ARTE E CULTURA

Il Museo dipartimentale Victor Schœlcher, Pointe-à-Pitre, Guadalupa, Francia

November 18 2019
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Nato dalla donazione, integrata da depositi concessi dallo Stato francese, da parte dell'uomo politico e artista, di opere d'arte e oggetti vari ed intesa come evocazione universalista della storia dell'arte occidentale e delle antiche civiltà.

Il Museo dipartimentale Victor Schœlcher, Pointe-à-Pitre, Guadalupa, Francia.
(rue de Marquis Louis de Thomassin Peynier, 24).

Nel 1883, Victor Schœlcher, uomo politico e artista affermato, offrì alcune delle sue collezioni al Conseil Général (Consiglio Generale) della Guadalupa per creare un museo, che sarebbe diventato il primo del suo genere sull'isola e in effetti in tutti i territori francesi d'oltremare.
Questa donazione, integrata da depositi concessi dallo Stato francese, consisteva in una diversa miscela di opere d'arte e oggetti vari ed era intesa come evocazione universalista della storia dell'arte occidentale e delle antiche civiltà.

La costruzione di un edificio in pietra calcarea neoclassica su due piani iniziò nel 1885. Il museo fu aperto il 21 luglio 1887, in coincidenza con l'83 ° compleanno di Victor Schœlcher. La mostra permanente è stata successivamente arricchita da numerose acquisizioni e ora offre al grande pubblico l'opportunità di scoprire la storia dei movimenti di schiavitù e abolizione.

Durante la Rivoluzione del febbraio 1848, Victor Schœlcher stava viaggiando a Sénégal, proseguendo le sue indagini sulla schiavitù, iniziata quasi venti anni prima. Fu richiamato in fretta dal suo amico, François Arago, ministro della Marina e delle colonie durante il governo provvisorio della Seconda Repubblica, che lo incaricò di organizzare una commissione per l'abolizione della schiavitù. Il decreto che seguì, del 27 aprile 1848, abolì definitivamente la schiavitù nelle colonie francesi.

Schelcher fu eletto deputato della Martinica e della Guadalupa tra il 1848 e il 1850. Rifiutando di sottomettersi al regime del Secondo Impero, visse in esilio in Inghilterra per più di diciotto anni. Dopo l'abdicazione di Napoleone III, Schelcher tornò in Francia e fu rieletto deputato della Martinica nel 1871. Il 16 dicembre 1875 fu eletto senatore inamovibile.

"Qualsiasi violenza commessa anche contro il membro più insignificante della razza umana, colpisce tutta l'umanità; ognuno di noi dovrebbe essere preoccupato dall'oppressione di persone innocenti, come noi stessi diventeremmo vittime, se una persona più forte venisse a rendere noi sottomessi. La libertà degli umani è parte integrante della libertà universale; non possiamo manomettere l'uno senza compromettere l'altro. " --Victor Schœlcher, Sulle colonie francesi: l'abolizione immediata della schiavitù , 1842

Licenza di distribuzione:
Maura Capanni
Corrispondente settore cultura - RETERICERCA
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere