ARTE E CULTURA

I Guerrieri dell'artista Kyrahm al Festival delle Arti di Ferrara

February 26 2018
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

a palazzo Scroffa il video della performance che ha commosso a Roma e a Venezia

Il 3 marzo alle ore 17.30 presso il Palazzo Stroffa sarà presentato a Ferrara il film "Ecce (H)omo, Guerrieri", intensa opera di Kyrahm per il Festival delle Arti a cura di Francesca Mariotti con il Patrocinio del Comune di Ferrara e Ferrara Film Commission.
Kyrahm, una delle protagoniste della performance e della live art italiana, ha affrontato il delicato tema della fragilità umana mostrando la crudezza poetica della vita attraverso un’opera sull’Amore, che nasce durante un travagliato periodo di problemi di salute dell’artista.

Film di una performance avvenuta dal vivo nel 2016 a Roma nel Palazzo Falletti e a Venezia per il Venice International Performance Art Week a cura di VestAndPage, una reunion dei nomi della body art storica e recente tra cui Marina Abramovic, Stelarc, ORLAN, Franko B, Marce-lì Antunez Roca, Yoko Ono, Marilyn Arsem.

L’opera si svolge entrando di stanza in stanza ed il pubblico si trova ogni volta a fare i conti con le proprie emozioni più recondite: nella prima room, una donna nonostante la malattia trova la forza di condividere un messaggio di speranza. Sono parole che l’artista Pepijoy ha voluto lasciare al mondo: tutti i protagonisti di quest’opera hanno preso parte al percorso performativo mostrando volontariamente se stessi senza pelle.
Nessuno interpreta un ruolo. Ognuno di loro è. Perchè la performance art, a differenza del teatro, è verità.

C’è Lilli, attivista LGBT che ha fatto ascoltare al pubblico le cassette con la voce registrata della compagna Teresa, persa dopo 23 anni d’amore: “attraverso questa performance mostro la mia parte più vulnerabile e la condivido con le persone, senza paura, è una dimostrazione di coraggio esporre le proprie fragilità.
Una donna di mezza età osserva il proprio volto segnato dal tempo e ripercorre la sua esistenza, forte il contrasto tra la caducità del suo corpo e l’intensità del suo sguardo ed ancora più estrema la contrapposizione tra una madre che gioca con la sua bambina e un figlio che si prende cura della madre anziana. La stessa neonata figlia di due madri è presente nella stanza di Lilli in un rimando struggente tra morte e vita, presenza e assenza.

Nell’ultima stanza un soprano intona “Lascia ch’io pianga” di Handel mentre Kyrahm stringe in una Pietas iconografica un ragazzo disabile, Nicola Fornoni, artista e performer.

Fondamentale è il ruolo della voce: la voce di chi non c’è più, la voce che cambia con il tempo e la malattia, il soprano lirico che accompagna ed eleva. Altrettanto importanti i silenzi: quando il soprano smette di cantare, Nicola e Kyrahm abbandonano la posizione della Pietas, si abbandonano ad effusioni e baci e si trasformano in amanti. Cacciato lontano è ogni pietismo, c’è spazio solo per un atto d’amore.


Hanno detto di Ecce (H)omo, Guerrieri:
“Una delle opere più belle e importanti a cui ho assistito in tutta la mia vita” (Giorgia Tribuiani, scrittrice)
“Un esempio di lotta e amore” (Elena Balestri, Funweek)
“Un’ azione così potente da poter essere definita la fotografia di un manifesto esistenziale” (Andrea Murnik, ricercatore NisemTu)
“L’opera instilla il desiderio di un ritorno arcadico alla natura” (Roberto Bracaglia, scena critica)

Trailer della videoperformance:
https://vimeo.com/172256604



Biografia dell’artista

Kyrahm, autrice, regista, artista visuale e performance artist internazionale, è una delle rappresentanti della live art italiana. Il suo sguardo verso la funzione sociale dell'artista si esprime con opere spesso sconvolgenti, sperimentando sul proprio corpo i limiti mentali e fisici. Cercando un costante dialogo con il cinema, la sua ricerca e' oggetto di studio presso Accademie e Universita' in Europa, negli Stati Uniti e in America Latina. Ha ottenuto in Italia e all'estero riconoscimenti e premi istituzionali presentando il lavoro presso numerose rassegne, mostre, festival, iniziative in tutto il mondo.
Ha curato dal 2009 al 2013 il Festival Internazionale della Performance MutAzioni.
Collabora con Julius Kaiser, videomaker e performance artist.

Premi
2015 i Obsolescenza del genere vince come miglior film d'artista sezione Comizi d'Amore dedicata a Pierpaolo Pasolini Festival del Cinema Arcipelago con la seguente motivazione:
"Kyrahm e Julius Kaiser affrontano le nuove frontiere dell'identita' di genere amalgamando, con disarmante incisivita' e poesia, live art e immagine video, il corpo dell'anima e l'anima del corpo.
Con la stessa stupefacente schiettezza di Pier Paolo Pasolini."
2010 miglior performance sezione Body Art Premio Adrenalina, MACRO Museo d'Arte Contemporanea di Roma
2009 Vincitori della sezione Performance Art del Premio Internazionale Arte Laguna di Venezia
2009 Tra le 30 migliori Performance Gender Exploration del Mondo, IDKex, Columbus, Ohio, USA

Credit e note di regia

Ecce (H)omo, Guerrieri
Performance Art e Video scritti e diretti da Kyrahm

Regia, soggetto, sceneggiatura Kyrahm
fotografia, montaggio Julius Kaiser

Cast
Nicola Fornoni, Kyrahm, Fulvia Patrizia Olivieri, Imma Mercadante, Lilli Quitadamo (loro stessi)
soprano: Keiko Murokawa
In proiezione: Marco Fioramanti e sua madre.


(Michela De Renzis, Anna Novelli – ufficio stampa)



Licenza di distribuzione:
FONTE ARTICOLO
Anna Novelli
Responsabile pubblicazioni - Numero d'Oro Associazione Culturale per la Ricerca e l'Attività Artistica Scientifica e Sociale
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere