EVENTI

“I colloqui di Raggiolo”, una giornata di studi sull’arte casentinese

September 23 2020
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Una giornata di studio dedicata all’arte in Casentino tra quattordicesimo e quindicesimo secolo. Questo è il tema della sedicesima edizione de “I colloqui di Raggiolo” che sabato 26 settembre, a partire dalle 10.00, riunirà docenti universitari e studiosi dell’arte nei locali dell’Ecomuseo della Castagna di Raggiolo per un’occasione di formazione, di approfondimento e di confronto dedicata alla storia casentinese. L’iniziativa è promossa da La Brigata di Raggiolo, dall’Associazione di Studi Storici “Elio Conti”, dall’Università di Siena e dall’Ecomuseo del Casentino, in collaborazione con il Comune di Ortignano Raggiolo.

Una giornata di studio dedicata all’arte in Casentino tra quattordicesimo e quindicesimo secolo. Questo è il tema della sedicesima edizione de “I colloqui di Raggiolo” che sabato 26 settembre, a partire dalle 10.00, riunirà docenti universitari e studiosi dell’arte nei locali dell’Ecomuseo della Castagna di Raggiolo per un’occasione di formazione, di approfondimento e di confronto dedicata alla storia casentinese. L’iniziativa è nata nel 2005 ed è promossa da La Brigata di Raggiolo, dall’Associazione di Studi Storici “Elio Conti”, dall’Università di Siena e dall’Ecomuseo del Casentino, in collaborazione con il Comune di Ortignano Raggiolo.

L’accesso alla sala che ospita i lavori è consentito in numero limitato ed esclusivamente su prenotazione al 338/155.27.96 per garantire il rispetto delle norme di contenimento del Covid19, ma sarà possibile seguire “I colloqui di Raggiolo” anche in streaming su https://meet.google.com/osi-uwws-amj. «“I colloqui di Raggiolo” - commenta Paolo Schiatti, presidente de La Brigata di Raggiolo e promotore dell’iniziativa insieme al coordinatore scientifico Andrea Barlucchi, - rappresentano un importante momento di studio per conoscere e valorizzare la storia locale. Al termine dell’incontro verranno prodotti e pubblicati gli atti dell’iniziativa che arricchiranno la raccolta di documenti delle precedenti edizioni che, tra l’altro, hanno consentito a Raggiolo di conoscere aspetti inediti della propria storia che hanno aperto scenari di novità, anche in ordine allo sviluppo di nuove attività di promozione e di tutela».

Le testimonianze artistiche della vallata saranno il focus su cui verranno incentrati “I colloqui di Raggiolo”. Il Casentino è caratterizzato da castelli, pievi e santuari che conservano preziose opere di artisti, pittori e scultori tra cui spiccano quelle in terracotta invetriata di Andrea Della Robbia e dei suoi figli: su tale patrimonio architettonico, scultoreo e pittorico sarà posto l’accento nel corso della giornata per presentare nuove e inedite ricerche. Il programma si aprirà alle 10.00 con gli interventi “Architettura della pietra e ciclo economico. Dai lavori privati ai lavori pubblici. Il paradigma del Casentino” di Maria Cecilia Luschi, “Aperture ghibertiniane in territorio aretino” di David Lucidi, “Per l’esordio di Jacopo del Casentino: exit Maestro dell’Annunciazione Spinola” di Angelo Tartuferi e “Florilegio. Appunti sul patrimonio artistico della chiesa di San Michele Arcangelo a Raggiolo” di Serena Nocentini, proseguendo poi nel pomeriggio dalle 15.00 con “Una mappa dei cantieri del ‘400 ad Arezzo e in Casentino” di Giuseppina Romby, con “Sculture di luce. Sulle tracce dei Della Robbia in Casentino” di Fiamma Domestici, con “Nella santità dei luoghi. Lorentino d’Andrea e la sua bottega nelle chiese casentinesi durante il XV secolo” di Nicoletta Baldini e con “Santa Maria del Sasso: un fiore del Rinascimento” di Michel Scipioni.

Licenza di distribuzione:
Marco Cavini
Responsabile pubblicazioni - Uffici Stampa Egv di Cavini Marco
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere