SPORT

Il Palazzetto del Nuoto di Arezzo non potrà riaprire il 25 maggio

May 22 2020
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

La chiusura del Palazzetto del Nuoto di Arezzo sarà prorogata oltre alla data del 25 maggio. A comunicarlo è il Centro Sport Chimera, società di gestione dell’impianto, che rende nota l’impossibilità tecnica di un’immediata riattivazione per la necessità di effettuare tutti gli interventi di manutenzione e di adeguamento alle misure igienico-sanitarie previste da protocolli e decreti. Il Centro Sport Chimera sta vivendo giorni particolarmente intensi per valutare le implicazioni delle attuali normative e i conseguenti costi, con l’obiettivo di favorire la ripresa dell’attività natatoria nella garanzia di livelli di gestione ottimali: la prospettiva maggiormente percorribile sembra oggi rappresentata da una riapertura anticipata nel mese di agosto.

La chiusura del Palazzetto del Nuoto di Arezzo sarà prorogata oltre alla data del 25 maggio. A comunicarlo è il Centro Sport Chimera, società di gestione dell’impianto, che rende nota l’impossibilità tecnica di un’immediata riattivazione per la necessità di effettuare tutti gli interventi di manutenzione e di adeguamento alle misure igienico-sanitarie previste da protocolli e decreti.

La riapertura di una piscina dopo un lungo periodo di stop forzato in cui non è stato possibile attuare alcuna tipologia di intervento da parte dei gestori richiede una dettagliata programmazione di alcune settimane per le manutenzioni ordinarie e straordinarie, le sanificazioni, la taratura delle numerose apparecchiature elettroniche, la riprogrammazione dei software e infine il riempimento delle vasche. A queste procedure dovranno inoltre essere affiancati gli interventi straordinari per la prevenzione del contagio da Covid-19. Il Centro Sport Chimera sta dunque vivendo giorni particolarmente intensi per valutare le implicazioni delle attuali normative e i conseguenti costi, con l’obiettivo di favorire la ripresa dell’attività natatoria nella garanzia di livelli di gestione ottimali per il funzionamento di un impianto tanto complesso e oneroso. «Oltre ai tempi per risolvere i problemi tecnici - commenta Valter Magara, presidente del Centro Sport Chimera, - la riapertura non può prescindere dalle risorse economiche che, ad oggi, rappresentano un serio problema. L’impianto, inoltre, è una piscina coperta che nei mesi di giugno e luglio registra una frequenza drasticamente ridotta per poi riprendere la propria attività a settembre, dunque la prospettiva maggiormente percorribile è oggi rappresentata da una riapertura anticipata già da agosto. Vorrei tranquillizzare gli utenti: stiamo lavorando per riorganizzare le attività e coloro che non hanno potuto completare i corsi o gli abbonamenti potranno farlo alla riapertura. Il Palazzetto del Nuoto è un patrimonio per la città di Arezzo e il nostro impegno è di restituire l’impianto alla piena funzionalità».


Licenza di distribuzione:
Marco Cavini
Responsabile pubblicazioni - Uffici Stampa Egv di Cavini Marco
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere