SICUREZZA INFORMATICA

Il recupero dati da NAS

November 4 2015
Scheda utente
Altri testi utente
RSS utente

Versatili e semplici nel loro utilizzo e configurazione rispetto ai tradizionali server sono i NAS. Ma è proprio questa loro semplicità che a volte è la causa di perdita dati.

Un NAS (Network Attachement Storage) è un dispositivo di archiviazione dati facente parte della rete aziendale, utilizzato in alternativa ai tradizionali server in quanto meno costoso.

Molto diffusi sia in ambito domestico che aziendale per la loro semplicità e praticità in quanto non richiedono una particolare configurazione.
Ora proprio questa semplicità di utilizzo potrebbe essere la causa di problematiche che insorgono nel loro utilizzo, specie se le persone che li utilizzano non sono all'altezza, causando ad esempio una cancellazione involontaria dei dati.

In queste situazioni si deve ricorrere ad un intervento di recupero dati da NAS.

Se il problema alla base della mancanza della raggiungibilità dei dati è di tipo logico è opportuno intervenire con software specifici ad utilizzo professionale.

Nella statistica, nel 98% dei casi si riesce sempre ad effettuare il recupero dei dati.

Le principali cause che richiedono un intervento di recupero dati sono:

- Cancellazione accidentale
- Sovrascrittura
- Guasti ai dischi rigidi
- Inizializzazioni errate
- Sbalzi elettrici
- Errato rebuild del raid
- Crash nel rebuild

Grazie all'aiuto di validi collaboratori sono in grado di effettuare un recupero dati da NAS in qualsiasi dei casi sopra elencati.

Per maggiori informazioni non dovrete fare altro che contattarmi, sono a vostra completa disposizione.



Licenza di distribuzione:
FONTE ARTICOLO
Alessio Arrigoni
Responsabile pubblicazioni - Alessio Arrigoni
Vedi la scheda di questo utente
Vedi altre pubblicazioni dell'utente
RSS di questo utente
© Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? Leggi come procedere