONTE ARTICOLO
Ilaria Regalin
Ufficio Marketing - Dedicated Italia Srl
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere